Quando un cittadino straniero è obbligato a denunciare i propri redditi al fisco italiano? (ulteriori chiarimenti)

In riferimento a questa precedente domanda, chiedo: se mia moglie cittadina russa fa richiesta di cancellazione anagrafe per rientro in patria per motivi lavorativi (mentre in realtà vive ed è residente in Portogallo) a che rischi si espone oltre a quelli legati alla situazione matrimoniale (eventuale divorzio o separazione).

Rilasciando tale dichiarazione in questi giorni e trascorrendo in Italia meno di 183 giorni, oltre ad avere un lavoro e da Maggio una casa in usufrutto in Portogallo, avrà qualche obbligo per cui sia portata a dichiarare in Italia che sta godendo di tale usufrutto in Portogallo? Per i 183 gg nel 2018 fa fede la data di richiesta (con comprovata uscita dal suolo italiano) o la data dell effettiva cancellazione?

Alla prima domanda non sono assolutamente in grado di rispondere con certezza: posso solo immaginare che, se per procedere alla cancellazione dall'anagrafe della popolazione residente in Italia della sua signora fosse richiesta l'esibizione di un certificato di residenza in Russia, e questa informazione venisse annotata nei registri anagrafici, si creerebbe un collegamento (anche se indiretto) fra la residenza russa e quella portoghese, considerando che, con tutta probabilità, la sua signora dovrà presentare dichiarazione dei redditi prodotti in Portogallo al fisco russo.

Per evitare l'obbligo di presentare al fisco italiano la dichiarazione dei redditi ovunque prodotti dal cittadino straniero, è necessario che nell'anno di imposta la permanenza del cittadino straniero negli archivi anagrafici della popolazione residente in Italia sia minore di 183 giorni (184 per gli anni bisestili) calcolati fino alla presentazione della richiesta di emigrazione, laddove la domanda venga accolta. Gli effetti giuridici delle iscrizioni e/o cancellazioni anagrafiche decorrono, infatti, dalla data della dichiarazione se successivamente accertate e registrate.

1 aprile 2018 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

fisco tributi e contributi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Stati esteri dove il pensionato italiano può acquisire residenza ottenendo un trattamento fiscale di favore
Sono imponibili comunque in Italia le pensioni corrisposte a persone non residenti dallo Stato italiano, da enti residenti nel territorio dello Stato o da stabili organizzazioni nel territorio stesso. Con alcuni Paesi sono in vigore Convenzioni per evitare le doppie imposizioni sul reddito, in base alle quali le pensioni corrisposte ...
Pignoramento nuda proprietà e usufrutto - quando il debitore è nudo proprietario e quando il debitore è usufruttuario
Nel caso di pignoramento del diritto di proprietà ove risulti che il debitore è nudo proprietario si procede ugualmente alla vendita forzata del diritto di proprietà, il quale risulterà gravato del diritto reale di godimento. Oggetto della vendita forzata è, cioè, il medesimo diritto pignorato, con la particolarità che il ...
Ipoteca su veicoli - Come si costituisce e fino a quando conserva i propri effetti
L'ipoteca automobilistica si costituisce mediante iscrizione nel registro del PRA, Pubblico Registro Automobilistico: questa particolare forma di ipoteca è stata disciplinata nel ROL n. 436/1927, che definiva tale diritto reale come privilegio; successivamente i privilegi iscritti sugli autoveicoli sono stati considerati come ipoteche (art. 2810 c.c. ultimo comma). L'ipoteca, una ...
Usufrutto e pignoramento
L'usufrutto è un diritto, quantificabile in valore e come tale pignorabile in caso di insolvenza debitoria. Il calcolo avviene sulla base del valore catastale dell'immobile e su tabelle attuariali. Se parliamo di usufrutto vitalizio, il suo valore si calcola applicando un determinato coefficiente (relativo all'età dell'usufruttuario) - che tiene anche ...
Quando Equitalia definisce un soggetto inadempiente - La compensazione diretta delle cartelle esattoriali non pagate con i crediti vantati nei confronti della PA
Com'è noto, la Pubblica Amministrazione, prima di corrispondere a chiunque un importo superiore a diecimila euro, deve inoltrare ad Equitalia una richiesta di verifica della posizione debitoria del beneficiario. La procedura di accertamento, affidata ad Equitalia, si sostanzia nel verificare l'eventuale morosità del beneficiario rispetto all'obbligo di pagamento derivante dalla ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca