Cambiale e successioni mortis causa – Cambiale emessa dal debitore ed incassata alla scadenza dopo il suo decesso

Argomenti correlati:

Società X, debitrice, emette il 24 settembre 2018 a favore di Tizio, cambiale pagherò per 300 mila euro scadenza 31 dicembre 2018: Tizio decede (lasciando eredi) il 7 novembre 2018. Prima della morte Tizio trasferisce la cambiale a Caia, sua creditrice, (sul retro della cambiale vi sono le firme di Tizio e Caia oltre a 4 marche da 900 euro). Caia incassa la cambiale il 31.12.2018. Caia poteva incassare o spettava solo agli eredi di Tizio?

Caia poteva senz’altro incassare: e se non avesse potuto incassare l’importo portato dalla cambiale, agli eredi di Tizio sarebbe stato notificato un precetto e, in caso di adempimento, il pignoramento dei beni ereditati e quelli personali (in dipendenza del tipo di accettazione effettuata, se con beneficio di inventario o senza).

Quello che gli eredi potrebbero contestare a Caia, è l’illecito arricchimento ex articolo 2041 ed, eventualmente, potrebbero proporre un’azione di riduzione della donazione effettuata dal de cuius a Caia.

20 Maggio 2019 · Chiara Nicolai

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dove mi trovo?