Avviso di intimazione al pagamento di Agenzia delle Entrate Riscossione per molteplici precedenti cartelle esattoriali asseritamente mai notificate a cittadino italiano residente all’estero

Sono un Italiano residente in Bulgaria, ho ricevuto di recente al mio indirizzo AIRE una notifica di AdE – Riscossione per un importo importante. La notifica riporta numerose cartelle “precedenti” riferite a mancati versamenti IRPEF ed IVA della mia passata attività in Italia, notificate dal 2016 fino al 2018 (oltre all’attuale), ed inerenti periodi che vanno dal 2011 al 2014 (redditi 2012-2015).

Io ho cessato l’attività alla fine del 2014, e sono emigrato ad Aprile 2015 quando ho effettuato regolare registrazione AIRE, aggiornata successivamente nel 2018. Non capisco come possa essere arrivata questa notifica ma nessuna delle precedenti. Non ho infatti mai trovato il bigliettino di avviso del postino, e questo mi ha privato della possibilità di accedere alla rottamazione delle cartelle. Non ho proprietà in Italia e non conto di tornare, ma vorrei capire se posso impugnare per decadenza le notifiche non pervenute antecedenti il termine del 31/12/2018, per non lasciare pendenze.

L’ultima notifica che è arrivata, è di Dicembre 2019 e non riporta nuove cartelle (ultimo anno di competenza 2014 in dichiarazione 2015, anno in cui tra l’altro già non ero più in Italia). Grazie mille, spero di essere stato esauriente.

Deve, innanzitutto, conferire delega a qualcuno che possa, per suo conto, accedere agli atti presso una qualsiasi sede di Agenzia delle Entrate Riscossione al fine di ottenere copia delle relate di notifica delle cartelle esattoriali esistenti a suo carico, allo scopo di verificarne la corretta notifica.

Con questa documentazione dovrà successivamente incaricare un professionista per valutare la fattibilità di impugnare gli atti eventualmente affetti da vizio di notifica. Il tutto deve completarsi entro 60 giorni dalla data in cui ha ricevuto l’avviso.

In teoria, avrebbe solo 5 giorni di tempo per adempiere o chiedere la sospensione o la rateizzazione del carico debitorio: in realtà, non avendo beni pignorabili in Italia, può concedersi il termine di 60 giorni per impugnare l’avviso senza l’esigenza di chiedere la sospensione delle eventuali azioni esecutive che l’agente della riscossione intendesse, nel frattempo, avviare.

24 Dicembre 2019 · Paolo Rastelli

Sottopongo un nuovo quesito relativo al mio caso di notifica ricevuta all’estero a mezzo posta in Bulgaria, paese UE ove NON è possibile procedere alla notifica diretta per esplicita opposizione all’Art. 15 regolamento (CE)1393/2007.

Mi pare di capire che nel caso specifico una notifica ad un cittadino italiano, può avvenire solo tramite l’ambasciata o le preposte autorità bulgare, seguendo le modalità indicate sul sito https://e-justice.europa.eu.

Tralascio i dettagli sul contenuto della notifica perchè per la parte di quesito che pongo, non sono rilevanti. Mi pare invece rilevante il fatto che la notifica pervenutami fosse diretta, mittente ADER. Secondo predetto regolamento non sono assolutamente certo che il notificante potesse procedere con una raccomandata AR a me direttamente indirizzata, o qualora lo fosse avrebbe dovuto inoltrarne copia al Ministero degli Esteri perchè me la facesse pervenire in modo certo tramite l’ambasciata, ma non ho mai ricevuto alcunchè dalla mia ambasciata di riferimento.

Ho quindi il sospetto che la notifica in questione sia un tentativo di causare una mia reazione che possa validare la notifica stessa in qualità di atto recettizio, ma in realtà essa ed ogni eventuale precedente ed ogni eventuale futura trasmessa con la medesima modalità, non hanno alcun valore ed anzi, sono inesistente non essendo state trasmesse attraverso i canali debiti. Ho male interpretato il tutto o c’è del fondamento nel mio sospetto? Mi è stato consigliato di fare un estratto di ruolo ed accedere agli atti ma non vorrei così facendo, darmi la zappa sui piedi, considerando che si parla di cose di parecchio tempo fa.

L’articolo 26 del DPR 602/1973 specifica che la notifica può essere eseguita anche mediante invio di raccomandata con avviso di ricevimento; in tal caso, la cartella e’ notificata in plico chiuso e la notifica si considera avvenuta nella data indicata nell’avviso di ricevimento sottoscritto da una delle persone previste dal secondo comma o dal portiere dello stabile dove e’ l’abitazione, l’ufficio o l’azienda.

Per il resto, già è difficile seguire la normativa nazionale, per cui non abbiamo alcuna intenzione di occuparci di normativa europea in questa sede.

In soldoni, resta il fatto che le è stato direttamente notificato un avviso di intimazione al pagamento riferito a cartelle esattoriali che lei asserisce non essere mai state portate alla sua attenzione. A questo punto deve contestare la questione nelle sedi opportune (Commissione Tributaria Provinciale) se vuole eccepire eventuali vizi di notifica degli atti presupposti. Magari in quella sede può anche affrontare la problematica inerente la validità della notifica stessa dell’avviso di intimazione al pagamento.

Certo, potrebbe anche ignorare la notifica diretta dell’avviso di intimazione al pagamento perchè viziata in quanto non perfezionata secondo quella che lei ritiene la corretta procedura e, pertanto, secondo la sua personale opinione, priva di qualsiasi valore recettizio. Tuttavia, qualora un domani Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER) avviasse azioni di riscossione coattiva a seguito dell’inadempimento rispetto all’ordine di pagamento portato dall’avviso di intimazione, lei correrebbe il rischio di vedersi inibita qualsiasi ulteriore possibilità di contestazione giudiziale in tema di omessa notifica delle cartelle esattoriali presupposte, a fronte dell’esibizione in giudizio della ricevuta di ritorno, da parte di ADER, firmata dal destinatario di cittadinanza italiana, seppur residente in Bulgaria.

E’ da tempo, ormai, che i giudici tributari, per quanto riguarda le procedure di notifica di atti relativi alle cartelle di pagamento, si soffermano sugli aspetti sostanziali, piuttosto che formali, della questione; limitandosi a decidere se l’atto oggetto di notifica, sia effettivamente giunto, o meno, nella sfera di conoscenza del destinatario e senza sottilizzare, più di tanto, sulle procedure con cui l’atto è stato portato a conoscenza del destinatario.

1 Gennaio 2020 · Paolo Rastelli

Solo un breve riscontro per ringraziare sentitamente del parere e porgere i miei migliori auguri di buon anno.

Grazie e buon anno anche a lei.

2 Gennaio 2020 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Recupero crediti di Agenzia delle Entrate Riscossione nei confronti di cittadino italiano residente in Australia
Sono un cittadino italiano residente in Australia da sei anni: mi sono iscritto all'AIRE pochi mesi fa e ho subito ricevuto una cartella dall'Agenzia delle Entrate Riscossione per circa 30 mila euro per sanzioni amministrative e debiti con l'INPS per un attività finita male nel 2013. In Italia avevo la residenza dai mie genitori che non hanno mai ritirato la posta per me. Ora, ero nullatenente in Italia ed in pratica lo sono anche qui, a parte avere intestato a mio nome una macchina. Potrebbero prendere il quinto dello stipendio e prendere soldi dal mio conto bancario australiano o fare ...

Pignoramento dello stipendio di un cittadino italiano transfrontaliero in Svizzera da parte dell'Agenzia Delle Entrate Riscossione (ADER)
Lavoro in Svizzera ed ho cartelle esattoriali di Equitalia per molte migliaia di euro: sono frontaliero fiscale nella fascia di 20 km dal confine e pago le imposte alla fonte. In qualche sito ho letto che per problemi fiscali l'Italia non può pignorare lo stipendio in Svizzera. Vi chiedo se qualcuno ha informazioni e può rispondere alle seguenti domande. Equitalia può pignorare lo stipendio in Svizzera? Possono aggredire anche il secondo pilastro che ha valore previdenziale? ...

ISEE per saldo e stralcio delle cartelle esattoriali per cittadino italiano residente all'estero ma iscritto AIRE
Vorrei aderire al saldo e stralcio delle cartelle esattoriali e ho necessità di fare l'isee: sono all'estero da febbraio 2017 iscritto all'AIRE di Bruxelles da ottobre 2018 con compagna - coabitazione legale fatta solo in Belgio - e due figli minori. Nel 2018 ho fatto la dichiarazione dei redditi solo in Belgio. Il consolato italiano mi può rilasciare una certificazione ufficiale del mio reddito imponibile dell'anno 2017. Con questa documentazione posso fare l'ISEE ai fini suindicati? Devo comunque rivolgermi a un caf in Italia? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Avviso di intimazione al pagamento di Agenzia delle Entrate Riscossione per molteplici precedenti cartelle esattoriali asseritamente mai notificate a cittadino italiano residente all’estero