Cambio residenza durante un processo civile - Notifica del ricorso in appello

A Gennaio ho fatto un ricorso al Giudice di pace contro un'ordinanza ingiunzione di un Prefetto. A Luglio ho variato la mia residenza senza comunicarlo. A settembre c'è stata l'udienza in cui il giudice ha annullato l'ordinanza ma comunque condannato alla sanzione minima. Da settembre non ho ricevuto nessun atto al nuovo indirizzo di residenza, mai comunicato. La domanda è: se la Prefettura mi notificasse la sentenza al vecchio indirizzo sarebbe valida la notifica con l'applicazione del termine breve per l'appello? Oppure ha l'onere di cercare il nuovo? Preciso che ho anche scritto la PEC sul ricorso e non ho ricevuto nulla.

Possiamo, per analogia, partire dall'ordinanza della Corte di cassazione 12360/2015, in base alla quale chi intende appellare una sentenza deve notificare l'impugnazione nel termine perentorio di 30 giorni, indipendentemente da un eventuale cambio di indirizzo della controparte che sia avvenuto nelle more del giudizio di primo grado.

La consegna dell'atto di appello al nuovo indirizzo della controparte, che venisse perfezionata oltre il termine breve, sarebbe viziata da nullità non sanabile.

Avendo poi lei indicato anche la PEC nel ricorso introduttivo, la notifica dell'impugnazione della sentenza del Gdp avvenuta al vecchio indirizzo risulterebbe, a maggior ragione, inescusabile.

E' evidente che il Prefetto non ha ritenuto di procedere in appello.

15 dicembre 2016 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

notifica atti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Validità delle notifiche al vecchio indirizzo in caso di cambio di residenza
Nel caso di cambio di residenza, per verificare la validità della notifica degli atti effettuata al vecchio indirizzo, occorre fare riferimento alle seguenti regole. ...
Notifica degli atti al vecchio indirizzo di residenza - Nulla anche se perfezionata nella mani di un parente stretto
La notifica di un atto non effettuata nel luogo di abitazione del destinatario nel suo Comune di residenza (come risultante dal certificato anagrafico), ma nel diverso luogo di abitazione di un parente stretto, che lo ha ricevuto in tale qualità, è viziata da nullità. Anche se il luogo di notifica ...
Cartella esattoriale di Equitalia: marito e moglie non si parlano? » Basta che l'atto sia consegnato al coniuge del legittimo destinatario per rendere valida la notifica
E' valida la notifica della cartella esattoriale di equitalia consegnata al coniuge dell'effettivo destinatario, anche se questi, per dimenticanza o di proposito, non avverte il legittimo ricevente. La cartella esattoriale è valida anche quando il coniuge non la consegna al contribuente. È sufficiente che la notifica sia avvenuta nell'indirizzo di ...
Notifica del verbale di multa e cambio di residenza - Da quando decorrono i 90 giorni
Le comunicazioni al Pubblico Registro Automobilistico (PRA) del cambio di residenza ritualmente dichiarato dal proprietario all'anagrafe comunale (nel rispetto della procedura da seguire e con l'indicazione anche dei dati relativi alla patente ed ai veicoli di proprietà) debbano essere eseguite di ufficio a cura degli uffici anagrafici. Pertanto, ove la ...
Equitalia » Nulli gli atti fiscali spediti ad indirizzo errato del contribuente
Sono nulli gli atti fiscali recapitati da Equitalia a un indirizzo diverso dalla residenza del contribuente al quale è sufficiente dimostrare l'estraneità del luogo alla sua sfera soggettiva. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con la sentenza 25938/13. E' stato così accolto il ricorso di un avvocato ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca