Causa per euro 1900 di parcella avvocato – La competenza è del Giudice di Pace?

Argomenti correlati:

Il mio avvocato, regolarmente incaricato, chiede saldo sue competenze, da me educatamente contestate per EVIDENTI ERRORI DIMOSTRABILI (per tale motivo , mi scrive che si riserva di valutare e formalizzare denuncia!!).

L’importo residuo richiesto (di una parcella di circa 5/6 mila euro già pagata in parte) è di € 1.900. La eventuale causa sarà presso Giudice di Pace? .
In questo caso posso DIFENDERMI da SOLO senza Avvocato ?

L’avvocato chiederà al giudice l’emissione di un decreto ingiuntivo, a carico del cliente inadempiente, ex articolo 633 del codice di procedura civile sulla base del mandato conferitogli e di una parcella approvata dal consiglio dell’ordine forense.

Al decreto ingiuntivo, quando sarà notificato, il cliente potrà opporsi, esclusivamente con il supporto tecnico di un legale, potendo limitare la contestazione all’effettiva erogazione della prestazione o all’entità del compenso preteso (quest’ultima missione pressoché impossibile, qualora la parcella sia stata vidimata dall’ordine forense).

Il cliente, a propria tutela, potrà ricorrere alla negoziazione assistita (ex decreto legge 132/2014) e, qualora tale procedura sortisca esito negativo, citare l’avvocato in giudizio per vedere accolta la richiesta di risoluzione del mandato per inadempimento del professionista, con la contestuale restituzione dell’anticipo versato ed il risarcimento del danno eventualmente patito.

Per la natura della controversia, dovendo essere necessariamente richiesti la restituzione dell’intero compenso già anticipato e l’annullamento del debito residuo, il contenzioso giudiziale non potrà che essere incardinato presso il Tribunale, previo esperimento di un tentativo di mediazione obbligatorio, pena l’improcedibilità della domanda.

10 Agosto 2018 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Giudice di pace » Considerazioni sulle cause sotto i 1100 euro senza avvocato
Giudice di pace: come noto, c'è la possibilità di presentarsi in giudizio senza avvocati per cause con valore fino a 1.100 euro. Ma al consumatore/debitore conviene questa pratica? Cerchiamo di chiarirlo nel prosieguo dell'articolo. Come noto, è di 1.100 euro il limite di valore entro il quale si può stare in giudizio senza l'assistenza legale di fronte al giudice di pace. La competenza dei giudice di pace, infatti, è stabilita dall'articolo 7 del Codice di procedura civile. In base a questa norma il giudice di pace è competente per le cause relative a beni mobili di valore non superiore a ...

Sinistri e danni causati da strade dissestate » Nella causa per risarcimento è competente il tribunale e non il giudice di pace per importi superiori a 5 mila euro
A chi rivolgersi se si vuole intentare una causa di risarcimento per danni derivanti da sinistri causati da macchie d'olio presenti sull'asfalto, strade dissestate o ostacoli presenti sulla carreggiata? La causa contro il Comune o la società autostradale promossa dall'autista di un veicolo, il quale circola su una strada pubblica, che ha subito un danno, sia personale che all'automobile, a causa delle pessime condizioni della strada è di competenza del Giudice di pace per le richieste di risarcimento di valore fino a cinquemila euro. Per quelle superiori, invece, scatta la competenza del Tribunale. Infatti, anche se il codice di procedura ...

Contenzioso giudiziale fra avvocato e cliente - Gli interessi per ritardato pagamento decorrono dalla data di liquidazione della parcella operata dal giudice
In ordine agli interessi per ritardato pagamento di una parcella, occorre rifarsi essenzialmente alla normativa del codice civile. Perché sia configurabile un colpevole ritardo nel pagamento del debito occorre che sussista una sufficiente certezza del suo importo: con la conseguenza che, qualora la determinazione del credito venga affidata al giudice, solo dalla liquidazione operata da questi può aversi un valido atto di costituzione in mora. In particolare, poi, quando insorge controversia tra l'avvocato ed il cliente circa il compenso per prestazioni professionali, il debitore non può essere ritenuto in mora prima della liquidazione del debito, che avviene con l'ordinanza che ...

Dove mi trovo?