Avviso di intimazione al pagamento di una cartella esattoriale per debiti INPS, IRPEF e multe

Chiedo, cortesemente, consigli per intimazione di pagamento riassuntiva di cartelle notificate a mio marito, in vari anni dal 2000 al 2014, notificata il 21 ottobre 2015 per un importo di € 175 mila relativa a contributi inps, irpef, multe.

Nell'elenco delle cartelle evidenziate da Equitalia con l'allegato prospetto delle cartelle notificate e, che peraltro ho, vi è anche una di € 80 mila notificata nel 24 aprile 2008 e relativa a contributi inerenti gli anni 1992 e 1993 non versati dalla ditta di mio marito, cessata nel 1993.

Altre cartelle elencate e consistenti sono del periodo 2001 (cartella notificata il 16.03.2005) e relativi a Contributi INPS, IRAP, IRPEF.

Posso avere un consiglio appronfondito su cosa devo fare? Sono molto preoccupata.

Seguendo un pò le vostre conversazioni mi sembra di capire che alcune siano prescritte. Quindi cosa devo fare:
1) se sono prescritte?

2) per le altre posso richiedere la rateizzazione in 120 rate, non vorrei trovarmi l'ufficiale giudiziario, peraltro era già venuto nel 2002 per debiti con l'I.N.P.S.

3) Mio marito è agente di commercio e andrà in pensione avendo maturato con l'INPS alcuni anni di lavoro nel 2019, mentre con l'Enasarco nel 2024. Vorrei regolarizzare la posizione ma per i tributi non prescritti solo per riuscire a dormire sonni tranquilli.

Nessuno potrà dirle, senza alcuna documentazione a supporto, se vi siano delle pretese prescritte e quali. La prescrizione di un debito non discende semplicemente dalla data in cui è sorto il debito, in quanto il creditore può avere, nel frattempo, inviato al debitore comunicazioni interruttive dei termini di prescrizione. E, tali comunicazioni, possono anche risultare ignote al debitore perché il tentativo di consegna è stato effettuato quando il destinatario risultava momentaneamente assente dalla propria residenza.

L'unico modo per poter eccepire l'eventuale prescrizione delle cartelle esattoriali è quello di raccogliere le relate di notifica degli avvisi di accertamento (Agenzia delle entrate), degli avvisi di addebito (INPS) e dei verbali di accertamento delle infrazioni (Polizia municipale, Polizia stradale) il cui mancato pagamento ha dato origine all'emissione delle cartelle esattoriali da parte di Equitalia. Senza dimenticare di chiedere ad Equitalia anche le relate di notifica delle cartelle esattoriali a suo tempo notificate.

Ammesso che il debito non sia prescritto, le azioni esecutive di Equitalia possono risolversi nell'iscrizione di ipoteca sulla casa del debitore (il bene non è espropriabile se è l'unico immobile di proprietà del debitore e se questi vi risiede) o sull'iscrizione di fermo amministrativo, relativamente al veicolo di proprietà del debitore.

Oppure, ancora, sul pignoramento della pensione erogata al debitore, nella misura massima del 10% se l'importo percepito non supera i 2 mila e 500 euro. Anche il conto corrente potrebbe essere pignorato.

Difficile, come già continuamente ripetuto in questo forum, il pignoramento, avviato da Equitalia, presso la residenza o il domicilio del debitore. Infatti, si tratta di un'azione esecutiva assai poco efficace: Il concessionario della riscossione vi potrebbe ricorrere solo quando nella residenza o nel domicilio del debitore è ragionevolmente presumibile rinvenire beni di valore (quadri d'autore, gioielli, collezioni, mobili di antiquariato).

Le azioni esecutive possono essere sospese chiedendo la rateizzazione del debito. Sicuramente viene concessa la rateizzazione in sei anni (72 rate).

Più difficile è spuntare la concessione di un piano di rientro dal debito in dieci anni (120 rate) dal momento che per ottenerlo è indispensabile che il debitore si trovi in una comprovata e grave situazione di difficoltà legata alla congiuntura economica, per ragioni estranee alla sua responsabilità, e che l'importo della rata, determinata secondo il piano ordinario (di 72 rate) risulti superiore al 20% del reddito mensile del nucleo familiare del debitore, avuto riguardo all'Indicatore della Situazione Reddituale (ISR), rilevabile dalla certificazione della DSU ISEE del nucleo familiare del debitore stesso.

11 novembre 2015 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale prescrizione e decadenza
cartella esattoriale rateazione
casa - limiti espropriazione esattoriale
pignoramento pensione
pignoramento presso residenza debitore e presunzione legale di proprietà – problematiche e possibili precauzioni
prescrizione e decadenza dei debiti e dei crediti
prescrizione e decadenza della cartella esattoriale originata da multa
rateazione Equitalia o ADER

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Prescrizione per i contributi INPS dovuti e non versati
La prescrizione è un evento estintivo del diritto di versare/recuperare i contributi, legato al decorso di un periodo di tempo determinato dalla legge. Entro il termine di prescrizione i contributi non versati possono essere validamente: pagati con regolarizzazione da parte del datore di lavoro (lavoro dipendente), o del lavoratore stesso ...
Cartella esattoriale con vizio formale » Inps può recuperare comunque i crediti
l'Inps ha il diritto di recuperare i tributi non pagati dal contribuente anche se la cartella esattoriale è affetta da un vizio formale. Infatti, un eventuale vizio formale della cartella o il mancato rispetto del termine decadenziale previsto ai fini dell'iscrizione a ruolo comporta soltanto l'impossibilità, per l'istituto, di avvalersi ...
Prescrizione biennale della cartella esattoriale originata da multe – chiarimenti
Dal 1° gennaio 2008 gli agenti della riscossione non possono svolgere attività finalizzate al recupero di somme, di spettanza comunale, per sanzioni amministrative relative a violazione del Codice della strada di cui la cartella di pagamento non è stata notificata entro due anni dalla consegna del ruolo. Lo ha stabilito ...
Mancato pagamento cartelle esattoriali – cosa è l'intimazione al pagamento o avviso di mora
Gli avvisi di intimazione (o "avvisi di mora") vengono inviati dall'Agente della Riscossione dopo che sia decorso un anno dalla notifica della cartella. In mancanza, l'Agente della Riscossione non potrebbe - decorso il detto anno - attivare le procedure esecutive. L'avviso di intimazione contiene: le generalità del destinatario dell'atto; il ...
Cartella esattoriale originata dal mancato o insufficiente pagamento di irpef iva e bollo auto
In materia di imposte sui redditi e relative imposte sostitutive, IVA, INVIM, imposta di registro, imposta sulle successioni e donazioni, imposte ipotecaria e catastale, imposta sulle assicurazioni, IRAP, imposta di bollo, tassa sui contratti di borsa, tassa sulle concessioni governative, tasse automobilistiche, altri tributi indiretti. ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca