Cessione del credito da finanziaria a Banca Ifis - Come mi devo comportare?

Ho ricevuto comunicazione da finanziaria che il mio credito è stato ceduto a Banca Ifis, la quale mi ha ora contattata tramite un loro collaboratore: immagino che sia un credito pro soluto e che quindi sia stato venduto per un importo di molto inferiore rispetto all'originario ancora dovuto. Come mi devo comportare, tenuto conto che sono intestataria di un immobile? Aspetto una loro proposta? Da come ho letto in altri post, non mi conviene fare proposta a saldo e stralcio.

Lei non riferisce il contenuto del colloquio intercorso con il collaboratore di Banca IFIS, né l'importo del debito, né se dispone di redditi da lavoro dipendente. Dobbiamo, pertanto, necessariamente restare nel vago.

Sicuramente dovrà chiedere, quando si entrerà nel merito dell'adempimento, un estratto conto cronologico della sua posizione, per verificare la correttezza del debito residuo di partenza e le modalità di applicazione degli interessi moratori.

Tanto premesso, l'evoluzione del contenzioso stragiudiziale dipenderà molto dalla sua propensione al rischio. All'estremo, potrà dichiararsi irremovibile su una soluzione a saldo stralcio che riterrà conveniente, una linea del Piave, insomma: consapevole, tuttavia, che Banca Ifis potrà promuovere azione giudiziale finalizzata a iscrivere ipoteca sull'immobile di sua proprietà (il che potrà costituire un problema in futuro, ma comunque circoscritto) o, addirittura, ad espropriare il bene. In quest'ultima eventualità potrà, comunque, agire in sede di conversione del pignoramento, saldando il debito gravato, però, dalle spese per la procedura esecutiva.

In altre parole, si tratta di giocare una partita a poker, ne più, né meno, sperando che il creditore non venga a vedere le sue carte. L'alternativa è quella di accettare passivamente la richiesta di Banca IFIS, consentendo alla società un ritorno molto redditizio sul piccolo investimento effettuato (l'acquisto del credito vantato nei suoi confronti dalla finanziaria originaria).

1 febbraio 2018 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo transattivo a saldo stralcio
cessione del credito
recupero crediti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accordo a saldo stralcio, debito rinunciato e illegittima segnalazione in Centrale Rischi - Il punto di vista dei giudici romani
Assume una chiara valenza transattiva l'accordo a saldo stralcio concluso con la banca, se quest'ultima, pur facendo riferimento - nella quietanza liberatoria - al debito originario parzialmente rimborsato, dichiara testualmente che l'obbligazione è stata integralmente estinta, con riferimento quindi anche alla quota eventualmente non escussa. In pratica, ciò vuol dire ...
Accordo a saldo stralcio - Come deve essere redatto il testo della quietanza liberatoria
Quando il debitore non rispetta il piano di rimborso del prestito che gli è stato erogato e successivamente raggiunge un accordo transattivo a saldo stralcio con la società di recupero cessionaria del credito, particolare cautela va riservata alle modalità con cui deve essere redatta la quietanza liberatoria. Soprattutto se si ...
Recupero crediti - L'accordo a saldo stralcio non integra una transazione novativa
Spesso il debitore perfeziona con il creditore (banca, finanziaria o società di recupero crediti) un accordo transattivo a saldo stralcio che prevede un notevole abbattimento dell'importo originario dovuto (gravato dagli interessi di mora) ed un piano di rientro rateale. Capita, talvolta, che il debitore non riesca, comunque, a tener fede ...
Accordo a saldo stralcio in caso di leasing
Il leasing è la tipologia di credito con la quale è più difficoltoso arrivare a transare un saldo e stralcio, in quanto la società erogante ha il coltello dalla parte del manico, costituito dalla possibilità di recuperare il bene velocemente - e se il debitore rifiuta di riconsegnarlo c'è la ...
Accordo transattivo a saldo stralcio - Illegittima la segnalazione in Centrale rischi per un debito rinunciato
Com'è noto, le disposizioni che regolano le modalità e i presupposti delle segnalazioni nelle Centrali Rischi, pubbliche e private, prevedono che il creditore (banca, finanziaria e società di recupero crediti) anche quando addiviene ad una definizione transattiva, sia sempre tenuto a procedere alla segnalazione, sebbene limitatamente alla quota parte dell'importo ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca