Cambio nome estero

In una gioventù sfortunata ereditai un debito in Italia di dimensioni allora insormontabili (una 50ina di milioni di lire) e, stretto dalla morsa dell’aguzzino creditore, mi trovai costretto ad emigrare.

Ad oggi vivo all’estero (rispetto all’Italia), dove ho acquisito cittadinanza e passaporto.

Se decidessi di acquistare una proprietà in Italia, utilizzando il passaporto non italiano, potrebbe il creditore individuarmi e rivalersi su quella proprietà?

Nel momento in cui il soggetto noto all’anagrafe italiana come X in epoca antecedente all’emigrazione, decidesse di rientrare in Italia e richiedesse la cittadinanza italiana per la moglie straniera, il riconoscimento del matrimonio celebrato all’estero ed il cambio di cognome in Y – in conformità a quanto disposto dall’articolo 24 della legge 31 maggio 1995, numero 218, che sancisce il diritto di X ad ottenere il cognome Y ove previsto dalla normativa del paese estero in cui X si è sposato ed ha la cittadinanza – l’ufficiale d’anagrafe modificherebbe in Y le generalità del soggetto X, ed annoterebbe comunque il legame storico esistito fra Y ed X.

Il cambio di generalità sarebbe comunque ricostruibile in seguito ad una attenta e scrupolosa attività di indagine. Del legame fra X ed Y resterebbe traccia indiretta, anche se solo in un’annotazione anagrafica collegata alla chiave Y. In pratica sarebbe difficile, ma non impossibile, risalire da X ad Y.

Tutto questo, senza entrare nel merito dell’eventuale intervenuta prescrizione del credito e della convenienza economica da parte del creditore di effettuare ancora, dopo tanti anni, ricerche anagrafiche, e per di più specifiche, sull’ormai “scomparso” debitore X.

Per non incorrere in problemi, converrebbe comunque adottare un regime economico patrimoniale di separazione dei beni in seno alla famiglia, annotarlo sull’atto di matrimonio trascritto in Italia e procedere solo successivamente all’acquisto dell’immobile, intestandolo al coniuge non debitore.

25 Settembre 2014 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Passaporto diplomatico estero - Posso usarlo dal momento che non mi hanno rinnovato quello italiano?
Devo scontare, non si sa quando, tre mesi di servizio civile per assegni di mantenimento non pagati. Lavoro all'estero e ho il passaporto diplomatico estero. Poiché non mi hanno rinnovato il passaporto italiano, posso usare quello diplomatico per entrare e uscire ed andare a lavorare per pagare il mio debito? ...

Affidamento al genitore residente all'estero
Non è consentito il rilascio del passaporto a favore del minore se il genitore intende trasferirsi all'estero. Il trasferimento all'estero del genitore affidatario dei figli minori, certamente, compromette il diritto di visita dell'altro genitore, che quindi potrà legittimamente negare il consenso al rilascio del passaporto e all'espatrio del figlio minore. Del resto, il trasferimento all'estero compromette non solo il diritto di visita dell'altro genitore ma anche il diritto del minore a conservare un rapporto continuativo ed equilibrato con entrambi i genitori. Ne consegue che il rilascio del passaporto in favore del minore non può essere autorizzato, senza il preventivo vaglio ...

Riscatto TFR per trasferimento all'estero
L'anno scorso mi sono trasferito all'estero con relative dimissioni al mio datore di lavoro italiano: fino ad allora il mio TFR era versato dal mio ex datore di lavoro in un fondo privato. Ora che sono residente all'estero e non lavorando piú in Italia (ovviamente sono ora dipendente in un'azienda nel paese in cui risiedo) posso richiedere il riscatto del 50% dopo un anno dalle dimissioni in Italia essendo formalmente disoccupato in Italia? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cambio nome estero