Come procedere se un avvocato nega di aver ricevuto acconti per l'assistenza tecnica nel contenzioso e pretende l'intera parcella?

Vorrei sapere se un avvocato possa pretendere un compenso superiore liquidato in sentenza dal giudice e se può far finta di non aver ricevuto acconti in questi anni di causa pretendendo tutta la cifra delle spese legali.

Se il cliente, nel corso degli anni, ha versato anticipazioni in contanti (non attraverso bonifici o assegni non trasferibili) senza pretendere una fattura quietanzata, può accadere che gli venga richiesto, a saldo, l'intero compenso per le attività di assistenza legale svolte durante il contenzioso giudiziale, contabilizzato secondo le tariffe forensi vigenti al momento della liquidazione della parcella e senza tener conto di quanto già anticipato.

7 novembre 2017 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assistenza legale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contenzioso giudiziale fra avvocato e cliente - Gli interessi per ritardato pagamento decorrono dalla data di liquidazione della parcella operata dal giudice
In ordine agli interessi per ritardato pagamento di una parcella, occorre rifarsi essenzialmente alla normativa del codice civile. Perché sia configurabile un colpevole ritardo nel pagamento del debito occorre che sussista una sufficiente certezza del suo importo: con la conseguenza che, qualora la determinazione del credito venga affidata al giudice, ...
Contenzioso giudiziale fra avvocato e cliente - Decorrenza degli interessi moratori per la parcella contestata
In tema di liquidazione di diritti ed onorari di avvocato e procuratore a carico del cliente, la disposizione comune alle tre tariffe forensi (civile, penale e stragiudiziale) prevede che gli interessi di mora decorrano dal terzo mese successivo all'invio della parcella. Tuttavia quando insorge controversia tra l'avvocato ed il cliente ...
Prescrizione per la parcella di un avvocato - Decorrenza, comunicazione interruttiva dei termini ed implicazioni dell'eccezione di prescrizione
Costituisce atto idoneo ad interrompere la prescrizione l'inoltro della richiesta di adempimento per lettera raccomandata, la cui spedizione è provata dalla relativa ricevuta e i cui particolari doveri di consegna a carico del servizio postale ne fanno presumere l'arrivo al debitore, pur in assenza della ricevuta di ritorno. Solo a ...
Patto di quota lite - l'avvocato non può pretendere un compenso percentualmente rapportato al danno risarcito al cliente
Il patto di quota lite è l'accordo che può intervenire fra avvocato e cliente in virtù del quale il primo percepisce, quale compenso per l'attività espletata, una quota del bene oggetto della lite, a risultato ottenuto. Secondo il Consiglio nazionale Forense è illecito l'accordo volto a spartirsi il ricavato al ...
Stop al patto di quota lite » Le disposizioni del Consiglio Nazionale Forense
Stop al patto di quota lite: validi i patti sui compensi parametrati ai risultati conseguiti, aventi ad oggetto, non una quota del bene oggetto della prestazione o della ragione litigiosa, ma una percentuale del valore del bene controverso o del bene stesso. Il patto di quota lite è, o meglio ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca