Cartella esattoriale per canoni idrici - A chi presentare ricorso giudiziale?

Avverso una cartella esattoriale riguardante il mancato pagamento dei canoni idrici è possibile proporre opposizione all'esecuzione innanzi il Giudice di Pace (valore della controversia euro 580,60) per far valere l'intervenuta prescrizione dei credito vantato dal Comune? Occorre chiamare in giudizio sia l'ente di riscossione che l'amministrazione creditrice?

Con sentenza 39/2010, la Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità costituzionale di qualsiasi normativa che attribuisca alla giurisdizione del giudice tributario le controversie relative all'omesso o insufficiente pagamento del canone per lo scarico e la depurazione delle acque reflue, dal momento che tali importi hanno carattere di corrispettivo (e non di tributo) relativo ad una prestazione commerciale complessa la cui fonte è rappresentata dal contratto di utenza.

La giurisdizione del giudice tributario, infatti, deve ritenersi imprescindibilmente collegata alla natura tributaria del rapporto, per cui l'attribuzione alla giurisdizione tributaria di controversie non aventi natura tributaria comporta la violazione del divieto costituzionale di istituire giudici speciali.

Nelle cause di valore non superiore a millecento euro, il giudice di pace decide secondo equità e le sentenze sono inappellabili ma restano impugnabili con ricorso per cassazione.

Può essere indifferentemente chiamato in giudizio sia il concessionario/agente della riscossione sia l'amministrazione creditrice: il principio generale è che concessionario/agente della riscossione ed amministrazione creditrice sono solidali per quel che riguarda la legittimazione passiva: in pratica, però, conviene sempre chiamare in causa Equitalia quando non è chiaro a chi dei due soggetti sia imputabile il vizio contestato.

Nel caso in esame, ad esempio, la presunta intervenuta prescrizione della pretesa relativa alla debenza dei canoni idrici è riconducibile a ritardi nella procedura di iscrizione a ruolo o alla fase di emissione della cartella esattoriale dopo che il ruolo è stato reso esecutivo? Quindi meglio ricorrere contro Equitalia che, semmai, coinvolgerà nel giudizio l'amministrazione creditrice.

1 gennaio 2017 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

mediazione e ricorso cartella esattoriale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Esecuzione esattoriale ingiusta? L'Agente della riscossione deve essere condannato alle spese di lite anche se la responsabilità dell'azione esecutiva illegittima è da ascriversi alla Pubblica Amministrazione creditrice
Nella controversia con cui il debitore contesti l'esecuzione esattoriale, minacciata o posta in essere in suo danno, non sussiste motivo di esclusione della condanna alle spese di lite, né di compensazione delle stesse, nei confronti dell'agente della riscossione la circostanza che l'illegittimità dell'azione esecutiva sia da ascrivere all'ente creditore interessato. ...
Omessa notifica dell'avviso di accertamento - Una volta notificata la cartella esattoriale il contribuente può anche scegliere di contestare nel merito la pretesa dell'atto presupposto
In tema di riscossione a mezzo di cartella esattoriale, allorché il contribuente possa contestare sia la pretesa tributaria che la cartella come atto consequenziale, è rimessa al contribuente stesso la scelta di impugnare tale ultimo atto, deducendone ad esempio, la nullità per omessa notifica dell'atto presupposto, o contestando, in via ...
Cartella esattoriale per somme già pagate » Che fare?
In base alla direttiva del 6 maggio 2010, se il contribuente ritiene non dovuto l'importo richiesto dall'ente creditore, può presentare domanda di sospensione della riscossione direttamente all'Agente della riscossione, attraverso un'autodichiarazione supportata da documentazione giustificativa. Tale procedura è possibile solo nel caso di: pagamento effettuato prima della formazione del ruolo; ...
Sospensione della riscossione forzata esattoriale
In caso di notifica di una cartella con cui Equitalia richiede il pagamento di somme già effettuato, cosa occorre fare per bloccare le eventuali azioni esecutive o cautelari? Entro il termine di 60 giorni dalla notifica della cartella è possibile presentare a Equitalia, anche in via telematica, una dichiarazione di ...
Ricorso giudiziale avverso la cartella esattoriale
Una prima considerazione sui ricorsi riguarda le motivazioni utilizzabili per il ricorso: in generale la cartella esattoriale può essere contestata soltanto per vizi formali propri o di notifica, oppure per vizi di notifica dell'atto precedente. Se l'atto precedente risulta regolarmente notificato e non impugnato nei termini previsti, la cartella può ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca