Cedolare secca o contratto a canone libero cosa conviene di più?

Sono una ragazza madre senza occupazione, ho un monolocale di proprietà con relativo garage che ho affittato a 450,00 euro al mese, stipulando un regolare contratto di locazione a canone libero, per 4 anni senza mai applicare l'aumento ISTAT sull'affitto.

Dovendo adesso rinnovare il contratto per ulteriori 4 anni, mi è stato suggerito di farlo con la formula della cedolare secca, ma nel mio caso: di persona con nessun altro reddito se non quello ricavato dall'affitto dell'appartamento, mi converrebbe utilizzare questa formula?

Al momento, io pago annualmente l'irpef tramite modello unico (anche se le tasse che dovrei pagare sono equiparate dalla spese sostenute per cui in realtà non verso nulla in più) e le tasse di registrazione del contratto (110,00 euro divisi a metà con l'inquilino), data questa situazione la cedolare secca potrebbe effettivamente convenirmi in qualche modo?

Stante il livello di reddito attualmente percepito, è assolutamente da escludere la convenienza economica di una scelta del regime di tassazione noto come "cedolare secca".

Qualora, in futuro, il reddito da lei percepito dovesse lievitare in modo consistente, avrà sempre tempo per applicare la cedolare al contratto già in corso, attendendo la scadenza della prima annualità contrattuale successiva al miglioramento delle condizioni reddituali.

16 gennaio 2014 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

modello unico

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cedolare secca » Ridotta l'aliquota: sarà al 10% sugli affitti a canone concordato
Partono le disposizioni sulla cedolare secca: sarà al 10% sugli affitti a canone concordato La riduzione sarà in vigore fino al 2017 e potrà essere applicato anche agli studenti. I vantaggi si faranno sentire fin dalla prossima dichiarazione dei redditi per chi ha già in corso un contratto agevolato, risparmiando ...
Dichiarazione dei redditi da locazione - sistema ordinario e cedolare secca
Per le abitazioni concesse in locazione è possibile scegliere il regime di tassazione definito "cedolare secca" sugli affitti che prevede l'applicazione di un'imposta che sostituisce, oltre che l'Irpef e le addizionali regionale e comunale, anche le imposte di registro e di bollo relative al contratto di locazione. L'opzione per l'applicazione ...
Cedolare secca » Il vademecum
All'interno dell'articolo cercheremo di spiegare cosa, praticamente, è la cedolare secca, chi può beneficiarne e quali vantaggi comporta. La cosiddetta cedolare secca è un regime facoltativo, che si sostanzia nel pagamento di un'imposta sostitutiva dell'Irpef e delle addizionali (per la parte derivante dal reddito dell'immobile). In più, per i contratti ...
Cedolare secca » Tutto quello che c'è da sapere sul regime fiscale facoltativo applicato ai contratti di locazione
Nell'articolo che segue, scopriamo tutto quello che c'è da sapere sul regime fiscale facoltativo della cedolare secca applicato ai contratti di locazione. La cedolare secca è un regime facoltativo, che si sostanzia nel pagamento di un'imposta sostitutiva dell'Irpef e delle addizionali (per la parte derivante dal reddito dell'immobile). In più, ...
Redditi da locazione - quale scelta fra Irpef e cedolare secca
Per l'immobile concesso in locazione il locatore ha la possibilità di scegliere di non far cumulare il canone annuo agli altri suoi redditi (sul cui totale andrà calcolata l'Irpef), optando per il regime fiscale della cedolare secca. Se questa scelta non è stata fatta, il reddito da tassare sarà costituito ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca