Cartelle Equitalia info prescrizione

Ho diverse cartelle Equitalia intestate a me ed altri membri della mia famiglia oltre che alla mia ditta sas.

Non ho la possibilità di saldare tutte queste cartelle, ed ormai sono diversi anni che Equitalia non si fa viva (strano, ho la prima casa di proprietà, e il negozio dove esercito l'attività commerciale sempre di proprietà, ed ho appena svenduto la seconda casa dove per mia sorpresa non c'erano ipoteche, ho anche un'auto dove che io sappia non c'è fermo amministrativo).

On-line riesco a vedere i dettagli di tutte le cartelle con le date di notifica, si parte dal 2001 fino al 2013. Come funziona la prescrizione? Potrei considerare nulle quelle fino al 2009? Le cartelle per la maggior parte sono INPS e TARSU.

Ho anche un grosso debito con una banca dove avevo un fido di 20 mila euro che con gli interessi per sconfinamento fido è arrivato a 30 mila euro. Sono in trattative con la Italfondiario per un saldo stralcio per me molto conveniente. Ma resto con qualche perplessità, come mai non sono mai stati attuate forme di intimazione fino ad ora per questo debito e per quello di Equitalia?

Per INPS e TARSU, una volta notificata la cartella esattoriale, la prescrizione è quinquennale e può essere interrotta da un avviso di intimazione al pagamento, dalla disposizione di fermo amministrativo sul veicolo di proprietà del debitore o dall'iscrizione di ipoteca su un bene immobile del debitore.

La prescrizione deve essere fatta valere impugnando uno degli atti sopra indicati, entro 60 giorni dalla notifica.

Per il resto, oltre che osservare che non bisogna tener conto delle cartelle destinate ai propri familiari, che è ormai praticamente impossibile l'espropriazione esattoriale della prima casa di residenza del debitore, che per ipotecare la seconda casa il debito deve superare i ventimila euro e per espropriarla esso deve eccedere i 120 mila, si può solo dire che lei è un debitore fortunato.

7 ottobre 2014 · Loredana Pavolini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo bonario nel recupero crediti
che cosa è un accordo a saldo stralcio
come funziona il saldo stralcio
prescrizione tassa rifiuti
TARSU TARI TIA - prescrizione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Equitalia » Calcolo della soglia per l'ipoteca: rientrano anche le cartelle esattoriali impugnate dal contribuente
Nella soglia di ventimila euro per l'ipoteca di Equitalia rientrano anche le cartelle di pagamento impugnate dal contribuente. Ai fini del calcolo della soglia oltre la quale può essere iscritta l'ipoteca, infatti, vanno computati anche i crediti oggetto di contestazione da parte del contribuente. E' irrilevante la contestazione del credito. ...
Equitalia » Inutile vendere casa al marito per sfuggire al debito
Disfarsi in extremis della proprieta` del bene fingendosi incapiente, non e` un rimedio valido che salva da quanto dovuto a Equitalia per non aver pagato la cartella esattoriale notificata. L'agente della riscossione, ai sensi dell'articolo 49, comma 1, del Dpr 602/1973, può mettere in pratica ogni azione cautelare e conservativa ...
Equitalia » Fuori le carte di chi ha iscritto ipoteche per crediti sotto 8.000 euro
Ora Equitalia deve pubblicare le carte e i nomi di chi ha iscritto le ipoteche per crediti sotto gli 8 mila euro. Dopo il procedimento penale a carico del funzionario dell'agente della riscossione originato dalla querela del contribuente a causa dell'iscrizione ipotecaria effettuata sull'immobile di proprietà di quest’ultimo per crediti ...
Equitalia » Come fermare l'esecuzione forzata sull'immobile anche dopo la notifica dell'avviso di vendita
Se il contribuente onora il debito, ottiene la rottamazione o comunque vince un procedimento in tribunale per delle cartelle esattoriali illegittime, l'espropriazione (o pignoramento immobiliare) della sua casa deve essere fermata, anche se è già stato notificato l'avviso di vendita. Deve essere interrotta la vendita forzata immobiliare, avviata da Equitalia, ...
Apertura di credito in conto corrente - In caso di sconfinamento il tasso extra fido va applicato alla sola quota eccedente la disponibilità del fido
La clausola che prevede l'applicabilità del tasso extra fido a tutta la somma utilizzata (allora anche a quella intra fido) è nulla, risultando ingiustificatamente penalizzante e modificativo dell'equilibrio complessivo del contratto. Uno sconfinamento di modesta entità e durata non può provocare l'applicazione all'intera linea debitoria di un tasso differente rispetto ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca