Avviso di pagamento tassa ICI per il 2012 accettato per la notifica il 3 gennaio 2018 - E' prescritto?

In data 08 gennaio 2018, mi è stata notificata una raccomandata ta con all'interno un avviso di pagamento della tassa ici del comune di cagliari per un immobile sito a cagliari riferita al 2012 dal postino presso il suindicato immobile. Da un accertamento esperito tramite le poste italiane riscontravo che tale posta veniva accettata e presa in consegna dalle poste di caserta il giorno 03 gennaio 2018 per poi transitare per Roma e poi a Cagliari. Considerando che il 31 dicembre 2017 e il 1 gennaio 2018 era festivo il primo giorno utile per la consegna regolare sarebbe stato il 02 gennaio 2018, poiché l'accettazione è avvenuta il 03 gennaio 2018, sarebbe prescritta?. Mi sono chiesto ma a caserta questo plico come c'è arrivato?

La sua domanda inerente a come il plico sia stato inviato da Caserta è pertinente: a nostro parere, la cosa migliore da fare per avere dati certi ed affidabili su cui basare eventuali eccezioni di intervenuta decadenza del potere del Comune di Cagliari di esigere il tributo, è quella di recarsi presso gli uffici preposti alla riscossione dei tributi locali e chiedere copia della relata di notifica dell'atto (quindi copia della ricevuta AR) che la riguarda.

Qualora, effettivamente, il plico fosse stato affidato a Poste Italiane, per la notifica al destinatario, il giorno 3 gennaio 2018 potrà inoltrare un ricorso amministrativo (autotutela) al Comune, contestando l'intervenuta decadenza del potere di esigere il tributo e tenendo presente che la presentazione dell'istanza in autotutela non sospende il termine di 60 giorni (decorrenti dall'8 gennaio) per poter contestare l'atto innanzi alla commissione tributaria provinciale. Questo per rendere chiaro che una volta presentata istanza in autotutela la questione non è chiusa, ma bisogna seguire l'iter della pratica per verificare che l'istanza sia stata accolta e, in caso contrario, procedere eventualmente al ricorso giudiziale prima che sia troppo tardi.

25 gennaio 2018 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

prescrizione e decadenza dei tributi locali - IUC TASI TARI TARES IMU TARSU TIA ICI

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La rottamazione bis delle cartelle esattoriali » Nuova chance per i debitori non ammessi al beneficio o decaduti dalla possibilità offerta con la prima rottamazione del 2016 - Si possono adesso rottamare anche i debiti in riscossione coattiva affidati al concessionario dal 1 gennaio al 30 settembre 2017
Nuova chance per il debitore non ammesso al beneficio della prima rottamazione del 2016 per non aver pagato, nei termini, le rate di piani di dilazione in scadenza al 24 ottobre 2016 Relativamente ai soli carichi compresi in piani di dilazione in corso alla data del 24 ottobre 2016, per ...
Vietati i libretti di risparmio al portatore
A far data dal 4 luglio 2017, con l'entrata in vigore del decreto legislativo 90/2017, è ammessa esclusivamente l'emissione di libretti di deposito, bancari o postali, nominativi ed è vietato il trasferimento di libretti di deposito bancari o postali al portatore. I libretti di deposito bancari o postali al portatore ...
Definizione agevolata per le cartelle esattoriali - Reloaded
1. Si possono rottamare anche le cartelle esattoriali affidate al concessionario della riscossione da gennaio a settembre 2017 Rientrano nell'ambito applicativo della rottamazione i carichi affidati all'Agente della riscossione dal 1° gennaio al 30 settembre 2017: fanno eccezione i soli carichi non rottamabili (rientrano tra questi per esempio, le somme ...
Assegno sociale - Nuovo importo da gennaio 2018 e limiti di reddito per fruirne in misura intera o ridotta
Come è noto, l'assegno sociale è una misura di sostegno al reddito destinata ai cittadini, italiani e stranieri, in condizioni economiche disagiate e con redditi inferiori a determinate soglie. I cittadini stranieri comunitari devono essere iscritti all'anagrafe del comune di residenza, mentre i cittadini extracomunitari, i rifugiati o i titolari ...
Il lavoratore autonomo che riceve a corrispettivo un assegno il 30 dicembre non può emettere fattura a gennaio dell'anno successivo
Può un professionista, che riceve a corrispettivo un assegno datato 30 dicembre, emettere fattura nel gennaio dell'anno successivo adducendo come motivazione la circostanza che l'importo è stato reso disponibile dal traente solo a gennaio? Al quesito hanno risposto i giudici della Corte di cassazione con l'ordinanza 15439/2017. Secondo i giudici ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca