Differenza fra fermo fiscale e fermo amministrativo - La tassa automobilistica (bollo auto) è dovuta per veicolo sottoposto a fermo fiscale

La Corte Costituzionale ha precisato, nella sentenza 47/2017, che il bollo auto è dovuto anche se il veicolo è sottoposto a fermo amministrativo.

Essendo la sentenza del 2017 mi chiedevo se ha effetto retroattivo, essendomi arrivata una richiesta di pagamento per il 2015 (entro il termine di prescrizione di 3 anni).

Per rispondere alla sua domanda è necessario ripercorrere l'excursus con cui si è addivenuti alla sentenza della Corte Costituzionale a cui lei fa riferimento.

Innanzitutto, nella sentenza, la Consulta ribadisce la differenza semantica esistente fra fermo amministrativo e fermo fiscale, indicando con il primo termine quella misura disposta dalle autorità amministrative (polizia municipale) preposte a punire gravi violazioni del codice della strada (così come sancito dall'articolo 214 del Codice della strada); e con il secondo, invece, la misura cautelativa provvisoria a garanzia del credito vantato dalla Pubblica Amministrazione e disposta dall'Agente della riscossione ex Decreto Presidente della Repubblica (DPR) 602/1973, articolo 86.

Per quanto attiene il fermo amministrativo, può applicarsi il decreto legge 953/1982, che, all'articolo 5, dispone fra l'altro che la perdita del possesso del veicolo per forza maggiore o per fatto di terzo o la indisponibilità conseguente a provvedimento dell'autorità giudiziaria o della pubblica amministrazione, annotate nei pubblici registri (PRA), fanno venir meno l'obbligo del pagamento del tributo per i periodi d'imposta successivi a quello in cui è stata effettuata l'annotazione.

Per quel che attiene, invece, il fermo fiscale (introdotto successivamente, nella seconda metà degli anni 90) non è, ovviamente, applicabile la norma che esclude la debenza della tassa automobilistica per un veicolo sottoposto a fermo amministrativo.

Pertanto, secondo la Corte Costituzionale, l'obbligo di pagamento della tassa automobilistica durante il periodo di fermo fiscale della vettura (disposto dall'agente della riscossione) non si pone in contrasto con la esenzione dal tributo prevista, nella diversa ipotesi di fermo amministrativo (disposto dall'autorità amministrativa o da quella giudiziaria) e rientra, invece, nella regola che vuole quel tributo correlato non più alla circolazione, ma alla proprietà del mezzo.

Coloro, pertanto, che sono proprietari di un veicolo sottoposto a fermo fiscale sono obbligati al pagamento della tassa automobilistica.

Vale forse la pena osservare che la sentenza della Consulta risponde alle questioni di legittimità sollevate dalle CTP di Firenze e Bologna, le quali lamentavano che nelle regioni Toscana ed Emilia Romagna la normativa imponesse il pagamento del fermo fiscale nonostante la norma di cui all'articolo 5 della già citata legge 953/1982.

L'intervento dei giudici delle leggi, con la sentenza 47/2017, pertanto, si è limitato semplicemente a ricordare, ai colleghi della giustizia tributaria, che esiste una differenza fra fermo fiscale e fermo amministrativo anche se, nel linguaggio comune, ci si riferisce ad entrambi con il termine fermo amministrativo.

Dunque, in pratica, niente di nuovo sotto il sole: per cui la tassa automobilistica è sempre dovuta dai proprietari di veicoli sottoposti a fermo fiscale, indipendentemente dalla data di pronuncia della sentenza di cui si è qui discusso, nelle Regioni che ne prevedono il pagamento anche quando, per il veicolo, sia stato disposto il fermo fiscale.

12 luglio 2018 · Paolo Rastelli

Come faccio a sapere se nella regione di mia residenza è previsto il pagamento del bollo auto anche quando il veicolo è sottoposto a fermo fiscale?

E' sufficiente collegarsi al sito istituzionale della Regione di residenza, cercare il modulo per la richiesta di esenzione della tassa automobilistica e verificare se nella varie causali di esenzione previste rientra anche l'iscrizione di fermo fiscale al PRA:

12 luglio 2018 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

fermo amministrativo
tassa automobilistica per veicolo sottoposto a fermo amministrativo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Azione revocatoria per la vendita di un veicolo sottoposto a preavviso di fermo amministrativo
La vendita di un veicolo, con un atto avvenuto pochi giorni dopo la notifica del preavviso di fermo amministrativo, è inefficace, in quanto reca pregiudizio alle ragioni del creditore nella consapevolezza, da parte di entrambi i contraenti, che il trasferimento di proprietà arreca pregiudizio agli interessi del creditore. Nel caso ...
Prescrizione della tassa automobilistica (bollo auto)
L'azione dell'Amministrazione finanziaria per il recupero delle tasse dovute per effetto dell'iscrizione di veicoli nei pubblici registri (tassa automobilistica o bollo auto) si prescrive con il decorso del terzo anno successivo a quello in cui doveva essere effettuato il pagamento. Nello stesso termine si prescrive il diritto del contribuente al ...
Circolare con veicolo sottoposto a fermo amministrativo? - Non è reato
Circolate con un mezzo di trasporto su cui è disposto un sequestro amministrativo? Non rischiate la sanzione penale. Chi circola abusivamente con un veicolo sottoposto a sequestro amministrativo effettua soltanto l'illecito amministrativo, disciplinato dal'articolo 213 del C.d.s, e non anche il delitto di sottrazione di cose sottoposte a sequestro, previsto ...
Circolare con veicolo sottoposto a fermo amministrativo non è reato
La circolazione del veicolo sottoposto al fermo amministrativo, posta in essere dal proprietario di cui il bene è affidato in custodia, concreta l'ipotesi del reato di sottrazione di cose sottoposte a sequestro disposto nel corso di un procedimento penale o dall'autorità amministrativa, sanzionata dal codice penale (articolo 334). Tuttavia, secondo ...
Fermo amministrativo sul veicolo di proprietà del debitore – Se già iscritto si potrà ottenere la sospensione del provvedimento chiedendo la rateazione del debito e pagando la prima rata
Equitalia, ricevuta la richiesta di rateazione, può iscrivere ipoteca sull'immobile di proprietà del debitore o disporre il fermo amministrativo sul suo veicolo, solo nel caso di mancato accoglimento della richiesta, ovvero di decadenza dal beneficio della rateazione che si verifica se non pagano 5 rate anche non consecutive. Tuttavia, prosegue ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca