Cancellazione protesti – se ricorressi all’Autorità giudiziaria?

In riferimento al precedente quesito, chiederei di sapere se, in un ricorso da effettuare all’Autorità Giudiziaria, l’errore di presentazione del titolo all’incasso da parte del beneficiario dell’assegno potrebbe costituire una motivazione valida affinchè venga accolta la mia domanda di cancellazione al RIP.

Potrebbe ricorrere al giudice solo per ottenere un risarcimento danni dal fornitore distratto, ammesso che si riuscisse a dimostrare l’esistenza di un accordo vincolante, non rispettato, per la distruzione dell’assegno erroneamente staccato dal carnet associato al conto corrente personale.

La procedura di protesto è stata, infatti, ineccepibile, dal momento che per l’incasso è stato presentato un titolo non contraffatto (e nemmeno revocato) per un importo non disponibile in conto corrente. E non c’è stato il pagamento tardivo dell’assegno protestato, il che preclude la strada dell’istanza di riabilitazione al Tribunale, esperibile dopo un anno dalla levata del protesto.

Ad ogni modo, le probabilità di successo dell’azione giudiziale, anche mettendo in conto la disponibilità del fornitore ad immolarsi, sarebbero scarse: infatti, contestualmente all’accordo intervenuto fra il fornitore e l’effettivo debitore e prima dell’incasso, poteva essere pretesa la restituzione dell’assegno ancora in circolazione staccato dal carnet personale.

Inoltre, l’assegno protestato risulterebbe, da quanto esposto, presentato allo sportello per l’incasso ben oltre la scadenza dei termini di legge: quindi, il traente avrebbe ben potuto disporne la revoca del pagamento, sottraendo l’assegno scoperto sia alla segnalazione in CAI che alla procedura di protesto.

1 Settembre 2016 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Guida alla cancellazione dei protesti
nel caso in cui entro il termine di 12 mesi dalla levata del protesto il debitore esegua il pagamento della cambiale o del vaglia cambiario (pagherò ) comprensiva degli interessi e delle spese maturate (che potrebbero comprendere quelle delle eventuali azioni esecutive messe in atto dal creditore, precetto e pignoramento); nel caso di riabilitazione del protestato ai sensi dell'articolo 17 della legge 108/96 (necessaria quando il protesto riguarda un assegno o quando si è pagato un protesto cambiario oltre l'anno suddetto); qualora il protesto sia stato levato illegittimamente o erroneamente (in questo caso il decreto di riabilitazione non è ovviamente necessario ...

Cancellazione dal Registro Informatico dei Protesti della posizione censita nel 2004
Nel 2004 sono stato protestato dalla vecchia banca intesa (CaRiPlo), adesso da oltre dieci anni ho un conto corrente postale, dove faccio le mie operazioni, non ho mai proceduto alla cancellazione alla camera di commercio, vorrei sapere gentilmente se risulto ancora dopo tutti questi anni o devo attivarmi per la cancellazione. ...

Cancellazione protesto cambiali prima della pubblicazione sul Registro Informatico dei Protesti
E' possibile acquisire il diritto ad essere depennati dall'elenco dei protesti prima dell'inserimento nella banca dati del RIP. Infatti, per evitare gli effetti negativi della pubblicità di eventuali protesti levati nell'arco di tempo compreso tra il giorno 27 ed il giorno 26 del mese successivo, si può presentare domanda di cancellazione dal tabulato, entro il giorno 10 del mese seguente: ad esempio, per protesti levati dal 27 giugno al 26 luglio le richieste di cancellazione da tabulato possono essere presentate entro il 10 agosto. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cancellazione protesti – se ricorressi all’Autorità giudiziaria?