Cambiale protesto codice fiscale errato

Un mio fornitore ha messo all'incasso una cambiale, ma l'accordo verbale prevedeva di non incassare e tenerla a garanzia.

Oggi mi accorgo che il codice fiscale che non avevo inserito al momento della compilazione, è stato inserito dal fornitore e non è corretto quindi errato.

Risulto purtroppo nel bollettino dei protesti, non so che fare in quanto ho messo a disposizione le mie fideiussioni per un finanziamento all'attività di mia moglie che potrebbe avere buon fine, ma risultando protestato la banca dice è impossibile.

Vi chiedo se posso chiedere la cancellazione per erroneità. Oppure? Vi ringrazio in anticipo per risposte e l'aiuto.

L'errata corrispondenza del codice fiscale associato alla posizione inserita nel Registro Informatico dei Protesti (RIP) è errore assai frequente. Di solito il codice fiscale viene verificato prima dell'inserimento nel RIP e quindi, molto probabilmente, si tratta di un errore di digitazione.

In ogni caso, la circostanza si rivolge a suo favore in quanto una visura effettuata con codice fiscale avrebbe esito negativo per quanto la riguarda, almeno fino a quando il soggetto incolpevole a cui corrisponde il codice fiscale inserito in RIP, non presenterà istanza di cancellazione. Sarebbe problematico, per lei, chiedere una cancellazione dal bollettino per erronea levata del protesto dal momento che gli altri dati, compresa la firma, coincidono con quelli riportati nella cambiale protestata.

Piuttosto, va ricordato che il debitore, il quale esegue il pagamento di un effetto (pagherò , vaglia cambiario o tratta accettata), entro 12 mesi dalla levata del protesto (pagamento tardivo) può chiedere la cancellazione definitiva dal Registro Informatico dei Protesti, senza dover attendere l'ordinario decorso quinquennale.

25 giugno 2015 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cambiale protestata
cambiali

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Credito al consumo e inadempimento nella consegna del bene acquistato - Il cliente è tutelato anche se il rapporto fra fornitore e venditore è regolato da una convenzione non esclusiva
Per credito al consumo si intende la concessione, nell'esercizio di un'attività commerciale o professionale, di credito sotto forma di dilazione di pagamento, di finanziamento o di altra analoga facilitazione finanziaria a favore di una persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta (consumatore). Il quadro ...
Effetti dell'inadempimento del fornitore di beni e servizi sul contratto di credito collegato - Sussistono anche se acquirente e debitore sono soggetti diversi
La concessione di un finanziamento per la fornitura di un bene o di un servizio individuati esplicitamente nel contratto di credito, attuata attraverso il pagamento diretto del fornitore da parte del creditore, dà vita ad un collegamento negoziale tra il contratto di credito e quello di fornitura, a nulla rilevando ...
Credito al consumo e inadempimento del fornitore - Come si risolve il contratto di credito
Nei contratti di credito a consumo collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore di beni o servizi, il cliente, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito, se con riferimento al contratto di fornitura di beni o servizi ...
Credito al consumo e inadempimento del fornitore - la finanziaria deve rimborsare il consumatore
Nei finanziamenti collegati al consumo, nel caso di grave inadempimento del fornitore di beni e servizi, il consumatore, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito. La risoluzione del contratto di credito comporta l'obbligo del finanziatore di rimborsare al consumatore ...
Azione revocatoria del fondo patrimoniale se uno dei coniugi ha prestato fideiussione prima della sua costituzione
La banca blocca il conferimento degli immobili se le fideiussioni di uno dei coniugi sono anteriori alla costituzione del fondo patrimoniale La banca blocca il conferimento degli immobili se le fideiussioni del marito sono anteriori alla costituzione del fondo patrimoniale. Infatti, la natura reale del vincolo di destinazione impresso dalla ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca