Cartella equitalia tarsu non pagata per immobile ove non ero più residente

Il 29 dicembre mi è stata notificata una cartella esattoriale per Tarsu non pagata per gli anni 2010 e metà 2011 (omessa denuncia), ma in realtà non risiedevo più nell'immobile già dall'estate 2009 avendo appunto cambiato residenza a luglio 2009. Cosa devo fare?

PS: Invero, attendevo la sanzione per omessa denuncia per l'immobile dove ho trasferito la residenza

Le conviene recarsi negli uffici comunali preposti alla riscossione della tassa per la raccolta dei rifiuti solidi urbani per denunciare la fine occupazione dell'immobile di cui alla vecchia residenza (ricorso amministrativo in autotutela).

Naturalmente, se vecchia e nuova residenza insistono nello stesso Comune, verrà effettuato lo sgravio della cartella esattoriale (escluse le sanzioni per omessa denuncia) e le verrà contestualmente notificato l'avviso di accertamento della tassa per gli ultimi sei anni relativamente all'indirizzo in cui si è trasferito nel 2009.

Se il Comune di nuova residenza è diverso, dovrà seguire la pratica con attenzione: il ricorso in autotutela non sospende i termini di quello giudiziale per cui il mancato accoglimento dell'istanza potrebbe comportare l'obbligo di pagare la tassa sui rifiuti due volte per il biennio 2010/11.

4 gennaio 2016 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale o ingiunzione fiscale per TARSU TARI o TIA
TARSU TARI TIA - mancata denuncia di inizio o fine occupazione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Agevolazioni fiscali per acquisto prima casa da parte di coniugi in comunione legale - Se uno dei coniugi non trasferisce la residenza anagrafica nell'immobile acquistato è necessario dimostrare la coabitazione
Per quanto riguarda l'imposta di registro e i relativi benefici per l'acquisto della prima casa da parte di coniugi in comunione legale, il requisito della residenza va riferito alla famiglia, per cui ove l'immobile acquistato sia adibito a tale destinazione non rileva la diversa residenza di uno dei due coniugi ...
Dichiarazione dei redditi – presentazione in ritardo
Se la dichiarazione è presentata con ritardo non superiore a novanta giorni, la violazione può essere regolarizzata eseguendo spontaneamente, entro lo stesso termine, il pagamento di una sanzione di 32 euro, pari ad 1/8 di 258 euro, ferma restando l'applicazione delle sanzioni relative alle eventuali violazioni riguardanti il pagamento dei ...
Agevolazioni fiscali prima casa - Per fruirne non basta stipulare contratti di fornitura di energia
La fruizione dell'agevolazione fiscale prima casa richiede che l'immobile sia ubicato ove l'acquirente ha, ovvero ove stabilisca la residenza entro un anno dall'acquisto senza che alcuna rilevanza giuridica possa essere riconosciuta né alla realtà fattuale, ove questa contrasti con il dato anagrafico, né all'eventuale ottenimento della residenza oltre il limite ...
Agevolazioni prima casa per immobile in costruzione
La circostanza che l'immobile fosse in costruzione al momento della registrazione dell'atto di compravendita e che, solo dopo un biennio dall'acquisto, sia stato rilasciato il certificato di abitabilità non rileva ai fini della normativa che richiede, quale condizione per fruire dei benefici fiscali per l'acquisto prima casa, il trasferimento della ...
Tassa comunale sullo smaltimento dei rifiuti solidi urbani - Pillole
La tassa sullo smaltimento dei rifiuti solidi urbani è dovuta da chi, a qualsiasi titolo, occupa o conduce locali, a qualunque uso adibiti, esistenti nel territorio comunale. Per le famiglie la Tariffa Rifiuti (TA.RI.) viene calcolata in base ai metri quadrati dell'immobile compresi box/posto auto, cantine, soffitte, escluse le aree ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca