Bonus per i condizionatori 2018 - Come fare per usufruirne?

Dopo tanti anni di sofferenza per il caldo atroce estivo, mi sono deciso, per casa mia, di acquistare ed installare dei condizionatori, visto che ho sentito dire che potrei usufruire di un bonus.

Vorrei sapere se è vero e nel dettaglio come funziona questa agevolazione.

Il bonus condizionatori 2018 è una detrazione Irpef che varia a seconda della tipologia di intervento di ottimizzazione dell'efficienza dei consumi energetici che si opera all'interno di un immobile: l'agevolazione vale anche per gli apparecchi in pompa di calore per il riscaldamento e per tutti gli altri impianti ad altissima efficienza energetica.

La detrazione fiscale permette di accorpare la spesa sostenuta nella dichiarazione dei redditi del 2018 (da presentare nel 2019), sottraendola così alle spese relative all'anno in corso.

Il modello Unico e il modello 730 precompilato andranno corredati della documentazione che attesti l'acquisto e il contesto in cui esso è avvenuto (sostituzione dei vecchi impianti o ristrutturazione edile, ad esempio).

Il bonus viene riconosciuto per pagamenti tracciabili, cioè documentabili, quindi tipicamente dietro fattura.

Nel caso di pagamento con bonifico postale o bancario, questo deve riportare la causale comprensiva di codice fiscale di chi effettua l'acquisto (e poi richiede la detrazione Irpef) e la partita Iva e l'intestazione del rivenditore dal quale si è acquistato il prodotto.

Nel caso in cui si fosse richiesto un credito al consumo con carta di credito o bancomat è necessario presentare tutta la documentazione del prestito richiesto.

La detrazione va dal 50% al 65% a seconda della tipologia di intervento di efficienza energetica.

Nel dettaglio:

  • Se si acquista un condizionatore per ristrutturazione edile la detrazione fiscale è pari al 50% della spesa sostenuta, sia che l'acquisto del condizionatore riguardi la propria casa, sia che riguardi la propria attività
  • se la ristrutturazione edile prevede dei condizionatori a pompa di calore la detrazione del 50% ha un massimale di 96.000 euro;
  • se l'acquisto del condizionatore riguarda la sostituzione di vecchi apparecchi la detrazione sale fino al 65% della spesa e si può detrarre un massimo di 46.154 euro per i condizionatori a risparmio energetico.

C’è anche l'Iva agevolata, al 10% anziché al 22%, purché si acquistino condizionatori a risparmio energetico o si sostituiscano vecchi apparecchi con altri a pompa di calore.

Col bonus condizionatori 2018 si può risparmiare anche sulla bolletta: si paga infatti non più in base al consumo effettuato ma in base al costo per KW/H, stabilito dal contratto di fornitura dell'energia elettrica.

La bolletta non dipenderà più dalla quantità di energia consumata, quindi.

18 aprile 2018 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

agevolazioni fiscali
agevolazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie e per il risparmio energetico

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Agevolazione fiscale prima casa » Si è ammessi al bonus anche se si è comproprietari di un altro immobile
Coniugi comproprietari di un immobile: valida l'agevolazione fiscale prima casa per il nuovo acquisto. L'agevolazione fiscale per la prima casa non può essere revocata se il contribuente sia proprietario di una quota di altro immobile. Se due coniugi sono comproprietari di una casa ( acquistata senza agevolazione “prima casa”), uno ...
Agevolazione prima casa » Il mancato trasferimento di residenza per cause di forza maggiore non fa perdere il diritto al bonus
Agevolazione prima casa: il mancato trasferimento di residenza per forza maggiore non fa perdere il diritto al bonus previsto a norma di legge. Il contribuente conserva i benefici fiscali sulla prima casa quando la residenza non viene trasferita entro i termini di legge in quanto dopo il rogito si sono ...
Bonus bebè e Bonus mamma domani - Su ricorso di alcune associazioni che tutelano i diritti degli immigrati i giudici milanesi ordinano all'INPS di incentivare anche le nascite degli extracomunitari
Con Ordinanza 6019/2017, il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso delle associazioni APN (Avvocati Per Niente), ASGI (Associazione per gli Studi Giuridici sull'Immigrazione) e Fondazione Giulio Piccini ONLUS contro l'INPS avverso le disposizioni in materia di Bonus bebè e Bonus mamma domani, nella parte in cui è stato limitato ...
Contratti di locazione » Bonus Irpef per i proprietari che affittano immobili a canone basso
Contratti di locazione: bonus per i locatori che affittano casa a canone agevolato. Deduzione del 20% dell'IRPEF sul costo di acquisto. In arrivo agevolazioni e vantaggi per i proprietari di immobili che, entro 6 mesi dall'acquisto o dalla relativa costruzione, stipuleranno un contratto di locazione a canone libero, con un ...
Il bonus bebè a favore delle neo mamme per il triennio 2015-2017 » Tutte le informazioni su requisiti e agevolazioni
Per il 2015 sono usufruibili quasi tutte le agevolazioni e i bonus del 2014: ci sono alcune novità, però, soprattutto introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 (legge 190/2014) per quanto riguarda il bonus bebè. Con la legge di stabilità, infatti, è stata sancita la reintroduzione del bonus bebè, ovvero la ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca