Bonus ristrutturazione 50% – Come funzionerà nei prossimi anni?

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!



Vorrei ristrutturare la mia palazzina di famiglia usufruendo del bonus ristrutturazioni con detrazione al 50%: so che è stato prorogato per i prossimi anni ma ci sono dei sostanziali cambiamenti.

Quali sono?

Il bonus ristrutturazione è stato confermato anche per il 2022: la legge di Bilancio ha infatti disposto la proroga dell’agevolazione a regole invariate fino al 2024.

L’agevolazione consiste in una detrazione del 50% per lavori di ristrutturazione edilizia. Nonostante non siano cambiate le indicazioni sui lavori inclusi nell’incentivo, sono stati introdotti nuovi adempimenti per la cessione del credito e lo sconto in fattura.

La Manovra ha disposto la proroga delle detrazioni per le ristrutturazioni edilizie e per la riqualificazione energetica fino al 31 dicembre 2024.

Dal 1° gennaio 2022 i contribuenti avranno quindi la possibilità di portare in detrazione fiscale al 50% le spese sostenute per i lavori di riqualificazione edilizia, manutenzione straordinaria e ordinaria (per i condomini) per un massimo di 96.000 euro di spesa.

Accanto alla possibilità di fruire del bonus ristrutturazione come detrazione in dichiarazione dei redditi, anche per il 2022 sarà possibile optare per la cessione del credito e lo sconto in fattura.

Ma per usufruire di una delle due opzioni sarà necessaria la comunicazione del professionista che ha apposto il visto di conformità e che ha quindi effettuato il primo controllo documentale sulla sussistenza dei requisiti per beneficiare del bonus ristrutturazione.

La documentazione dovrà essere inviata all’Agenzia delle Entrate, tramite un modulo messo a disposizione sul sito dell’ente, entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui si sono svolti i lavori.

Sarà poi necessaria l’attestazione di congruità delle spese rilasciata da un tecnico abilitato che dovrà accertare che nell’esecuzione dei lavori sia stato rispettato il limite massimo dei costi ammissibili per tipologia di intervento.

Il ministero della Transizione Ecologica pubblicherà un prezziario specifico, in attesa del quale si potrà fare riferimento alle somme indicate dalle regioni o dalle province autonome o, in difetto, ai valori di mercato previsti in base al luogo dell’intervento.

Alcuni esempi di lavori di manutenzione ordinaria per i quali è possibile richiedere il bonus sono: installazione di ascensori e scale di sicurezza; realizzazione e miglioramento dei servizi igienici; sostituzione di infissi esterni e serramenti, rifacimento di scale e rampe, interventi di risparmio energetico.

Il bonus ristrutturazioni può essere richiesto da tutti i contribuenti soggetti al pagamento delle imposte sui redditi, residenti o non residenti in Italia, proprietari o titolari di usufrutto di un immobile, locatari o comodatari, soci di cooperative e imprenditori individuali.

15 Dicembre 2021 · Andrea Ricciardi



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!