Pagamento del bollo auto richiesto dopo anni dalla Regione Piemonte – Non dovrebbe essere prescritto?

Mi è arrivata una notifica per dei bolli da pagare ma risalenti anche al 2010-2011. Io sono in Piemonte, come funziona? Posso non pagarli?

L’articolo 5 (comma cinquantunesimo) del decreto legge 953/1982, stabilisce che il diritto al recupero delle tasse dovute per effetto dell’iscrizione di veicoli nei pubblici registri (tassa automobilistica o bollo auto) si prescrive con il decorso del terzo anno successivo a quello in cui doveva essere effettuato il pagamento.

La Corte di cassazione (sentenza 316/14) ha altresì ritenuto che la semplice iscrizione a ruolo del debito non interrompe i termini di prescrizione, mentre l’eventuale notifica al debitore (entro il triennio successivo a quello in cui avrebbe dovuto essere effettuato il pagamento della tassa automobilistica) di un avviso di accertamento non immediatamente esecutivo a cura degli uffici regionali preposti alla riscossione, comporta necessariamente che la successiva notifica della cartella esattoriale debba essere perfezionata (in coerenza con quanto disposto dalla lettera c, articolo 25, del dpr 602/73) entro il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello in cui l’accertamento è divenuto definitivo (ovvero decorsi inutilmente 60 giorni dalla notifica dell’accertamento non immediatamente esecutivo senza che il debitore abbia provveduto all’impugnazione dell’atto o al pagamento del bollo auto).

Questa è la normativa vigente e la giurisprudenza più significativa sulla tassa automobilistica.

Tuttavia, per poter analizzare compiutamente la situazione e non avviare un’azione giudiziale che potrebbe essere definita temeraria, è indispensabile recarsi presso gli uffici regionali preposti alla gestione del pagamento della tassa automobilistica e chiedere copia degli eventuali avvisi di accertamento (o comunicazioni equipollenti) che le sono stati notificati, anche per compiuta giacenza; dal momento che questi atti farebbero protrarre da altri due anni il termine utile per la notifica di una cartella esattoriale.

Il suo caso è ancora più complicato per il fatto che la Regione Piemonte, con una legge regionale più volte censurata in Corte di cassazione, pretenderebbe di estendere da 3 a 5 gli anni (successivi a quello in cui doveva essere effettuato il pagamento) in cui poter richiedere il versamento del tributo.

Concludendo: per accertare il diritto a non pagare bisogna comunque presentare ricorso presso la Commissione Tributaria Provinciale (CTP) competente per territorio, eccependo l’intervenuta prescrizione della tassa. Magari con il supporto di una Associazione di consumatori per evitare di dover versare una parcella troppo onerosa (rispetto all’importo contestato) ad un professionista (dottore commercialista, avvocato tributarista, consulente del lavoro, ragioniere, perito commerciale) abilitato a trattare il contenzioso tributario per conto del cliente.

Per poter presentare ricorso, il carteggio difensivo va integrato con la richiesta di accesso alla documentazione eventualmente inviata, nel tempo, al ricorrente dalla Pubblica Amministrazione regionale.

1 Settembre 2017 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Regione Piemonte e assurde tempistiche bollo auto - Sono legittime?
Dopo aver ricevuto un'ingiunzione da parte della società riscossioni Piemonte riguardante un vecchio bollo del 2010 con relativo primo accertamento nel 2012, ho chiamato direttamente l'ufficio preposto della Regione Piemonte chiedendo quali fossero le tempistiche per la prescrizione e la loro risposta mi ha lasciato sconcertato: 5 anni per l'invio di un primo accertamento e ben 10 anni dal ricevimento di quest'ultimo per un'eventuale ingiunzione. La mia domanda è: ma gli anni a loro disposizione non sono 5 per un primo accertamento e altri 5 per una seconda richiesta mezzo ingiunzione? Grazie ...

Bollo auto Piemonte pagato ma prescritto
Bollo auto non pagato, ma notificato dopo 3 anni: all'epoca non sapevamo che potevamo presentare ricorso in commissione tributaria provinciale, ed in più, in malafede, in Piemonte, la regione affermava che la prescrizione era dopo 5 anni. Avevamo aderito alla rottamazione cartelle bis, pagando a rate ciò che non era dovuto per prescrizione, possiamo fare ora qualcosa per tale ingiustizia? (La regione Piemonte continua a richiedere a tutti il pagamento anche dopo 3 anni). ...

Prescrizione bollo auto Regione Piemonte
Data la confusione circa i tempi di prescrizione e le modalità di calcolo tempistica di prescrizione, volevo gentilmente sapere se il "mio" calcolo della prescrizione è esatto. Esempio specifico, il mio bollo auto 2009 aveva scadenza 04/2010, calcolando che c'è poi 1 mese di tempo per pagarlo, la prescrizione comincerebbe dal 05/2010 ? oppure la prescrizione andrebbe conteggiata dal 31/12/2010 ? siccome mi inviarono in data 06/08/2012 avviso di mancato pagamento notificato, la prescrizione verrebbe computata dal 07/08/2012 oppure bisognerebbe aspettare a conteggiare a partire dai 2 mesi successivi ? quindi dal 06/10/2012 ? in ogni caso se la cartella ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pagamento del bollo auto richiesto dopo anni dalla Regione Piemonte – Non dovrebbe essere prescritto?