Pagamento del bollo auto richiesto dopo anni dalla Regione Piemonte - Non dovrebbe essere prescritto?

Mi è arrivata una notifica per dei bolli da pagare ma risalenti anche al 2010\2011. Io sono in Piemonte, come funziona? Posso non pagarli?

L'azione dell'Amministrazione finanziaria per il recupero delle tasse dovute per effetto dell'iscrizione di veicoli nei pubblici registri (tassa automobilistica o bollo auto) si prescrive con il decorso del terzo anno successivo a quello in cui doveva essere effettuato il pagamento. Così dispone l'articolo 5 (comma cinquantunesimo) del decreto legge 953/1982.

La Corte di cassazione (sentenza 316/14) ha altresì ritenuto che la semplice iscrizione a ruolo del debito non interrompe i termini di prescrizione, mentre l'eventuale notifica al debitore (entro il triennio successivo a quello in cui avrebbe dovuto essere effettuato il pagamento della tassa automobilistica) di un avviso di accertamento non immediatamente esecutivo a cura degli uffici regionali preposti alla riscossione, comporta necessariamente che la successiva notifica della cartella esattoriale debba essere perfezionata (in coerenza con quanto disposto dalla lettera c, articolo 25, del dpr 602/73) entro il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello in cui l'accertamento è divenuto definitivo (ovvero decorsi inutilmente 60 giorni dalla notifica dell'accertamento non immediatamente esecutivo senza che il debitore abbia provveduto all'impugnazione dell'atto o al pagamento del bollo auto).

Questa è la normativa vigente e la giurisprudenza più significativa sulla tassa automobilistica.

Tuttavia, per poter analizzare compiutamente la situazione e non avviare un'azione giudiziale che potrebbe essere definita temeraria, è indispensabile recarsi presso gli uffici regionali preposti alla gestione del pagamento della tassa automobilistica e chiedere copia degli eventuali avvisi di accertamento (o comunicazioni equipollenti) che le sono stati notificati, anche per compiuta giacenza; dal momento che questi atti farebbero protrarre da altri due anni il termine utile per la notifica di una cartella esattoriale.

Il suo caso è ancora più complicato per il fatto che la Regione Piemonte, con una legge regionale più volte censurata in Corte di cassazione, pretenderebbe di estendere da 3 a 5 gli anni (successivi a quello in cui doveva essere effettuato il pagamento) in cui poter richiedere il versamento del tributo.

Concludendo: per accertare il diritto a non pagare bisogna comunque presentare ricorso presso la Commissione Tributaria Provinciale (CTP) competente per territorio, eccependo l'intervenuta prescrizione della tassa. Magari con il supporto di una Associazione di consumatori per evitare di dover versare una parcella troppo onerosa (rispetto all'importo contestato) ad un professionista (dottore commercialista, avvocato tributarista, consulente del lavoro, ragioniere, perito commerciale) abilitato a trattare il contenzioso tributario per conto del cliente.

Per poter presentare ricorso, il carteggio difensivo va integrato con la richiesta di accesso alla documentazione eventualmente inviata, nel tempo, al ricorrente dalla Pubblica Amministrazione regionale.

1 settembre 2017 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

bollo auto (tassa automobilistica) prescrizione e decadenza

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Bollo auto – la prescrizione per accertamenti in Piemonte è quinquennale
Regione Piemonte - Legge regionale numero 20 del 5 agosto 2002 - Articolo 5. - (Riordino sanzioni in materia di tributi regionali ed estinzione crediti tributari di importo minimo) A decorrere dal 1° gennaio 2003 il termine di prescrizione per l'accertamento e il rimborso della tassa automobilistica è fissato, ai sensi ...
La prescrizione del bollo auto - se il mancato pagamento è consecutivo vanno pagati solo gli ultimi tre anni
Il decreto legisl. 30 aprile 1992 numero 285 e successive modificazioni, all'articolo 96 - Adempimenti conseguenti al mancato pagamento della tassa automobilistica - comma 1), recita: “Ferme restando le procedure di recupero degli importi dovuti per le tasse automobilistiche, l'ACI, qualora accerti il mancato pagamento di detti tributi per almeno ...
Prescritto il credito esattoriale preteso con avviso di intimazione al pagamento inviato al debitore dopo cinque anni dalla notifica della cartella esattoriale
Il principio, di carattere generale, secondo cui la scadenza del termine perentorio sancito per opporsi o impugnare un atto di riscossione mediante ruolo, o comunque di riscossione coattiva, produce soltanto l'effetto sostanziale della irrevocabilità del credito, ma non anche la cosiddetta conversione del termine di prescrizione breve, eventualmente previsto, in ...
Fermo amministrativo e pagamento bollo auto - facciamo chiarezza
Il fermo amministrativo segue il mancato pagamento di un atto formale come: la cartella esattoriale; l'avviso di accertamento esecutivo,  che sostituisce la cartella cartella esattoriale dall'ottobre 2011 per debiti di origine erariale; l'ingiunzione di pagamento,  già utilizzata da molti comuni per riscuotere le multe e unico mezzo che gli stessi ...
Estinzione anticipata del mutuo - Il recesso anche dalla polizza incendio e scoppio deve essere espressamente richiesto
Senza alcun dubbio esiste un collegamento negoziale fra il contratto di mutuo e la stipula di una polizza assicurativa a copertura del rischio incendio e/o danneggiamento del bene immobile oggetto di garanzia ipotecaria. Ciò, tenuto conto che banche e finanziarie sono soliti richiedere alla clientela di stipulare, contestualmente alla concessione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca