Gli amici e i parenti del debitore li trovo su Facebook

Non ho solo le

Siamo nell'ambito di "debitucci" per i quali una società di recupero crediti quasi mai intraprende azioni legali.

Se ottengo la cessione di un credito insoluto di 670 euro per 60 centesimi di euro, non mi sognerei mai di assoldare un avvocato allo scopo di portare avanti un ricorso per decreto ingiuntivo. Con tutte le spese che questo comporta.

L'azione di riscossione coattiva costa, e va esercitata solo quando il debito è rilevante. Per conoscere la consistenza economica del debitore, infatti, occorre investire denari in indagini e visure patrimoniali. Se si accerta che il debitore possiede beni immobili o uno stipendio decente, e non temporaneo, da pignorare, solo allora si procede in via giudiziale.

Per il resto ci si limita a portare avanti azioni stragiudiziali che spesso si concretizzano in pressioni psicologiche sul debitore. Come?

La invito a leggere l'articolo "breve storia di un agente precario di recupero crediti".

Negli ultimi tempi, poi, gli agenti di recupero crediti hanno cominciato a sfruttare la miniera d'oro che è Facebook. Il debitore lo trovo lì, gli invio una richiesta di amicizia che quasi mai si rifiuta ed il gioco è fatto: amici e parenti da rintracciare anche googlando le loro attività nel web quando, cosa rara, non lasciano il numero di cellulare in bella vista nel profilo.

28 aprile 2012 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Prestiti a parenti o amici » Un'utile guida su come comportarsi per evitare spiacevoli disguidi
Dispensare prestiti ad amici e/o parenti, a volte, può essere rischioso, poiché, si rischia, infatti, di non avere indietro restituito il compenso: ecco, dunque, un'utile guida su come agire per evitare spiacevoli disguidi. Nella fattispecie in cui si intenda effettuare prestiti ad amici o parenti bisogna evitare, comunque, di correre ...
Donazione di immobile a parenti o amici per evitare il pignoramento » Quando è possibile e quando diventa reato
Effettuare la donazione del proprio immobile ad amici e parenti, per sfuggire al pignoramento, è in alcuni casi, un opzione valida, mentre in altri, è configurabile come reato: facciamo chiarezza sulla questione. E' possibile effettuare la donazione della propria casa per sfuggire al pignoramento? Se un contribuente si sottrae dal ...
Nessun assegno di mantenimento se la relazione more uxorio è desumibile dal profilo Facebook
Ex mogli aspiranti ad un assegno di mantenimento, fate attenzione al vostro profilo su Facebook: se alla voce “situazione sentimentale” indicate il nome dell'attuale partner, potete dire addio alle vostre speranze. Per una volta, almeno, l'ex marito non finisce "cornuto e mazziato". Per orientamento costante della Corte di Cassazione in ...
Stalking e molestie tramite facebook verso l'ex coniuge
Lo stalking è reato che sussiste anche per le molestie veicolate tramite Facebook. Secondo la  Corte di Cassazione commette il reato di stalking (più precisamente di "atti persecutori") chi perseguita il proprio ex con messaggi minacciosi, anche se questo avviene tramite Facebook (Cassazione, sentenza  del 30.08.2010, numero 32404). In particolare ...
Prestiti tra parenti » Il diritto alla restituzione va provato
Prestiti tra familiari: se in tribunale si chiede la restituzione di una somma di denaro data a titolo di mutuo, l'attore deve fornire la prova rigorosa dell'esistenza di un accordo pregresso per la restituzione dell'importo. Ove in giudizio si chieda la restituzione di una somma di denaro conferita a titolo ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca