Cambio gestore telefonico e modifica unilaterale contratto - Una truffa legalizzata?

Un anno fa, stuzzicato da offerte e tariffe convenienti, ho cambiato gestore telefonico (cellulare) passando da una nota compagnia ad un'altra (non voglio fare nomi).

Ebbene, dopo appena un anno, mi è arrivato un sms sul telefono dicendo che la società cambiava unilateralmente le condizioni del contratto.

Praticamente hanno alzato le tariffe e ora pago di più che con l'altro gestore?

Voglio dire, questa non è altro che una truffa bella e buona!?

Posso denunciare la vicenda all'AGCOM o al Corecom?

Mi consigliate di spedire una raccomandata di diffida, pena la denuncia della compagnia telefonica?

Questa, purtroppo, è una situazione molto complessa che ha fondamentalmente delle grosse lacune dal punto di vista normativo: sussistono, infatti, opinioni e contrasti paradossali.

In effetti, da una parte l'articolo 33 del codice del consumo chiarisce che si presumono vessatorie fino a prova contraria le clausole che hanno per oggetto, o per effetto, di [...] consentire al professionista di modificare unilateralmente le clausole del contratto, ovvero le caratteristiche del prodotto o del servizio da fornire, senza un giustificato motivo indicato nel contratto stesso

Al contrario, invece, l'articolo 70 del codice delle comunicazioni elettroniche spiega che il contraente, qualora non accetti le modifiche delle condizioni contrattuali da parte delle imprese che forniscono reti o servizi di comunicazione elettronica, ha diritto di recedere dal contratto senza penali nè costi di disattivazione. Le modifiche sono comunicate al contraente con adeguato preavviso, non inferiore a trenta giorni, e contengono le informazioni complete circa l'esercizio del diritto di recesso.

Recentemente, poi, l'Agcom ha stabilito che in caso di recesso a seguito di modifiche unilaterali al contratto telefonico, l'operatore non potrà applicare al cliente nessuna penale per recesso anticipato.

Dunque, morale della favola, non si capisce perché, ancora, nel nostro paese, sia consentito ai gestori di TLC di poter effettuare senza premura alcuna modifiche unilaterali del contratto (spesso, o sempre al rialzo) a danno dei consumatori.

Unica via d'uscita è quella di recedere senza penali dal contratto quando si viene avvisati.

Dunque, in pratica, nel messaggio della società dovrebbe essere chiarito che se non accetta le nuove condizioni contrattuali, può recedere senza penali.

Questa è l'unica via d'uscita.

Al contrario, ovvero qualora si richieda una penale per la disattivazione, le consigliamo di rivolgersi al Co.re.Com e successivamente, all'Agcom, con un reclamo.

17 novembre 2017 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet social e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Illegittima la modifica unilaterale al contratto di fornitura dei servizi telefonici
Linea dura contro le compagnie telefoniche che modificano senza il consenso dell'utente il contratto. Infatti, ha diritto al rimborso per l'autoricarica scaduta chi ha perso il suo credito a seguito della scadenza introdotta dal gestore di telefonia. Non sono ammesse, neppure dopo le "lenzuolate" Bersani, condizioni che peggiorano la posizione ...
Autovelox » Può rispondere di truffa la società che lo occulta
Può rispondere di truffa la società fornitrice di autovelox che ne occulta il posizionamento. Inoltre è ritenuto legittimo il sequestro della strumentazione, nonostante la regolarità della stessa. Lo ha sancito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 22158 del 23 maggio 2013, ha sancito che: Può essere perseguita ...
Vendi auto a prezzo maggiorato dopo aver manomesso contachilometri? » E' truffa
Rischia una condanna per truffa chi vende un'auto a un prezzo superiore facendo risultare il chilometraggio più basso. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione, sezione penale, la quale, con la pronuncia 38085 del 17.09.13, ha sancito che: E' responsabile del reato di truffa, ai sensi dell'ex ...
Risarcimento per furto auto » Obbligato il gestore del parcheggio incustodito ma non segnalato
Il gestore è tenuto al risarcimento del furto dell'auto del proprio cliente se non scrive all'ingresso che il parcheggio non è custodito. Infatti, deve ribadirsi che l'istituzione da parte dei Comuni, previa deliberazione della Giunta, di aree di sosta a pagamento non comporta l'assunzione dell'obbligo del gestore di custodire i ...
Compensare debiti contributivi con false indennità corrisposte al lavoratore configura il reato di truffa
Integra il delitto di truffa la condotta del datore di lavoro che, per mezzo dell'artificio costituito dalla fittizia esposizione di somme dichiarate come corrisposte al lavoratore, induce in errore l'INPS sul diritto al conguaglio di dette somme, invero mai corrisposte, realizzando così un ingiusto profitto e non già una semplice ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca