Calcolo rata mutuo a tasso variabile tre mesi

A proposito della mia precedente domanda inserita qui, mi avete risposto che ho sofferto di un "ritardo" per via di rialzi che ci sono stati ma questi rialzi si riferiscono a una media euribor di oltre 7 mesi fà.

Quindi mi sembra impossibile che la banca prenda in riferimento la media euribor di 7 mesi fà, quando il contratto prevede la media degli ultimi 3 mesi (me lo sono riletto).

C'è qualcosa che non quadra!

Credo che dovrò portare la banca in tribunale non crede?

La collega Ludmilla non ha inteso, naturalmente, confutare il fatto che l'Euribor a tre mesi venga calcolato come media dell'Euribor giornaliero negli ultimi 90 giorni.

Ha cercato solo di spiegare che il valore l'Euribor a tre mesi viene quotato ogni giorno. E che la banca può applicare alla rata corrente del 24 maggio 2012, qualora previsto contrattualmente, il tasso di interesse Euribor a tre mesi quotato il 24 maggio del 2010. Tanto per fare un esempio limite di un ritardo biennale.

Se invece il contratto di mutuo specifica che per gli interessi relativi alla rata del 24 maggio debba essere preso a riferimento l'Euribor a tre mesi quotato il 23 maggio, allora lei ha tutte le ragioni per aprire un contenzioso con la banca.

 

25 maggio 2012 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

rata mutuo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

EURIBOR e mutuo a tasso variabile
L'EURIBOR è un indice relativo a rilevazioni di una situazione di mercato e come indica il suo nome per esteso, Euro Interbank Offered Rate, l'EURIBOR rappresenta il tasso medio a cui avvengono le transazioni finanziarie in Euro tra le grandi banche europee. Si tratta quindi un'indicazione molto affidabile del ...
Mutuo a tasso variabile e rata protetta
Il mutuo a tasso variabile e rata protetta è un contratto di prestito. Il mutuo a tasso variabile e rata protetta consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto ...
Mutuo a tasso variabile
Il mutuo a tasso variabile è un contratto di prestito. Il mutuo a tasso variabile consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente e definite nel contratto sottoscritto tra le parti. Il mutuo ...
Mutuo a tasso misto - vantaggi e svantaggi
Il mutuo a tasso misto è un contratto di prestito. Il mutuo a tasso misto consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto tra le parti. Il mutuo a ...
Il mutuo a tasso misto
In fatto di mutui, si tende sempre a parlare di due grandi tipologie di finanziamento: a tasso variabile e a tasso fisso, a cui, però si può aggiungere un meno noto e poco sfruttato tasso misto. A ricordare l'esistenza di questo tipologia di mutuo è il Codacons che ribadisce ai ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca