Cartelle esattoriali non pagate - Quando si prescrivono e quali sono le regole di trasmissibilità del debito agli eredi?

Ho al momento una posizione debitoria nei confronti di Equitalia sull'ordine dei 20 mila euro: al momento sono residente negli Stati Uniti e non praticamente niente di proprietà in Italia.

Alcune domande (qualcuna ovvia ma cerco conferme):

  • in quanti anni il diritto di debito nei miei confronti decade (se decade)?
  • esiste alcuna possibilità che la mia posizione debitoria si trasmetta verso familiari o possano incorrere in problemi di qualche tipo?
  • conviene richiedere la propria posizione all'ufficio di Equitalia o la richiesta equivale legalmente ad una notifica e quindi ad una estensione dei termini (in ottica di poter vedere il diritto di debito decadere per decorrenza dei termini)?

I termini di prescrizione del diritto a riscuotere l'importo portato da una cartella esattoriale, correttamente notificata, variano a seconda della natura del debito: qualora la cartella esattoriale sia stata originata dall'omesso o insufficiente versamento di IRPEF, IRAP, IVA, il termine di prescrizione è decennale. Quinquennale per crediti riconducibili a sanzioni amministrative o tributi locali. Triennale in caso di omesso o insufficiente versamento della tassa automobilistica.

Il termine di prescrizione viene interrotto dalla notifica di una ingiunzione al pagamento o da azioni esecutive e cautelari (pignoramento, espropriazione, iscrizione di ipoteca, iscrizione di fermo amministrativo) anche infruttuose.

Il debito portato da cartelle esattoriali riconducibili a crediti erariali (IRPEF, IRAP, IVA), tasse e tributi locali si trasmettono agli eredi al netto delle sanzioni comminate ex lege al defunto e al lordo degli interessi legali. Il debito originato da cartelle esattoriali riconducibili a sanzioni amministrative (comprese quelle irrogate per violazioni al codice della strada) non si trasmettono agli eredi.

Al momento, la notifica di una cartella esattoriale si intende eseguita con la consegna dell'atto stesso nelle mani del destinatario o in quelle di soggetti legittimati, per legge, a riceverlo in vece del destinatario. Oppure con la trasmissione dell'atto via posta elettronica certificata, naturalmente se il destinatario è dotato di una casella PEC. Non si ha traccia di notifica di cartella esattoriale considerata dalla giurisprudenza correttamente notificata in seguito ad accesso agli atti o ad ispezione online della propria posizione debitoria presso Agenzia entrate-riscossione (che, lo ricordiamo, dal primo luglio 2017 ha assunto funzioni e competenze precedente svolte e detenute da Equitalia).

5 ottobre 2017 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale prescrizione e decadenza
prescrizione e decadenza dei debiti e dei crediti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Quando Equitalia definisce un soggetto inadempiente - La compensazione diretta delle cartelle esattoriali non pagate con i crediti vantati nei confronti della PA
Com'è noto, la Pubblica Amministrazione, prima di corrispondere a chiunque un importo superiore a diecimila euro, deve inoltrare ad Equitalia una richiesta di verifica della posizione debitoria del beneficiario. La procedura di accertamento, affidata ad Equitalia, si sostanzia nel verificare l'eventuale morosità del beneficiario rispetto all'obbligo di pagamento derivante dalla ...
Equitalia: decadenza dalla rateazione delle cartelle esattoriali » Consigli per il debitore
Come deve comportarsi il debitore che decade dalla rateazione delle cartelle esattoriali di Equitalia? Quali sono i rischi che corre, e quali gli espedienti che può utilizzare? Vediamolo nel seguente intervento. Il contribuente che non paga otto rate (cinque per le rateazioni concesse a partire dal 22 ottobre 2015), anche ...
Trasmissibilità agli eredi dei debiti contributivi INPS » L'unica salvezza è la rinuncia all'eredità
La domanda che ci si pone è se i debiti Inps si trasmettono agli eredi: gli eredi sono chiamati a pagare sia i contributi che gli interessi, salvo il diritto di rinunciare all'eredità. Una delle domande più spesso poste nel nostro forum è la seguente: gli eredi sono obbligati al ...
Cartelle esattoriali originate da multe » Il debito non si eredita
Cartelle esattoriali originate da multe: l'agente della riscossione non può richiedere il pagamento del debito di una persona deceduta ai suoi eredi. Molto spesso, alla morte di un parente caro, gli eredi, presi dalle numerose scartoffie che una successione comporta, e spesso distratti dal dolore per la perdita, non facciano ...
Intrasmissibilità agli eredi delle sanzioni amministrative e tributarie - Cosa accade se il decesso del debitore avviene nel corso del piano di rateazione
La legge dispone che l'obbligazione al pagamento delle sanzioni amministrative e tributarie (restano escluse quelle civili irrogate dall'INPS) non si trasmette agli eredi: l'applicazione della norma è immediata per quel che riguarda le sanzioni amministrative (in particolare le multe per infrazione al Codice della strada) o le cartelle esattoriali originate ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca