Possibile l’azione di riduzione per fideiussione prestata dal de cuius a favore di uno dei coeredi?

Può esperire l’azione di riduzione un legittimario qualora il de cuius abbia contratto in vita una fideiussione bancaria a favore di un altro legittimario e che per effetto della successione dalla Banca viene imputata al primo?

L’azione di riduzione si propone nel caso in cui le disposizioni testamentarie o le donazioni siano eccedenti la quota di cui il defunto poteva disporre e ha come scopo la determinazione dell’ammontare concreto della quota di cui il defunto poteva disporre (quota non disponibile o di riserva) e di stabilire come, ed in quale misura, le singole disposizioni testamentarie o le donazioni debbano ridursi per integrare la quota di legittima.

Con l’azione di riduzione, dunque, il legittimario mira è ad accertare, nei confronti della successione che lo riguarda, l’ammontare della quota riservata legittima e, quindi, della lesione che ad essa hanno apportato le disposizioni del de cuius, nonché le modalità e l’ammontare delle riduzioni di dette disposizioni lesive.

In pratica, l’attuazione dell’azione di riduzione si accompagna sempre alla proposizione di una istanza di restituzione.

Nel caso specifico la fideiussione a favore di uno dei due coeredi, che la banca ha (com’era suo diritto) imputato in quota anche all’altro coerede, non è suscettibile di azione di riduzione dell’eredità finalizzata a reintegrare la quota di legittima.

Lei potrebbe revocare la fideiussione a favore dell’altro coerede, facendo fronte all’eventuale importo per cui il debitore coerede risulta attualmente esposto nei confronti del creditore garantito (la banca) ed avviare contestualmente azione esecutiva sui beni ereditati dal coerede debitore inadempiente.

6 Marzo 2017 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il coniuge sopravvenuto può chiedere la riduzione delle donazioni compiute dal de cuius in favore dei figli nati dal precedente matrimonio
In materia di successione necessaria, ai fini della determinazione della porzione disponibile e delle quote riservate ai legittimari, occorre avere riguardo alla massa costituita da tutti i beni che appartenevano al de cuius al momento della morte, al netto dei debiti, maggiorata del valore dei beni donati in vita dal defunto, senza che possa distinguersi tra donazioni anteriori o posteriori al sorgere del rapporto da cui deriva la qualità di legittimario. L'equiparazione delle donazioni anteriori al sorgere del rapporto da cui deriva la qualità di legittimario a quelle posteriori risponde alla ratio della riunione fittizia che ha lo scopo di ...

Azione di riduzione - Imputazione delle donazioni effettuate in vita dal de cuius
Per determinare se una quota di legittima sia stata lesa bisogna fare il calcolo dell'asse ereditario meno debiti al momento della successione più eventuali donazioni fatte in vita dal de cuius. Se nel calcolo sono già state inserite le donazioni eventualmente fatte in vita, l'imputazione come opera rispetto a questo? ...

Il legittimario che intende proporre azione di riduzione nei confronti dei coeredi e dei legatari deve accettare l'eredità con beneficio di inventario
Il legittimario che proponga contemporaneamente azione di riduzione nei confronti sia di coeredi sia di legatari, poichè chiede la riduzione di disposizioni testamentarie fatte a legatari e coeredi, deve accettare con beneficio di inventario? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Possibile l’azione di riduzione per fideiussione prestata dal de cuius a favore di uno dei coeredi?