L'azione revocatoria riguarda anche la vendita di un'auto ad un familiare?

Volevo sapere se l'azione revocatoria riguarda anche la vendita di un'auto ad un familiare, qualora si ricevesse un preavviso di fermo amministrativo su un veicolo e l'ente creditore non concedesse la rateizzazione del debito pur dimostrando che si è in difficoltà economica. Insomma, se la vendita del veicolo ad altro familiare convivente (marito o figlio) rientra o meno negli atti del debitore soggetti ad azione revocatoria da parte dell'ente creditore (Equitalia nel caso specifico). Qualora fosse affermativa la cosa, anche la vendita ad altro parente fuori dal nucleo familiare (sorella, genitori ecc...) è un'azione suscettibile di azione revocatoria ? E la vendita a terze persone (quindi una vendita reale e non studiata per ledere il creditore ?) che non sono a conoscenza delle possibili azioni dell'ente creditore al venditore ? Posto che non venga concessa la dilazione di pagamento ci sono atti con cui chiedere la sospensione oppure, ove venisse già iscritto il fermo, l'annullamento del fermo per motivi importanti (l'auto serve per assistere persone anziane non raggiungibili con altri mezzi tra cui uno suocero GRANDE INVALIDO) ?

Il fermo amministrativo può essere evitato dimostrando ad Equitalia che il veicolo è necessario all'attività professionale, o semplicemente lavorativa, svolta dal debitore.

Non rilevano altre situazioni come quella, ad esempio, da lei ipotizzata: l'auto serve per assistere persone anziane non raggiungibili con altri mezzi tra cui uno suocero GRANDE INVALIDO

Quindi, a meno che il veicolo non sia funzionale all'attività svolta dal debitore, per evitare il fermo è necessario pagare l'importo preteso in cartella esattoriale oppure trasferire la proprietà del veicolo prima che al PRA venga registrato il provvedimento adottato dal concessionario della riscossione.

L'azione revocatoria di atti posti in essere dal debitore, finalizzati a sottrarre al creditore la possibilità di ottenere il rimborso di quanto dovuto, ha un costo. Pertanto, vi si ricorre solo quando ne vale la pena.

Peraltro bisogna distinguere fra fermo amministrativo, che ha il solo scopo di costringere il debitore a pagare, e pignoramento, a cui si ricorre per il recupero del credito solo quando il veicolo ha un valore di mercato rilevante.

8 agosto 2014 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

fermo amministrativo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Requisiti per l'azione revocatoria - Quando l'atto dispositivo revocando viene effettuato dal debitore prima o dopo l'insorgenza del credito
Azione revocatoria di atti del debitore effettuati prima e dopo l'insorgenza del credito Qualora l'azione revocatoria abbia per oggetto atti del debitore disposti in epoca anteriore al sorgere del credito, è richiesta, quale condizione per l'esercizio dell'azione revocatoria, la dolosa preordinazione dell'atto da parte del debitore al fine di compromettere ...
Azione revocatoria di atti del debitore - Intento fraudolento e preordinazione dolosa ai danni del creditore
Com'è noto, l'azione revocatoria è l'azione giudiziale con cui il creditore può domandare che siano dichiarati inefficaci, nei suoi confronti, gli atti di disposizione del patrimonio del debitore finalizzati a compromettere la futura riscossione coattiva del credito. Se l'azione revocatoria ha per oggetto atti posteriori al sorgere del credito, ad ...
Azione revocatoria di atti disposti dal fideiussore del debitore
L'azione revocatoria ordinaria presuppone, per la sua esperibilità, la sola esistenza di un debito, e non anche la sua concreta esigibilità, con la conseguenza che, prestata fideiussione in relazione alle future obbligazioni del debitore principale connesse all'apertura di credito regolata in conto corrente, gli atti dispositivi del fideiussore successivi all'apertura ...
Il fondo patrimoniale costituito nell'insorgenza del debito è soggetto ad azione revocatoria
L'azione revocatoria verso gli atti di disposizione dei beni del debitore, quale ad esempio la costituzione di un fondo patrimoniale, è semplicemente finalizzata alla tutela delle ragioni del creditore; tutela realizzata sottraendo al fondo patrimoniale i beni che svolgevano una funzione di garanzia generica del credito, quando ricorre l'elemento della ...
Revocatoria di atti del debitore » prescrizione
L'azione revocatoria si prescrive in cinque anni dalla data dell'atto del debitore presumibilmente finalizzato a sottrarre il proprio patrimonio dalle procedure di escussione coattiva esperibili dal creditore. Trascorsi i cinque anni dalla data dell'atto, il creditore non può più ottenere la dichiarazione di inefficacia, anche se dimostra che l'atto era ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca