Prescrizione della cartella esattoriale

La mia situazione è la seguente:

– somme per irperf, iva non pagate relative ad anno 1999 messe a ruolo nel 2002.
– cartella notificata il 14/9/2004.
– mi è stata notificata intimazione ad adempiere il 10/7/2014 per tributi, sanzioni, interessi ed interessi di mora.

Mi domando: possono considerarsi prescritti gli importi iscritti a titolo di interesse, interesse di mora e sanzioni essendo passati più di 5 anni dalla notifica della cartella?

Ho sentito diversi specialisti e tutti mi danno risposte diverse.

Riassumendo, c’è chi afferma che:

A. Entro il termine di prescrizione di 5 anni massimo la somma dev’essere iscritta a ruolo e vi dev’essere la notifica della cartella. Dalla notifica della cartella, scatta una prescrizione omnicomprensiva di 10 anni per tutte le somme iscritte (tributi, sanzioni, interessi, interessi di mora) entro il quale riscuotere le somme.

B. Entro il termine di prescrizione di 5 anni massimo la somma va iscritta a ruolo e notificata la cartella.
Dalla notifica della cartella scatta però PER OGNI TIPO DI SOMMA una propria prescrizione entro la quale riscuoterla.
esempio: 10 anni per i tributi, 5 per sanzioni ex art. 20 d.lgs. 472/97 e 5 anni per interessi ex art. 2948 cc.

Quindi, quale delle due soluzioni prospettata è corretta? Non ci capisco più nulla.

La prescrizione della cartella esattoriale è decennale:

  1. qualora ci si trovi dinanzi ad una sentenza passata in giudicato (si veda l’art. 2953 cc). In tal caso il termine di prescrizione muta da quello ordinario precedente (breve – quinquennale) – previsto per il singolo tributo – in quello decennale;
  2. quando la cartella esattoriale è emessa per la riscossione di crediti erariali.

Diversamente la notifica della cartella non fa altro che interrompere il precedente termine di prescrizione (quinquennale o triennale, nel caso di bollo auto) il quale ricomincerà a decorrere dal giorno successivo a quello di notifica.

Non lo affermo io (per la fortuna di chi legge) ma ribadisce questi concetti la Corte di Cassazione con la sentenza numero 4283/10.

L’articolo completo, se ha voglia e tempo, lo trova qui.

Per concludere, mi trova sostanzialmente d’accordo con l’opzione [B]. Entro il termine di decadenza di 5 anni massimo, il credito va iscritto a ruolo e notificata la cartella esattoriale. Dalla data di notifica della cartella scatta, per ogni tipologia di credito (erariale, originato da sanzioni amministrative, contributi e bolli non pagati), un termine di prescrizione entro il quale riscuotere o rinnovare la pretesa (con intimazione di pagamento).

18 Luglio 2014 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Decadenza e prescrizione per la notifica di una cartella esattoriale originata dal mancato pagamento del verbale di accertamento della violazione al Codice della strada
Il termine entro il quale la Polizia Urbana deve iscrivere a ruolo una contravvenzione al Codice della strada (del 2014) notificata nei termini, è di 5 anni? Sapendo che il termine di prescrizione delle multe appunto è quinquennale, il dubbio è sul termine entro il quale va fatta la iscrizione a ruolo della contravvenzione da parte del Comando dei vigili (iscrizione effettuata nel 2017). Dalla consegna poi del ruolo ad una società di gestione entrate e tributi (Soget spa) entro 2 anni va emessa la cartella esattoriale, altrimenti il credito diventa inesigibile, se non erro. ...

Prescrizione della cartella esattoriale - esempi utili al consumatore
Il termine di prescrizione della cartella esattoriale è diverso a seconda del tipo di tributo oggetto dell'iscrizione a ruolo Come sappiamo, la cartella esattoriale è il mezzo con il quale i concessionari riscuotono, come intermediari, cifre relative a tasse, tributi, sanzioni etc. dovute allo Stato e ad enti pubblici, previdenziali e/o assicurativi. Per tale motivo non si può dire che esista un termine di prescrizione proprio della cartella. Il termine di prescrizione esiste, ma è diverso a seconda del tipo di tributo oggetto dell'iscrizione a ruolo. In linea generale si può affermare che il termine di prescrizione della cartella (ovvero ...

Pillole di giurisprudenza » Notifica viziata della cartella esattoriale e impugnazione dell'estratto di ruolo - Prescrizione della cartella esattoriale
E' ammissibile l'impugnazione della cartella (e/o del ruolo) che non sia stata correttamente notificata e della quale il contribuente sia venuto a conoscenza attraverso l'estratto di ruolo rilasciato su sua richiesta dal concessionario, posto che una lettura costituzionalmente orientata di tale norma impone di ritenere che la ivi prevista impugnabilità dell'atto precedente non notificato unitamente all'atto successivo notificato non costituisca l'unica possibilità di far valere tale invalidità anche prima, nel doveroso rispetto del diritto del contribuente a non vedere senza motivo compresso, ritardato, reso più difficile ovvero più gravoso il proprio accesso alla tutela giurisdizionale quando ciò non sia imposto dalla ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Prescrizione della cartella esattoriale