Buoni fruttiferi postali – Rendimenti più bassi del previsto? Ecco perché

Sono andato a riscuotere un buono fruttifero postale che avevo investito venticinque anni fa: conti alla mano avrei dovuto ricevere molto di più di quello che mi è stato concesso.

Alle mie rimostranze le poste non hanno voluto sentir ragioni.

Mi chiedo: come è possibile?

Molti possessori di buoni fruttiferi postali, negli ultimi tempi, al momento della riscossione si sono visti elargire un importo molto inferiore a quello previsto: nel dettaglio, è accaduto che ai titolari dei buoni, Poste Italiane ha riconosciuto un rendimento molto più basso rispetto a ciò che era indicato sul retro dei titoli.

Molti risparmiatori quindi si stanno chiedendo quali siano i motivi per cui ciò che è scritto sul retro dei titoli non è più valido?

A questa domanda si può rispondere solo facendo riferimento alle norme che disciplinano la materia del risparmio postale.

Nell’art. 173 del D.P.R. n. 156/1973 (Codice Postale) e come scritto nell’art. 1 del D.L. n. 460/1974, convertito in legge n. 588/1974, si evince che è consentito la variazione unilaterale dei tassi di interesse da parte di Poste Italiane su disposizione del Ministero competente.

Ed è questo che è accaduto col trascorrere degli anni: l’emissione di decreti ministeriali, come, il D.M. del 13/06/1986, ha previsto diverse modifiche sconvenienti ai risparmiatori per i buoni fruttiferi postali emessi fino al 30 giugno 1986.

La Suprema Corte di Cassazione con le sentenza del n. 13979/2007 e con l’intervento delle SS.UU n. 3963/2019 legittimano la variazione del tasso di interesse originariamente previsto per effetto di decreti ministeriali sopravvenuti.

Ma nel caso in cui non vi sia nessun nuovo decreto ministeriale che riguarda il tasso, quindi nessuna modifica può essere introdotta rispetto alla situazione esistente al momento della sottoscrizione dei titoli, bisogna quindi far riferimento per il rimborso alla dicitura sul retro dei buoni stessi.

Ai risparmiatori consigliamo di verificare la data di emissione dei buoni fruttiferi postali, perché non sempre Poste Italiane S.p.A. potrebbe applicare tassi d’interessi diversi da quelli trascritti sui buoni stessi.

29 Aprile 2019 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Liquidazione di buoni fruttiferi postali cointestati con pari facoltà di rimborso con soggetto deceduto
Vorrei sapere se è legittimo il rifiuto di Poste italiane di liquidare a vista dei buoni fruttiferi postali, caratterizzati dalla clausola "pari facoltà di rimborso", cointestati a mia zia paterna (deceduta nel 2013) e alla sottoscritta. Mi è stata richiesta la dichiarazione di successione (da aprire presso l'ufficio postale) e la chiamata degli altri eredi. So che sia la Cassazione sia altri tribunali si sono espressi condannando Poste Italiane per questo comportamento ma a quanto sembra non c'è stato il dovuto adeguamento. ...

Ipotesi di querela per riscossione indebita di due Buoni Postali Fruttiferi (BPF) da parte del rappresentante
Mia zia è deceduta il 20-02-2015 era intestataria di 2 buoni postali fruttiferi (BPF): questi BPF avevano la seguente intestazione:nome e cognome della zia e la (scritta) sigla Rapp che sta per rappresentante (un altro intestatario di cui poste italiane avendomi inviato l'esito della ricerca titoli/rapporti da me richiesti non mi dice chi sia questo rappresentante). Gli eredi dei 2 BPF sono gli eredi legittimi in quanto i 2 BPF non sono stati elencati nel testamento e ipotizziamo che il rappresentante non sia un erede ma un legatario. Poste italiane mi dice per iscritto che titolare esclusiva dei BPF è ...

Pignoramento Buoni Fruttiferi Postali cointestati
Ho subito un pignoramento (un privato) presso terzi da parte dell'ufficiale giudiziario: per il momento non è accaduto nulla in quanto ci sarà un'udienza a ottobre con il giudice di pace. L'unica cosa in mio possesso sono dei Buoni Fruttiferi Postali cointestati cartacei. Se Poste Italiane ha effettivamente comunicato questo mio possesso al mio creditore (lo ha effettivamente fatto?) come potrà avvenire il pignoramento visto che i suddetti buoni sono cartacei e non sono neanche materialmente in mio possesso visto che li ha mia madre? Li dovrò consegnare o cosa? Potrei difendermi da tutto ciò? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Buoni fruttiferi postali – Rendimenti più bassi del previsto? Ecco perché