Cartella esattoriale per multa pazza – Come effettuare il ricorso?


Nel 2016 ho ricevuto una multa per divieto di sosta: il bello è che l’automobile che è stata pescata in fallo non è la mia, non l’ho mai guidata, e nemmeno conosco il legittimo proprietario.

Così, davanti all’evidente errore, ho tralasciato il fatto e me ne sono anche dimenticata.

Ieri, però, mi arriva una bella cartella esattoriale dall’Ader relativa alla multa di cui parlo sopra.

Cosa devo fare per non pagare? Cosa devo scrivere nel ricorso?

Purtroppo, signora mia, mi sa che il danno è bello che fatto: lei, infatti, avrebbe dovuto essere più lesta e sveglia, in questo caso.

Ciò, poiché, in tali casi, va contestata la multa e non la cartella esattoriale.

Questo principio è confermato anche dalla Corte di Cassazione, la quale, con sentenza 7829/15 ha chiarito che le eccezioni relative all’accertamento effettuato, compresa quella di non essere proprietario, possessore, conducente del mezzo in questione, devono (e possono) essere sollevate sia in via amministrativa che, se necessario, con l’impugnazione del verbale nel termine di legge.

Dunque, in caso di multa pazza (errori grossolani) va contestato il verbale nei termini di legge, altrimenti, la successiva cartella esattoriale è legittima.

Mi spiace.

12 Febbraio 2018 · Giuseppe Pennuto



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cartella esattoriale per multa pazza – Come effettuare il ricorso?