Bollette luce e conguagli - Come far valere la prescrizione biennale?

Mi è arrivato, in merito alla bolletta della luce, un conguaglio in riferimento agli ultimi 5 anni: sapevo che il periodo di prescrizione era diventato limitato a due anni.

Devo pagare lo stesso tutto l'importo del conguaglio?

Al contrario, che devo fare?

A partire da marzo 2018, nell'eventualità della ricezione di un maxi conguaglio, spalmato su più anni, della bolletta della luce, i consumatori hanno diritto a pagare solo gli ultimi 24 mesi, poiché la prescrizione è biennale.

Infatti, la prescrizione ridotta da 5 a 2 anni è stata prevista dalla legge di Bilancio 2018 e serve ad evitare di ritrovarsi a pagare somme stratosferiche tutte insieme.

Importi a cui spesso ci si arriva proprio a causa dei ritardi del distributore: ritardate letture, blocco di fatturazioni, contatori rotti, rettifiche del dato di misura precedentemente fornito dal distributore e via dicendo.

Come sempre, però, gran parte dei consumatori italiani non è al corrente di questo nuovo diritto e delle modalità per esercitarlo.

Ed è proprio su questo che gli operatori fanno leva, continuando a richiedere conguagli che datano a periodi superiori al biennio.

Così l'Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (Arera) ha inviato una nota ai venditori di energia elettrica in cui impone di informare il consumatore, insieme all'emissione della bolletta, del fatto che non si possono richiedere conguagli per consumi stimati che risalgono a più di due anni indietro.

La comunicazione da parte dell'operatore deve avvenire almeno 10 giorni in anticipo rispetto alla scadenza dei termini di pagamento.

Il venditore deve tra l'altro fornire indicazioni sulle modalità tracciabili per adempiere all'obbligo: ad esempio posta, e-mail, fax, moduli web.

Pertanto, dalla prossima bolletta le famiglie si troveranno quindi in bolletta questo avviso A partire dal 1 marzo 2018, qualora si riceva una fattura contenente importi per consumi riferiti a periodi trascorsi da almeno due anni,è possibilecontestarli e non pagarli, in applicazione della Legge di Bilancio 2018 (Legge n. 205/17). Il Suo venditore ha l'obbligo, contestualmente a tale fattura e comunque almeno 10 giorni prima della scadenza del pagamento, di informarLa per agevolarLa nell'esercizio di questa facoltà. Per ulteriori informazioni chiami il numero verde dello Sportello dell'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) 800 166 654.

Dunque, qualora il consumatore si veda addebitare in bolletta un conguaglio ultrabiennale, deve comunque seguire una procedura per contestare la fattura.

Innanzitutto bisogna inviare un reclamo scritto al proprio operatore attraverso una raccomandata con ricevuta di ritorno.

La risposta dovrà arrivare entro 50 giorni.

Se si supera questo termine si andrà in conciliazione online.

A questo punto o il problema si risolve attraverso la conciliazione online, quindi attraverso la risoluzione stragiudiziale presso l'Autorità dell'energia, passaggio obbligatorio prima di adire le vie giudiziarie, oppure se non si raggiunge l'accordo o non si è soddisfatti di quello raggiunto, si andrà davanti al Giudice di Pace, che però ha un costo e tempi ben più lunghi.

29 maggio 2018 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

prescrizione bollette luce e gas
tutela consumatore gas acqua luce

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La nuova prescrizione biennale delle bollette per la fornitura di luce e gas e acqua e la possibilità di sospendere il pagamento
Nei contratti di fornitura di energia elettrica e gas, il diritto al corrispettivo delle bollette si prescrive in due anni. In caso di emissione di fatture a debito nei riguardi dell'utente per conguagli riferiti a periodi maggiori di due anni, qualora l'Autorità garante della concorrenza e del mercato abbia aperto ...
Prescrizione biennale per i conguagli relativi a consumi di luce e gas - Ma, alla fin fine, si dovrà comunque pagare il conguaglio ultra biennale e ricorrere al Giudice per ottenere il rimborso della pretesa prescritta
In passato, le associazioni di consumatori hanno spesso segnalato le gravi anomalie emerse nel sistema di fatturazione all'utenza di energia elettrica e gas, consistenti in particolare nell'addebito di conguagli derivanti dalla mancata lettura del misuratore (contatore) che portano alla rilevazione delle cosiddette rettifiche tardive dei dati di misura da parte ...
La conciliazione » Ecco come contestare bollette di luce telefono e gas
Per risolvere le controversie relative a ipotetici abusi o discordanze sulle bollette di luce telefono o gas, è possibile, senza dover per forza attivare un giudizio in tribunale promuovere una conciliazione al fine di tentare una soluzione bonaria alla vertenza ed evitare gli ingenti costi di una causa, evitando anche ...
Rateizzazione bollette gas e luce e messa in mora clienti morosi - nuove regole
L'Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico (AEEG) ha previsto, con una delibera approvata nei primi giorni di giugno 2015, la possibilità di richiedere la rateizzazione delle bollette di elettricità e gas anche dopo la scadenza di pagamento, con un allungamento dei tempi a disposizione, e il ...
Canone Rai » A chi è dovuto l'onere in caso di contratto di locazione?
Si è stipulato un contratto di locazione come affittuario e l'apparecchio televisivo appartiene al proprietario dell'appartamento: chi deve pagare il canone rai? Lo spieghiamo nel prosieguo dell'articolo. E' bene notare che dal 2016 l'addebito del canone Rai, vale a dire dell'imposta sul possesso della televisione, finisce direttamente nella bolletta della ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca