Cambio operatore a seguito di variazione delle condizioni contrattuali – Ma il costo del dispositivo concesso in comodato gratuito solo nel caso di rispetto del vincolo di permanenza minima?

Vorrei cambiare operatore di telefonia mobile ma ho un dubbio: con il mio attuale operatore ho un telefono di cui non sto pagando le rate in quanto all’epoca in cui lo presi c’era la promozione a 0 rate (ho dato solo l’anticipo) ovviamente con il vincolo dei 30 mesi. La legge dice che in caso di cambio operatore per variazione delle condizioni contrattuali le rate del terminale continuano ad essere addebitate fino a chiusura del debito. Ma nel mio caso in cui le rate sono a 0 come funziona? Mi addebiteranno tutto il costo del telefono in una volta sola?

La legge prevede che il cambio di operatore telefonico in seguito a variazioni unilaterali delle condizioni contrattuali non possa prevedere l’applicazione al cliente delle penalità previste in caso di recesso anticipato dal servizio di fornitura della connessione telefonica.

Tuttavia, quando l’offerta commerciale prevede, oltre alla fornitura del servizio di connessione telefonica, anche il comodato gratuito del dispositivo mobile a fronte dell’impegno a restare vincolati all’operatore per un determinato periodo di tempo, l’ammontare del corrispettivo per recesso anticipato, viene calcolato in base sia al valore del terminale fornito all’utente che ad eventuali penalità di recesso anticipato dal servizio di fornitura della connessione telefonica.

Peraltro, i costi specifici del dispositivo terminale devono essere dettagliati nelle condizioni di adesione all’offerta che il cliente, sottoscrivendo il contratto, dichiara espressamente di accettare.

Se ne conclude che, prima di cambiare operatore, nella situazione descritta in quesito, qualora non sia ancora decorso il termine dei dei 30 mesi benché in seguito a variazione unilaterale delle condizioni di fornitura del servizio di connessione telefonica, sarà bene prendere visione delle clausole contrattuali per individuare il costo del dispositivo mobile che verrà applicato in caso di recesso anticipato dal contratto di connettività telefonica.

11 Giugno 2018 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Disdetta a seguito di variazione delle condizioni contrattuali - Se tergiversano, cosa si può fare?
In data 25/07 ho effettuato tramite la mia area Fai da Te della Vodafone la richiesta di disdetta della mia sim dati e mi è arrivata la mail automatica di presa in carico della richiesta .Ad oggi 22/08 la sim risulta ancora attiva. Contattando il servizio clienti mi viene detto che loro disattivano la sim entro 30 giorni dalla richiesta (quindi entro il 25/08). Io aspetterò tale data, ma nel caso non dovessero disattivarmi la sim (e cioè fare i furbi, cosa che non mi sorprenderebbe) come mi posso muovere? Mandare una diffida per raccomandata? ...

Cambio operatore telefonia mobile e/o fisso: ottima offerta? - Attenzione: può aumentare del 40% in un biennio
Avevo trovato un'ottima offerta, con un noto operatore sia fisso che mobile, per un all inclusive a prezzi veramente modici con cui fruivo di internet, telefono (sia fisso che mobile) a una tariffa fissa. Così mi sono convinto a cambiare operatore. Dopo diverse rimodulazioni al rialzo, però, dopo due anni mi trovo peggio di prima. E' normale questa prassi delle compagnie telefoniche? ...

Modifica unilaterale delle condizioni contrattuali di conto corrente - comunicazione preventiva e giustificato motivo
E' innanzitutto onere della banca fornire la prova – anche mediante presunzioni - dell'effettivo e rituale invio della proposta di modifica unilaterale del contratto al domicilio indicato dal cliente. Inoltre, la modifica delle condizioni contrattuali di conto corrente non sono opponibili al cliente se non adeguatamente motivate ai sensi dell'articolo 118 del Testo unico bancario. Tale norma richiede infatti, come noto, che l'esercizio del ius variandi da parte della banca sia subordinato all'esistenza, all'indicazione ed, all'occorrenza, alla prova di un "giustificato motivo". La banca non può limitarsi ad indicare genericamente il mutato contesto di mercato che si riflette sulle spese ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cambio operatore a seguito di variazione delle condizioni contrattuali – Ma il costo del dispositivo concesso in comodato gratuito solo nel caso di rispetto del vincolo di permanenza minima?