Banca rifiuta pagamento assegno perché il conto corrente di traenza è stato chiuso

Ho un assegno da incassare tratto sulla stessa mia banca: la cassiera dice che non è possibile perché quel correntista ha chiuso il conto e lei non vede a computer quell'assegno. Le ho chiesto di darmi almeno un documento che giustifica di non poterlo versare, da poter fornire al mio avvocato ma mi nega anche quello.

È legale una cosa del genere? È vero che non vede l'assegno e non si può versare e protestare?

Una volta scaduti i termini di presentazione dell'assegno e chiuso il rapporto da parte del traente, l'assegno non è più protestabile e la banca non è tenuta ad attestare il mancato pagamento come nel caso in cui il conto corrente, su cui è tratto l'assegno, sia attivo ma privo della necessaria liquidità. Men che mai la banca è obbligata a corrispondere il valore facciale dell'assegno al portatore.

Peraltro, il traente (colui che ha emesso l'assegno) potrebbe aver revocato gli assegni scaduti e non incassati per tempo, prima di chiudere il rapporto di conto corrente, cosa di cui la legge gli concede il diritto.

Nemmeno da scartare l'ipotesi che l'assegno, quando emesso, sia stato tratto su un conto corrente già chiuso da tempo: del resto, la prassi interbancaria di richiedere il benefondi prima di accettare un assegno come corrispettivo di forniture o prestazione di servizi, non è nata per caso.

Per benefondi si intende la prassi interbancaria di richiedere e dare conferma circa l'esistenza di una sufficiente provvista (o addirittura dell'esistenza di un conto corrente attivo) in relazione al pagamento di un assegno. Pur trattandosi di accertamento informale, il benefondi rappresenta un dato affidabile per chi l'abbia richiesto e, come tale, può quindi costituire fonte di responsabilità per chi fornisse informazione non veritiera.

2 ottobre 2018 · Annapaola Ferri

Come da messaggio precedente, ho assegno, non datato, da incassare sulla stessa mia banca: la cassiera dice che non è possibile versarlo perché quel correntista ha chiuso il conto e lei non lo vede al computer. Mi ha suggerito di aprire un conto in un altra banca e provare se lo accettano lì. Chiedo vostro consiglio.

Probabilmente non abbiamo compreso esattamente quale sia la questione: forse la cassiera (non avendo molta fiducia nella propria padronanza del sistema informativo della banca per cui lavora) le ha suggerito di tentare la sorte presso altra filiale dello stesso Istituto di Credito, dopo aver aperto il conto presso la filiale prescelta. Più semplicemente, il nostro consiglio è quello di provare presso la stessa filiale, tentando di presentare l'assegno ad uno sportello dove non sia di turno la medesima cassiera.

2 ottobre 2018 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno - termini di presentazione
assegno bancario
benefondi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Protesto di un assegno segnalato come rubato presentato al pagamento con firma di traenza non conforme a quella depositata
In tema di protesto di assegno bancario segnalato come rubato e presentato per il pagamento, nel caso in cui la firma di traenza indichi un nome completamente diverso da! titolare del conto corrente, tale che non sia in alcun modo possibile ingenerare nella banca trattaria il dubbio dell'apparente riferibilità dell'assegno ...
Assegno bancario - legittimo il rifiuto al pagamento opposto dalla banca in situazione di palese conflitto di interesse
La sottoscrizione apposta sull'assegno deve contenere, fra l'altro, il nome e il cognome di colui che si obbliga. E' pertanto evidente che, quando la sottoscrizione viene apposta in nome altrui, la qualità di rappresentante del sottoscrittore deve essere esplicitata sul titolo con indicazioni idonee a rendere evidente ai terzi l'identità ...
Assegno protestato per difetto di autorizzazione - Se il carnet è stato rilasciato dopo la revoca di sistema la banca è solidalmente responsabile nei confronti del beneficiario
Se un assegno viene protestato per difetto di autorizzazione, allora vuol dire che chi lo ha emesso (il traente) è correntemente oggetto di un provvedimento di revoca di sistema che gli vieterebbe, appunto, la sottoscrizione di titoli di pagamento. Qualora il carnet, da cui è stato tratto l'assegno protestato, fosse ...
Assegno postdatato – la legge lo vieta
La data di emissione dell'assegno dev’essere quella effettiva. L'assegno, infatti, è un mezzo di pagamento e NON uno strumento di credito come la cambiale. La legge vieta espressamente l'emissione di assegni postdatati e prevede, qualora venga indicata una data posteriore a quella di effettiva emissione, l'applicabilità del bollo delle cambiali ...
Chiusura unilaterale conto corrente e conseguente protesto assegno - la banca deve risarcire
La clausola di buona fede nell'esecuzione del contratto di conto corrente opera come criterio di reciprocità, imponendo a ciascuna delle parti del rapporto di agire in modo da preservare gli interessi dell'altra e costituisce un dovere giuridico autonomo a carico delle parti contrattuali, a prescindere dall'esistenza di specifici obblighi contrattuali ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca