Cauzione locazione commerciale

Ho preso in locazione un locale commerciale: il proprietario è persona giuridica e quindi emette fattura soggetta ad iva (100 euro al mese + iva). Avevamo concordato una cauzione di euro 1500 (iva esclusa) da consegnare in 3 rate da euro 500 entro il primo anno. Ho pagato euro 500 subito, e dovrò pagare le altre 2 rate da 500. Ora, trovandomi in difficoltà, ho chiesto al proprietario di restituirmi le euro 500 (con accordo scritto e bonifico) Lui potrebbe essere d'accordo, ma, essendo una situazione desueta, non vorrebbe trovarsi alla fine della locazione a dovermi restituire la stessa somma 2 volte. anche perchè, secondo l'art.11 legge 392-78 le mensilità di cauzione sarebbero dovute essere solo 3 (300 euro), quindi potrei fare a meno di dargli le altre 1000 concordate (ricordo che è un locale commerciale)

Senza scomodare la legge sull'equo canone, c'è un contratto di locazione che prevede un deposito cauzionale di 1500 euro e una fattura di 500 euro che è già stata emessa.

Gli altri mille euro non sono automaticamente dovuti al conduttore a fine locazione, pur in presenza di clausole contrattuali espresse, se non ci sono ricevute quietanzate.

Peraltro, il locatore potrebbe anche notificarle una comunicazione di diffida e messa in mora per il mancato pagamento di quanto pattuito a titolo di deposito cauzionale. E, a questo punto, il rischio di essere sbattuto fuori per inadempimento contrattuale (pur in presenza di uno specifico accordo verbale) sarebbe solo del conduttore.

Resta il problema dei 500 euro: se il conduttore resta indietro con i pagamenti per cinque mensilità, ed ancora il locatore gli contesta formalmente la circostanza, le cinque mensilità potranno essere compensate, a fine locazione, con il parziale deposito cauzionale già corrisposto.

Anche in questa ipotesi, il rischio (conclamata morosità) delle conseguenze di questo accordo "desueto" resta a carico del solo conduttore che, in cambio del beneficio che ne riceve, dovrà fidarsi esclusivamente della correttezza del locatore.

22 dicembre 2014 · Annapaola Ferri

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratto di locazione » Ritardo nel pagamento del canone? Sfratto autorizzato
Il contratto di locazione può decadere anche per una sola rata non pagata dal conduttore. Il mancato pagamento di una sola rata, o anche il semplice ritardo nel versamento, può giustificare la risoluzione del contratto di locazione se previsto da una clausola risolutiva espressa. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla ...
Locazione di un bene immobile sottoposto a pignoramento
Come noto, in base al Codice civile (articolo 2912), il pignoramento di un bene di proprietà del debitore comprende anche gli accessori, le pertinenze e i frutti della cosa pignorata. Ne consegue che il proprietario-locatore di bene pignorato non è legittimato ad esercitare le azioni derivanti dal contratto di locazione ...
Deposito cauzionale per l'immobile locato - Va restituito al rilascio anche in presenza di danni se il locatore non propone domanda giudiziale per la sua attribuzione
Una volta che la locazione si è conclusa con la restituzione del bene, il locatore non può rifiutarsi di restituire il deposito sulla base di generiche contestazioni o, semplicemente, riservandosi di agire in un separato giudizio per il risarcimento dei danni. L'obbligo del locatore di restituire al conduttore il deposito ...
L'indennità per la perdita dell'avviamento commerciale spetta al conduttore anche se dopo la disdetta ha trasferito altrove la propria attività
L'indennità per la perdita dell'avviamento commerciale spetta al conduttore per il solo fatto che il locatore abbia assunto l'iniziativa di non proseguire la locazione e che l'intervenuta disdetta inviata dal locatore è idonea a far sorgere, ove ne ricorrano gli altri presupposti, il diritto del conduttore all'indennità di avviamento. Risulta ...
Canone di locazione » Mai più pagamenti in contanti
Canone di locazione per affitti: mai più pagamenti in contanti. Per garantire la tracciabilità dei pagamenti e porre un freno alla piaga degli affitti in nero, l'inquilino dovrà pagare il proprietario di casa tramite assegni, bonifici e qualunque forma rintracciabile di denaro . Con l'entrata in vigore della legge di ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca