Banca estera, richiesta pagamento

Ho lavorato per 8 mesi in Repubblica Ceca, dove ho aperto un conto con Raiffeisen bank. Quando sono tornato in Italia a causa di cattive informazioni fornitemi da amici sul luogo non ho chiuso questo conto che mi veniva a costare pochi euro al mese. Tornato quindi in Italia ho trasferito tutti i soldi sul mio conto corrente italiano lasciando solo pochi spicci sul conto ceco.

A causa del costo del conto sono andato in rosso e ora la banca (in realtà a febbraio 2014) mi ha mandato una lettera alla mia residenza italiana chiedendo di saldare circa 100 euro. Per chiudere il conto dovrei comunque andare fisicamente presso uno sportello in rep. ceca, cosa ovviamente assurda.

Secondo voi se continuo a non pagare c'è la possibilità di essere messi tra i cattivi pagatori e protestato? O ulteriori ingiunzioni di pagamento?

Poco probabile che possa essere richiesta l'iscrizione negli archivi dei cattivi pagatori per l'importo in rosso di un conto inattivo. L'iscrizione segue, di norma, l'omesso o insufficiente rimborso delle rate di un prestito.

Il protesto, invece, ha come presupposto l'emissione di un assegno scoperto o di una cambiale non onorata alla scadenza.

Come nella normale prassi della procedura di recupero crediti, le potrà essere notificata una comunicazione formale di messa in mora. Il che vuol dire che da quel momento il saldo negativo contabilizzato verrà gravato dagli interessi moratori.

26 dicembre 2014 · Piero Ciottoli

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Non è possibile chiudere un conto corrente se è utilizzato per il pagamento delle rate di un prestito concesso dalla stessa banca
Abbiamo già avuto modo di vedere, in altri articoli, che è illegittimo il rifiuto della banca alla chiusura del conto corrente motivandolo con l'esistenza di un saldo negativo, dal momento che la giurisprudenza ha evidenziato che il diritto di recesso dai contratti a tempo indeterminato è riconosciuto al correntista ai ...
Procedure di bonifico » Il nuovo sistema SEPA
Dal 1° febbraio 2014 gli strumenti di incasso e pagamento nazionali sono migrati verso quelli definiti per l'area unica dei pagamenti in Euro (SEPA - Single Euro Payments Area): in Italia il bonifico ordinario è passato al SEPA Credit Transfer, mentre il RID al SEPA Direct Debit. Ciò significa che ...
Elenco dei paesi esteri con i quali vigono specifici accordi per assistenza al recupero crediti esattoriale
La direttiva comunitaria sull'assistenza reciproca tra gli Stati membri (e di quelli dell'Unione) per il recupero dei crediti di origine esattoriale (imposte) è stata recepita nell'ordinamento nazionale con il decreto legislativo numero 149 del 14 agosto 2012, che recepisce la direttiva comunitaria 2010/24. La direttiva comunitaria, che mira a tutelare ...
Chiusura del conto corrente - la banca non può condizionarla alla restituzione di un debito del cliente
Può accadere che la banca opponga rifiuto alla richiesta di chiusura del conto formulata dal cliente, giustificando tale rifiuto con il mancato rimborso di somme indebitamente versate al correntista a titolo di stipendio e tredicesima mensilità. Può accadere anche che, dopo il rifiuto di chiudere il conto corrente, trascorrano degli ...
RID e addebito diretto SEPA (Sepa Direct Debit - SDD) differenze e analogie
Diversamente dal servizio RID (Rapporto Interbancario Diretto), in cui la delega all'addebito viene rilasciata direttamente dal debitore alla propria banca, con l'addebito diretto SEPA (Sepa Direct Debit - SDD) il mandato all'addebito è sottoscritto e consegnato dal debitore direttamente al creditore (ad es. il fornitore di elettricità, gas etc.) il ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca