Causa separazione devo rilevare io il 50% della casa coniugale - come fare?

Sono in fase di separazione giudiziale (Penso finirà in consensuale...)

Nel 2007 abbiamo comprato la casa coniugale cosi facendo: mia ex moglie 40000 euro di caparra,io quasi altrettanti in mobili e varie.

Ora la mia ex nel 2009 ha versato ulteriori 100.000 euro di caparra per una casa nuova tutta sua in altro paese.

Il mutuo sulla casa coniugale intestato ad entrambi l'ho sempre pagato io tramite mio conto corrente e siamo in regime di separazione di beni. Ora la mia ex moglie non riesce a rogitate la sua casa nuova perchè ancora intestata al mutuo sulla casa coniugale e si trova alle strette perchè esige da me subito i 40000 euro versati come caparra ed in più vuole la liberatoria.

Ad oggi lei vive già da un anno nella sua casa nuova seppur senza aver rogitato mentre io vivo nella casa coniugale da dove la mia ex se ne è andata ovviamente portandosi via tutto.

Il mio quesito è : può la mia ex pretendere tutti quei soldi che oltretutto materialmente non ho? Che soluzione si può prospettare secondo voi? Io finchè continuo a pagare il mutuo per tutti e due nessuno può buttarmi fuori casa o sbaglio? Quanto potrebbe realisticamente pretendere la mia ex moglie?

Anche io le auguro una separazione consensuale, il che vuol dire che troverete un accordo anche su tutte le questioni economiche e patrimoniali pendenti.

4 giugno 2012 · Genny Manfredi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Separazione ed assegnazione della casa coniugale - mancata impugnazione e modificabilità del provvedimento
Il provvedimento di assegnazione della casa coniugale può essere modificato in sede di appello, anche se non è stato oggetto di specifica impugnazione, per circostanze sopravvenute. È quanto affermato dalla Corte di Cassazione, con la sentenza del 28.04.2010 numero 10222. In particolare la Corte ha ritenuto che il trasferimento dell'unico ...
Separazione personale tra coniugi » Ex casa coniugale in affitto: ora chi paga il contratto di locazione?
Separazione personale tra due coniugi: in caso di contratto di locazione per l'ex casa coniugale, il padrone di casa da chi deve pretendere il pagamento dell'affitto? Chiariamo la questione nell'articolo seguente. Come sappiamo, nella fattispecie di una separazione personale tra due coniugi, durante la controversia in tribunale, viene decisa anche ...
Diritto di abitazione della casa coniugale per separazione personale - non opponibile se ottenuto dopo l'iscrizione di ipoteca
Non è fondata l'opponibilità del proprio diritto di abitazione sulla anteriorità della data di assegnazione della casa coniugale rispetto alla data di trascrizione del pignoramento se sul bene oggetto di espropriazione insiste una precedente iscrizione ipotecaria del creditore ipotecario. Il diritto di abitazione conseguito in forza dell'assegnazione della casa coniugale ...
Separazione » Si configura il reato di appropriazione indebita se si sottraggono beni dall'ex casa coniugale
Dopo la separazione, qualora un ex coniuge sottragga dei beni dall'ex casa coniugale commette il reato di appropriazione indebita. Il coniuge che non prenda di buon grado la pronuncia del giudice e si appropri, prima di lasciare la casa assegnata all'ex di una serie di beni, come oggetti di arredo, ...
Assegnazione della casa coniugale post divorzio » All'ex marito se disabile
In sede di divorzio, l'assegnazione della casa coniugale può essere concessa all'ex marito disabile, anche se non è stato indicato come coniuge affidatario della prole. Di solito, come da consoldiata giurisprudenza, in caso di separazione, l'assegnazione della casa coniugale spetta al coniuge che ha ricevuto l'affidamento dei figli. Ma sembra ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca