Bollette TIM telefono fisso non pagate dopo il decesso dell’intestatario


Il gestore telefonico TIM può rivalersi sui figli per bollette non pagate successive al decesso dell’intestatario? Si precisa che il suddetto non ha lasciato eredità in quanto nullatenente. Lascia soltanto pensione di reversibilità alla moglie.

I figli ed il coniuge non sono obbligati a pagare le bollette lasciate in sospeso dal defunto verso il gestore telefonico TIM, se rinunciano all’eredità.

Infatti, il defunto qualcosa ha lasciato: i debiti, e comunque i chiamati all’eredità (moglie e figli) devono presentare dichiarazione di rinuncia presso il Tribunale competente per territorio (luogo in cui è avvenuto il decesso).

Il coniuge che rinuncia all’eredità avrà comunque diritto alla pensione di reversibilità: quest’ultima, infatti, è acquisita per legge e non per diritto ereditario.

24 Marzo 2019 · Chiara Nicolai



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?