Cambio nome estero

In una gioventù sfortunata ereditai un debito in Italia di dimensioni allora insormontabili (una 50ina di milioni di lire) e, stretto dalla morsa dell'aguzzino creditore, mi trovai costretto ad emigrare.

Ad oggi vivo all'estero (rispetto all'Italia), dove ho acquisito cittadinanza e passaporto.

Se decidessi di acquistare una proprietà in Italia, utilizzando il passaporto non italiano, potrebbe il creditore individuarmi e rivalersi su quella proprietà?

Nel momento in cui il soggetto noto all'anagrafe italiana come X in epoca antecedente all'emigrazione, decidesse di rientrare in Italia e richiedesse la cittadinanza italiana per la moglie straniera, il riconoscimento del matrimonio celebrato all'estero ed il cambio di cognome in Y – in conformità a quanto disposto dall'articolo 24 della legge 31 maggio 1995, numero 218, che sancisce il diritto di X ad ottenere il cognome Y ove previsto dalla normativa del paese estero in cui X si è sposato ed ha la cittadinanza – l'ufficiale d'anagrafe modificherebbe in Y le generalità del soggetto X, ed annoterebbe comunque il legame storico esistito fra Y ed X.

Il cambio di generalità sarebbe comunque ricostruibile in seguito ad una attenta e scrupolosa attività di indagine. Del legame fra X ed Y resterebbe traccia indiretta, anche se solo in un'annotazione anagrafica collegata alla chiave Y. In pratica sarebbe difficile, ma non impossibile, risalire da X ad Y.

Tutto questo, senza entrare nel merito dell'eventuale intervenuta prescrizione del credito e della convenienza economica da parte del creditore di effettuare ancora, dopo tanti anni, ricerche anagrafiche, e per di più specifiche, sull'ormai "scomparso" debitore X.

Per non incorrere in problemi, converrebbe comunque adottare un regime economico patrimoniale di separazione dei beni in seno alla famiglia, annotarlo sull'atto di matrimonio trascritto in Italia e procedere solo successivamente all'acquisto dell'immobile, intestandolo al coniuge non debitore.

25 settembre 2014 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Affidamento al genitore residente all'estero
Non è consentito il rilascio del passaporto a favore del minore se il genitore intende trasferirsi all'estero. Il trasferimento all'estero del genitore affidatario dei figli minori, certamente, compromette il diritto di visita dell'altro genitore, che quindi potrà legittimamente negare il consenso al rilascio del passaporto e all'espatrio del figlio minore. ...
Recupero crediti e rintraccio del debitore all'estero – AIRE Anagrafe Italiani Residenti Estero
L'AIRE rappresenta, in pratica, l'unico anello di congiunzione fra ultimo comune italiano di residenza e il nuovo domicilio del debitore italiano all'estero. Le società di recupero crediti, pertanto, contattano l'anagrafe della residenza registrata sui moduli di richiesta prestito. Risalgono via via ai comuni dove il debitore si è eventualmente trasferito ...
Agevolazione fiscale prima casa » Non perde i benefici il cittadino che si deve trasferire all'estero per ragioni di lavoro
L'agevolazione fiscale per la prima casa resta valida anche se non si abita nell'immobile: chi risiede all'estero, infatti, non perde il beneficio se vende e ricompra l'abitazione. Non decade dall'agevolazione prima casa il contribuente che venda la casa prima del decorso del termine di cinque anni dall'acquisto e ne compri ...
Agevolazioni prima casa - Possibile fruire dell'imposta di registro ridotta al 2 per cento anche per l'acquisto di una seconda casa a condizione che entro un anno si alieni la prima
Com'è noto, ai fini dell'applicazione dell'aliquota del 2 per cento dell'imposta di registro agli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di case di abitazione non di lusso e agli atti traslativi o consuntivi della nuda proprietà , dell'usufrutto, dell'uso e dell'ambientazione relativi alle stesse, devono ricorrere le seguenti condizioni: che ...
Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali estende il bonus bebé anche ai familiari extracomunitari di cittadini UE - Per fruire del bonus bebé è sufficiente che siano in possesso di un permesso di soggiorno
Com'è noto, nell'ambito degli interventi normativi volti a sostenere i redditi delle famiglie la legge di stabilità per il 2015 ha previsto, per ogni figlio nato o adottato tra il 1° gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2017, un assegno annuo di importo pari a 960 euro (bonus bebé) da ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca