Benzina in autostrada: i costi diventano eccessivi durante il ponte - Presentato esposto in diverse Procure

Sono partito per il ponte di Pasqua con la mia famiglia ed un'altra coppia di amici: siamo rimasti esterrefatti per il prezzo della benzina applicato dai distributori sulle strate extraurbane.

Siamo al limite del ridicolo.

Possibile che nessuno faccia nulla?

Come ogni anno, a scanso di equivoci, purtroppo, è arrivata la stangata del caro benzina sui ponti festivi degli italiani: il prezzo del carburante, infatti, in alcune stazioni di servizio autostradali, ha superato il costo di due euro al litro.

Una situazione insostenibile per gli automobilisti, tanto che il Codacons ha inviato un esposto a 104 Procure alle quali si chiede di verificare se sia stato commesso il reato di aggiotaggio.

Si crede fortemente, infatti, che ci siano gli estremi per una indagine da parte della magistratura volta ad accertare la correttezza dei rincari dei listini di benzina e gasolio che si stanno susseguendo negli ultimi giorni.

In particolare alle Procure è stato chiesto di verificare se gli aumenti dei prezzi dei carburanti delle ultime ore configurino possibili speculazioni legate alle partenze degli italiani per i ponti del 25 aprile e 1 maggio, in considerazione dei maggiori consumi di benzina e gasolio da parte di chi si sposta per raggiungere mete di villeggiatura.

I rincari dei listini alla pompa infatti appaiono eccessivi e troppo veloci, produrranno una stangata a carico delle famiglie in viaggio su strade e autostrade e non sembrerebbero giustificati dall'andamento del petrolio, considerato che il carburante venduto oggi è stato acquistato dalle compagnie petrolifere quando le quotazioni della materia prima erano sensibilmente inferiori.

Secondo il Quotidiano Energia le ultime compagnie a ritoccare i prezzi in ordine di tempo sono state Eni, Ip e Italiana Petroli con rialzi di un centesimo per benzina e diesel.

Le medie sono ovviamente sotto i due euro.

Il prezzo medio nazionale praticato in modalità self della benzina è pari a 1,618 euro al litro, con i diversi marchi che vanno da 1,618 a 1,633 euro al litro (no-logo a 1,598). Il prezzo medio praticato del diesel è a 1,508 euro al litro, con le compagnie che passano da 1,509 a 1,518 euro (no-logo a 1,486).

Quanto al servito, per la verde il prezzo medio praticato è di 1,750 euro al litro, con gli impianti colorati che vanno da 1,721 a 1,820 euro al litro (no-logo a 1,643), mentre per il diesel la media è a 1,643 euro al litro, con i punti vendita delle compagnie tra 1,628 a 1,725 euro al litro (no-logo a 1,531). Il Gpl, infine, va da 0,637 a 0,663 euro al litro (no-logo a 0,632).

Un pieno di gasolio costa oggi circa 5,5 euro in più rispetto ad aprile 2018 (+4 euro la benzina) e il rincaro alla pompa raggiunge quota +7% su base annua” aumenti che rendono sempre più salati i ponti del 25 aprile e dell'1 maggio” con 6,5 milioni di italiani che vengono stimati in viaggio.

27 aprile 2019 · Gennaro Andele

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - viaggi e vacanze

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca