Cambio residenza fittizia

Vorrei riuscire a staccarmi dallo stato di famiglia d'origine: io abito con mia moglie e i miei due figli piccoli di 8 mesi e 3 anni con i miei genitori, mio fratello. la moglie e, tra poco, con loro figlio.

Vorrei potermi staccare dallo stato di famiglia per poter abbassare il valore dell'ISEE visto che abitiamo tutti insieme ma ognuno contribuisce per la propria famiglia.

Mia moglie non lavora e io lavoro con 1000€ al mese senza busta paga perchè lavoro come collaboratore familiare con mia madre.

Se riuscissi ad abbassare l'ISEE potrei pagare meno il nido dei bimbi e mia moglie potrebbe cercarsi un lavoro.

Avevo pensato di cercare una residenza fittizia ma non so se è possibile. So di persone che prendono la residenza presso associazioni o centri culturali perchè sono senza fissa dimora.

Voi avete una soluzione?

Oltretutto stare in casa con mio padre e mio fratello e una situazione invivibile e poco salutare per i bambini. perchè entrambi sono bipolari.

Io sono a conoscenza, invece, di alcune situazioni in cui la moglie riesce ad ottenere (da sola) la residenza anagrafica presso un proprio familiare, le cui condizioni reddituali e patrimoniali non siano tali da influenzare significativamente la situazione economica di un nucleo familiare ai fini ISEE.

Fatto questo, ci si avvale dell'opportunità concessa ai coniugi non conviventi, i quali possono scegliere in libertà la residenza coniugale.

Eleggendo la residenza della moglie a residenza coniugale, il marito ed i figli della coppia vanno a costituire automaticamente un nucleo familiare a parte, insieme alla moglie, naturalmente, ed al familiare con cui la moglie convive.

In pratica, dalla famiglia anagrafica (stato di famiglia) esce solo la moglie. Marito e figli restano dove stavano. Inoltre, nessuno può impedire alla moglie di continuare a convivere con il proprio marito, pur avendo altrove la residenza.

20 agosto 2014 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cambio residenza
nucleo familiare ISEE/ISEEU e famiglia anagrafica
redditi e patrimonio del nucleo familiare ISEE

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Agevolazioni fiscali per acquisto prima casa da parte di coniugi in comunione legale - Se uno dei coniugi non trasferisce la residenza anagrafica nell'immobile acquistato è necessario dimostrare la coabitazione
Per quanto riguarda l'imposta di registro e i relativi benefici per l'acquisto della prima casa da parte di coniugi in comunione legale, il requisito della residenza va riferito alla famiglia, per cui ove l'immobile acquistato sia adibito a tale destinazione non rileva la diversa residenza di uno dei due coniugi ...
Agevolazioni fiscali prima casa - In regime di comunione dei beni, per fruire del beneficio, è sufficiente che uno solo dei due coniugi trasferisca la residenza nel Comune in cui è ubicato l'immobile acquistato
In tema di agevolazioni fiscali per l'acquisto della prima casa, l'acquirente si obbliga a trasferire la propria residenza entro diciotto mesi dal rogito notarile nel Comune in cui l'immobile è ubicato. Tuttavia, come hanno ribadito i giudici della Corte di cassazione (sentenza 1494/16) il requisito della residenza, nel caso di ...
Separazione fittizia per pagare meno tasse » La crisi e i suoi rimedi
Più che il cuore, conta il poter tirare avanti e il fenomeno, ormai dilagante, delle coppie che optano per la separazione (solo sulla carta) per pagare meno tasse è più diffuso di quello che si possa pensare. Così come la scelta di non sposarsi per non perdere vantaggi fiscali o ...
Agevolazioni fiscali acquisto prima casa e coniugi in comunione dei beni - Il requisito della residenza vale per uno solo dei coniugi
In tema di imposta di registro e dei relativi benefici per l'acquisto della prima casa, ai fini della fruizione degli stessi, il requisito della residenza nel Comune in cui è ubicato l'immobile va riferito alla famiglia, con la conseguenza che, in caso di comunione legale tra coniugi, quel che rileva ...
Notifica del verbale di multa e cambio di residenza - Da quando decorrono i 90 giorni
Le comunicazioni al Pubblico Registro Automobilistico (PRA) del cambio di residenza ritualmente dichiarato dal proprietario all'anagrafe comunale (nel rispetto della procedura da seguire e con l'indicazione anche dei dati relativi alla patente ed ai veicoli di proprietà) debbano essere eseguite di ufficio a cura degli uffici anagrafici. Pertanto, ove la ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca