Debito esattoriale ereditato da mio padre con beneficio di inventario – Come estinguerlo?

Dopo la morte di mio padre (avvenuta 3 anni fa), ho subito accettato l’eredità con beneficio di inventario perché ho scoperto, da un’estrazione delle cartelle esattoriali presso Equitalia, debiti per circa 130 mila euro. I liquidi su conti bancari ammontano a circa euro 1.500. Mio padre aveva intestato 1/4 di un appartamento di cui io ora sono proprietario al 100%. Quindi io sono responsabile dei debiti di mio padre per il valore di 1/4 della casa più i relativi liquidi.

Vorrei sapere come poter estinguere i debiti presso Equitalia, in modo da poter evitare di ricevere le cartelle esattoriali.

L’erede che ha accettato con beneficio di inventario può formare, con l’assistenza di un notaio, lo stato di graduazione: i creditori conosciuti (gli stessi che vengono indicati dagli eredi beneficiari nella dichiarazione di eredità con beneficio di inventario) sono collocati secondo i rispettivi diritti di prelazione (privilegio, pegno, ipoteca); per quelli non aventi diritto di prelazione l’attivo ereditario è ripartito in proporzione dei rispettivi crediti.

Compiuto lo stato di graduazione, il notaio ne dà avviso con raccomandata ai creditori di cui è noto il domicilio o la residenza, e provvede alla pubblicazione di un estratto dello stato di graduazione nella Gazzetta Ufficiale. Trascorsi 30 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dello stato di graduazione, ed in assenza di reclami e/o nuove richieste di inclusione, lo stato di graduazione diviene definitivo.

Questa procedura ha dei costi molto rilevanti: tuttavia, l’attività di notifica ai creditori dello stato di graduazione consente, all’erede che ha accettato con beneficio di inventario, di eccepire la prescrizione triennale del diritto dei creditori, indicati nella dichiarazione di accettazione, ad agire esecutivamente nei suoi confronti.

La procedura descritta è regolata dall’articolo 499 e 502 (per quel che attiene la prescrizione breve triennale) del codice civile.

9 Febbraio 2019 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Accettazione dell'eredità con beneficio di inventario e termine triennale entro il quale devono agire i creditori inclusi nella eventuale lista di graduazione
Sei anni fa io, i miei fratelli e mia madre abbiamo accettato l'eredità di nostro padre defunto con il beneficio di inventario rispettando i tempi previsti. La nostra scelta fu dovuta alla proprietà di nostro padre di due immobili e alla contemporanea pendenza con Equitalia di circa 60 mila euro. Adesso leggo su questo articolo, o almeno così mi è parso di capire, che i diritti di rivalsa sull'inventario del defunto decadono se entro tre anni dalla stesura dell'inventario, il creditore non mette in essere azioni. È vero? ...

Ingente debito IVA del defunto ma anche immobili e soldi in successione - E se considerassi di accettare l'eredità con beneficio di inventario?
Qualche settimana fa è mancato mio padre, eredi siamo io e mia madre, c'e una cartella esattoriale, prevalentemente debiti IVA (circa 80 mila euro) relativi alla mia sas in liquidazione dal 2000. Io sono nullatenente e vivo in un appartamento intestato a mia madre, percepisco reddito di cittadinanza: i beni che erediterei sono 1/2 di un autoveicolo, valore 500 euro, circa 1000 euro da un conto cointestato dei miei genitori, e 1/4 (l'immobile era proprietà condivisa dei miei genitori) di un monolocale di vacanza in montagna, la cui quota di 1/4 stimiamo in 25000/30.000 euro. Molte persone, anche in campo ...

Accettazione dell'eredità con beneficio di inventario - Cosa fare a fronte di una richiesta di pagamento della tassa automobilistica per una moto intestata al defunto e gravata da fermo amministrativo?
Ho ricevuto una richiesta di pagamento per il bollo su una moto con fermo amministrativo. Il bollo in sé è dovuto in quanto dal 2017 si paga il bollo anche su veicoli con fermo. La mia domanda è: la richiesta è arrivata a nome di mio padre, intestatario della moto, deceduto a gennaio del 2015. il bollo è richiesto per il periodo da febbraio 2015 a gennaio 2016. Avendo io fatto l'accettazione con beneficio di inventario come mi devo regolare di fronte a un debito successivo alla morte? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debito esattoriale ereditato da mio padre con beneficio di inventario – Come estinguerlo?