Quando un cittadino straniero è obbligato a denunciare i propri redditi al fisco italiano? (ulteriori chiarimenti)

Argomenti correlati:

In riferimento a questa precedente domanda, chiedo: se mia moglie cittadina russa fa richiesta di cancellazione anagrafe per rientro in patria per motivi lavorativi (mentre in realtà vive ed è residente in Portogallo) a che rischi si espone oltre a quelli legati alla situazione matrimoniale (eventuale divorzio o separazione).

Rilasciando tale dichiarazione in questi giorni e trascorrendo in Italia meno di 183 giorni, oltre ad avere un lavoro e da Maggio una casa in usufrutto in Portogallo, avrà qualche obbligo per cui sia portata a dichiarare in Italia che sta godendo di tale usufrutto in Portogallo? Per i 183 gg nel 2018 fa fede la data di richiesta (con comprovata uscita dal suolo italiano) o la data dell effettiva cancellazione?

Alla prima domanda non sono assolutamente in grado di rispondere con certezza: posso solo immaginare che, se per procedere alla cancellazione dall’anagrafe della popolazione residente in Italia della sua signora fosse richiesta l’esibizione di un certificato di residenza in Russia, e questa informazione venisse annotata nei registri anagrafici, si creerebbe un collegamento (anche se indiretto) fra la residenza russa e quella portoghese, considerando che, con tutta probabilità, la sua signora dovrà presentare dichiarazione dei redditi prodotti in Portogallo al fisco russo.

Per evitare l’obbligo di presentare al fisco italiano la dichiarazione dei redditi ovunque prodotti dal cittadino straniero, è necessario che nell’anno di imposta la permanenza del cittadino straniero negli archivi anagrafici della popolazione residente in Italia sia minore di 183 giorni (184 per gli anni bisestili) calcolati fino alla presentazione della richiesta di emigrazione, laddove la domanda venga accolta. Gli effetti giuridici delle iscrizioni e/o cancellazioni anagrafiche decorrono, infatti, dalla data della dichiarazione se successivamente accertate e registrate.

1 Aprile 2018 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Quando un cittadino straniero è obbligato a denunciare i propri redditi al fisco italiano?
Cittadino italiano sposato con cittadina russa con matrimonio riconosciuto in Italia in regime di separazione dei beni. Abbiamo un figlio nato in Italia. Siamo tutti residenti in Italia presso abitazione dei miei due genitori. Da due anni viviamo in Portogallo dove abbiamo preso la residenza (e mia moglie un permesso di soggiorno portoghese) ma non ho iscritto me e mio figlio all'Aire per evitare che il mio stipendio portoghese possa esser attaccato da creditori pubblici e privati (una impresa individuale finita malissimo), visto che ci sono già ingiunzioni per decine di migliaia d euro ed a casa dei miei è ...

Recupero crediti esattoriali ed ordinari per cittadino italiano che risiede e lavora all'estero ma che non è iscritto all'AIRE
Ho maturato in Italia diversi debiti sia con aziende private (tot 40-50 mila euro), sia con Agenzia Entrate 3-4 mila euro, sia con una partecipata dello Stato. Da tutti o quasi ho ricevuto ingiunzioni all'indirizzo italiano in cui risulto residente. Ora risiedo e lavoro in Portogallo e per ovvie ragioni non ho dichiarato i redditi in Italia. Quali sono le possibilità che questi enti decidano di attuare un'azione di recupero in terra straniera? Quali i tempi? L'azione dovrebbe essere avallata da un giudice locale? Come potrei tentare di proteggere il mio stipendio portoghese, considerato che sarebbe l'unico bene attaccabile visto ...

Quando un cittadino italiano può essere considerato fiscalmente residente all'estero
L'articolo 2, comma 2, del DPR (Decreto del Presidente della Repubblica) 917/1986 (TUIR - Testo Unico delle Imposte sul Reddito), considera residenti in Italia le persone che per la maggior parte del periodo d'imposta sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o hanno nel territorio dello Stato il domicilio o la residenza ai sensi del Codice civile. Le tre condizioni sopra citate sono tra loro alternative, essendo sufficiente che sia verificato, per la maggior parte del periodo d'imposta, uno solo dei predetti requisiti affinché una persona fisica venga considerata fiscalmente residente in Italia e, viceversa, solo quando i tre presupposti ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Quando un cittadino straniero è obbligato a denunciare i propri redditi al fisco italiano? (ulteriori chiarimenti)