Cartelle esattoriali quasi tutte pagate – ma l’inps continua a trattenere parte del mio tfr in via cautelativa

L’Inps mi ha trattenuto sul TFR, in via cautelativa, la somma di euro 10700. Inoltre mi sta trattenendo mensilmente 323 euro sulla pensione, ormai da 17 mesi, per un altro totale di circa 5500 euro, per un totale complessivo di circa 17000 euro.

Il mio debito con equitalia ammontava a 20500 euro, dico ammontava poichè con la rottamazione delle cartelle esattoriali senza interessi ho provveduto, giorno 6/5/2014 a saldare il mio debito risparmiando ben 6000 euro.

Ho pagato tutte le cartelle tranne una di 926 euro, dove la commissione tributaria mi ha dato sentenza favorevole.

Intanto, l’Inps si sta trattenendo quelle somme di cui a Equitalia non aveva dato nemmeno 1 euro, adesso per la restituzione di queste somme al sottoscritto, vuole la liberatoria da parte di Equitalia, che io ancora non posso avere per quella cartella che deve seguire il suo corso per lo sgravio, e mi minaccia che se non porto la liberatoria darà in questi giorni tutte le somme trattenute ad Equitalia.

Siamo di fronte agli effetti collaterali di applicazione della legge in base alla quale la Pubblica Amministrazione (nella fattispecie l’INPS) prima di pagare importi superiori a 10 mila euro deve interrogare gli archivi di Equitalia per verificare se il beneficiario del pagamento non abbia conti in sospeso.

E dunque, il problema si riduce ad attendere che scompaiano dal database di Equitalia i riferimenti alle cartelle esattoriali già pagate, fruendo della rottamazione. I tempi dovrebbero essere brevi.

Dopodichè, prima che venga definito, con il passaggio in giudicato, il contenzioso sulla cartella esattoriale oggetto di ricorso, potrebbe farsi certificare da Equitalia il debito reale ad oggi e presentare istanza all’INPS affinché riduca, sulla base del documento prodotto, la somma trattenuta in via cautelativa.

Può sembrare paradossale, ma se l’INPS trasferisse davvero ad Equitalia quanto trattenuto del suo TFR in via cautelativa, lei potrebbe ancora più facilmente rientrare in possesso di buona parte dei suoi soldi.

12 Maggio 2014 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cartelle esattoriali
Ho un debito con equitalia di 22 mila euro (tra inps e irpef), cosa che già mi sembra impossibile dato che ho lavorato in proprio solo 3 anni. Ma purtroppo non so come fare per risalire al vero consulenza-recupero-crediti-debito. Io sono sposato con separazione dei beni, la casa e le auto sono intestate a mia moglie....cosa può succedere se non paghiamo? Io lavoro da dipendente .... ...

Equitalia cartelle esattoriali cambio di residenza mai regolarizzato
salve ho scoperto un'iscrizione ipotecaria da parte di Equitalia mentre cercavo di concludere un atto di vendita su propietà indivise.L'ipoteca è stata iscritta nel 2007 sulla quota di mia madre per un debito di circa 1.500 euro relativo a più cartelle esattoriali dagli anni 90 fino ad oggi.Le relative notifiche(19 iscrizioni a ruolo della TARSU,5 dell'agenzia delle entrate e 1 riassuntiva di parecchi anni, dell'agenzia delle entrate di torino per canone tv)non sono mai state ricevute dall'interessata in quanto non ha mai provveduto a regolarizzare il passaggio di residenza dal '90 in poi.L'ente, essendo irreperibile il destinatario delle cartelle, ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Cartelle esattoriali quasi tutte pagate – ma l’inps continua a trattenere parte del mio tfr in via cautelativa del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cartelle esattoriali quasi tutte pagate – ma l’inps continua a trattenere parte del mio tfr in via cautelativa