Cartelle esattoriali di importo inferiore ad euro 300 comprese in rateazioni già decadute - Vengono condonate?

In riferimento a questo articolo, chiedo se verranno cancellate anche la cartelle equitalia sotto € 300 contenute in rateizzazioni già decadute.

Per evitare ambiguità va chiarito, innanzitutto, che si parla di condono della cartella esattoriale di importo non superiore ai 300 euro per indicare un debito complessivo iscritto a ruolo, ad opera dello stesso creditore, di importo inferiore o pari ai 300 euro.

In pratica, ad esempio, se il credito iscritto a ruolo dall'Agenzia delle entrate è composto da più posizioni debitorie costituitesi nel tempo, ciascuna di importo non superiore ai 300 euro (per capirci, ad esempio, nel caso di canone RAI non versato per diverse annualità), ma che danno luogo ad una esposizione debitoria complessiva, rispetto ad Agenzia delle entrate, superiore ai 300 euro, il debito non verrà condonato.

Altro requisito per la condonabilità del debito iscritto a ruolo di importo inferiore o pari ai 300 euro è rappresentato dalla circostanza che devono essere trascorsi almeno tre anni dalla emissione della relativa cartella esattoriale, ed in tale periodo Equitalia non deve essere riuscita ad escutere il debitore (inesigibilità della pretesa).

Pertanto, nel caso di importo iscritto a ruolo pari o inferiore ai 300 euro, incluso in una posizione debitoria complessiva corrispondente ad una somma ben maggiore affidata ad Equitalia per la riscossione e di cui il debitore abbia richiesto ed ottenuto dilazione, anche ammesso che tale importo (non superiore ai 300 euro) sia riferito all'unica pretesa di un singolo creditore, viene a mancare il secondo requisito per la condonabilità: la richiesta di rateazione, anche se successivamente decaduta, infatti, caratterizza il debito (anche quello incluso e non superiore ai 300 euro) come ancora esigibile.

7 ottobre 2016 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale
condono sanatoria rottamazione definizione agevolata delle cartelle esattoriali

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Condono delle cartelle esattoriali inferiori o pari a 300 euro se sono trascorsi oltre tre anni dall'emissione
Secondo la Legge di stabilità 2015, saranno condonate le cartelle esattoriali inferiori a 300 euro, se sono trascorsi oltre tre anni dall'emissione. La Legge di Stabilità 2015 (Legge 23 dicembre 2014, n. 190 pubblicata in Gazzetta Ufficiale 29 dicembre 2014, n. 300) ha previsto, al comma 688, una nuova sanatoria ...
Rottamazione delle cartelle esattoriali di Equitalia: scatta la seconda fase » Ecco gli importi complessivi da pagare per gli aderenti
Per quanto concerne la ormai famosa rottamazione delle cartelle esattoriali di Equitalia, o definizione agevolata, si è appena giunti alla seconda fase, ovvero quella che prevede da parte da parte della società di riscossione la comunicazione degli importi complessivi da pagare per gli aderenti. Per poter meglio guidare i contribuenti ...
Equitalia » Calcolo della soglia per l'ipoteca: rientrano anche le cartelle esattoriali impugnate dal contribuente
Nella soglia di ventimila euro per l'ipoteca di Equitalia rientrano anche le cartelle di pagamento impugnate dal contribuente. Ai fini del calcolo della soglia oltre la quale può essere iscritta l'ipoteca, infatti, vanno computati anche i crediti oggetto di contestazione da parte del contribuente. E' irrilevante la contestazione del credito. ...
Quando Equitalia definisce un soggetto inadempiente - La compensazione diretta delle cartelle esattoriali non pagate con i crediti vantati nei confronti della PA
Com'è noto, la Pubblica Amministrazione, prima di corrispondere a chiunque un importo superiore a diecimila euro, deve inoltrare ad Equitalia una richiesta di verifica della posizione debitoria del beneficiario. La procedura di accertamento, affidata ad Equitalia, si sostanzia nel verificare l'eventuale morosità del beneficiario rispetto all'obbligo di pagamento derivante dalla ...
Pagamenti di importo inferiore a 5 euro anche con bancomat e carta di credito
I soggetti che effettuano l'attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito e di credito; tale obbligo non trova applicazione nei casi di oggettiva impossibilità tecnica. Al fine di promuovere l'effettuazione di operazioni di pagamento ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca