Cartella esattoriale per recupero di un prestito erogato da INVITALIA e mai rimborsato

Argomenti correlati:

Ho ricevuto una cartella esattoriale per il recupero credito da parte di invitalia ex sviluppo italia spa: preciso di avere stipulato un contratto di finanziamento per l’apertura di una attività con Sviluppo Italia spa nel lontano 2005. Feci alcuni acquisti e poi per gravi problemi familiari non diedi seguito all’attività.

Sviluppo Italia spa nel 2011 ha inviato al mio vecchio indirizzo di residenza una ingiunzione di pagamento, che all’epoca venne sottoscritta da una mia vicina di casa, con cui sussiste una parentela di 5° grado (cugina). In effetti per motivi di lavoro mi trovavo con residenza acquisita in un altro posto.

Pongo i seguenti quesiti: è corretta la notifica effettuata nelle mani di una parente di 5° grado, con cui non sussiste alcun rapporto di convivenza ma semplicemente un rapporto di conoscenza, della ingiunzione di pagamento? 2° domanda l’iscrizione a ruolo viene richiesta nel 2015, ma la relativa cartella mi viene notificata nel nuovo indirizzo nel marzo 2019. Non sussiste in questi casi la prescrizione per un debito sorto nel lontano 2005? Inoltre entro quale termine deve essere notificata la cartella iscritta a ruolo da Invitalia nel 2015, è corretto dopo 4 anni? Faccio presente che nessun importo rateale del debito originario venne a suo tempo pagato.

Se all’epoca della notifica dell’ingiunzione di pagamento (nel 2011) la sua residenza risultava nei registri anagrafici di un altro Comune, allora, secondo i giudici della Corte di cassazione (sentenza numero 7830/2015) non basta che la persona cui sia stato consegnato l’atto sia in rapporti di parentela con il destinatario. Deve, invece, trattarsi di persona di famiglia o addetta alla casa del destinatario (quella che risulta dai registri anagrafici, ndr), di persona cioè a lui legata da un rapporto di convivenza che, per la costanza di quotidiani contatti, dà affidamento che l’atto sia portato a conoscenza del destinatario stesso.

Quanto sopra, salvo il caso in cui nel contratto di prestito sottoscritto fra debitore ed Invitalia, non fosse stata chiesta l’indicazione, ed accettata la clausola di esecuzione, di un domicilio a cui inviare tutte le eventuali comunicazioni relative al rapporto fra le parti.

Se la notifica del 2011 non è viziata (e l’eventuale vizio, come accennato, dipende anche dai contenuti del contratto sottoscritto fra le parti) la cartella esattoriale notificata nel 2019 è legittima. Altrimenti il debitore può invocarne l’intervenuta prescrizione.

Non trattandosi di escussione coattiva delle imposte sui redditi, regolata dal Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) 600/1973, una eventuale accezione di decadenza dei termini di notifica della cartella esattoriale a partire dalla data di iscrizione a ruolo del debito da parte di Invitalia, sarebbe del tutto inconferente.

Qualora la notifica dell’atto di ingiunzione del 2011 risultasse non viziata, il rimborso del credito erogato avrebbe potuto essere preteso nell’ambito del decennio prescrizionale (fino al 2021).

Nota bene: la risposta non cambia se il quesito viene riproposto in tempi successivi.

16 Marzo 2019 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cartella esattoriale per debito Invitalia non rimborsato - Cade in prescrizione?
Nel 2006 ho aperto un attività ed ho usufruito, dall'epoca Sviluppo italia, una somma a fondo perduto: nel 2009 causa crisi ho dovuto chiudere l attività, non riuscivo a pagare nemmeno i miei contributi. In data 20/02/2020 arriva una cartella di pagamento da parte dell agenzia dell entrate emessa da Invitalia di 19 mila euro da pagare entro 60 giorni: premetto che nel 2019 avevo richiesto la rottamazione ad Equitalia per i miei vecchi contributi non versati, ora Vi domando potrebbe cadere in prescrizione? Loro nella raccomandata fanno riferimento ad una notifica del 2017 che io non ho mai ricevuto ...

Cartella Invitalia rimborso fondo perduto
Ho ricevuto una cartella di Invitalia con una richiesta di riscossione per un totale di 22 mila e 597,34 euro. Nel 2004 ho ottenuto un finanziamento da Sviluppo Italia che stanziava fondi, in parte a fondo perduto, per aprire piccole attività. Dopo aver ricevuto i finanziamenti e aperto l'attività, li ho poi regolarmente restituiti e finiti di pagare nei successivi 5 anni con bollettini prestampati inviatimi da Sviluppo Italia, fino all'ultima rata del 31-12-2009. Ora mi arriva questa lettera che all'allegato recita Totale Erogato in conto capitale (a fondo perduto) € 8.342,76 Totale erogato in conto gestione (a fondo perduto) ...

Ingiunzione di pagamento invitalia recupero prestito a fondo perduto
Finanziamento a fondo perduto ricevuto nel 2003: chiudo la partita iva nel 2005 a causa delle perdite e comunico di proseguire l'attività con codice fiscale. Adempio a tutte le rate del piano di ammortamento. Nel 2010 mi dicono che posso chiedere provvedimento di chiusura/liberatoria e mi girano gli estratti conto dei pagamenti effettuati. Nel 2011 tuttavia ricevo provvedimento di revoca dei benefici. Motivazione: chiusura dell'attività prima dei 5 anni. Mi chiedono di restituire la restante parte del finanziamento precedentemente coperto dal beneficio del "a fondo perduto": 9000 interessi 9000 capitale 5000 spese gestione Nel 2019 ingiunzione pagamento. Che conviene fare? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cartella esattoriale per recupero di un prestito erogato da INVITALIA e mai rimborsato