Autovettura danneggiata a causa di carburanti di scarsa qualità - Come fare per ottenere risarcimento?

Ho dovuto da poco sostituire, a caro prezzo, tutti gli iniettori della mia automobile, comprata da nemmeno due anni: il mio meccanico di fiducia, e mio amico anche in ambito extralavorativo, mi ha detto che ciò è dovuto al carburante, spesso inquinato e di pessima qualità.

Non so però come potrei a risalire al responsabile e come farmi, in caso, risarcire.

Avete qualche suggerimento?

Molto spesso, come nel suo caso, molti consumatori lamentano di aver subito dei danni al proprio veicolo a causa di carburanti di pessima qualità o addirittura inquinati: questa è una problematica molto seria, con conseguenze anche gravi per le autovetture.

Il carburante guasto può dipendere da diversi fattori: si va dai problemi a monte nella raffinazione, alle cisterne non pulite regolarmente dai residui o alle vere e proprie contraffazioni.

I danni possono essere diversi: ovviamente le parti più a rischio sono quelle che riguardano il sistema di iniezione.

In molti casi si può risolvere solo con la sostituzione dei filtri, ma si può arrivare a dover sostituire gli iniettori o la pompa del carburante.

Purtroppo, generalmente, nel momento in cui il consumatore rileva che qualcosa non va con il proprio veicolo, sono stati percorsi alcuni chilometri e non è sempre facile risalire alle reali cause.

Allora come comportarsi?

Il primo consiglio è quello di risalire alla pompa sospetta.

Se si è pagato con le carte è importante conservare le ricevute per dimostrare l'effettivo utilizzo della pompa e per avere prove da presentare in caso di contenzioso, è utile, inoltre, raccogliere le dichiarazioni di eventuali testimoni e, in estrema ratio, rivolgersi alle forze di polizia per la stesura di un verbale.

Effettuata la riparazione può essere utile conservare una tanica con il carburante raccolto durante i lavori e, ovviamente, farsi rilasciare la fattura con il dettaglio dell'intervento effettuato.

Il consiglio più importante, però, riguarda la richiesta di risarcimento da inviare al gestore della stazione.

Spesso accade che quando il consumatore reclama verso le aziende produttrici, queste sono solite respingere ogni addebito per carburante sporco.

Dopo aver ricevuto la segnalazione, infatti, la società risponde di aver avviato una procedura finalizzata alla verifica sulla qualità del carburante.

Tuttavia, generalmente, alla segnalazione dell'utente segue una risposta negativa per aver la società distributrice effettuato non meglio identificati “controlli” (peraltro non in contradditorio con il consumatore e sempre a considerevole distanza di tempo dai fatti).

Il consiglio generale, dunque, è di farsi assistere da un'associazione dei consumatori.

28 settembre 2018 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Risarcimento danni per sinistro causa tombino aperto non segnalato
Il giorno 4 febbraio, stavo tornando a casa da lavoro, con la mia citroen C1 - Le strade di Roma, purtroppo, si sa, sono di pessima qualità, dissestate e piene di buche. Come se non bastasse, mentre guidavo, a velocità moderata, sono incappata in un tombino aperto, non segnalato. L'ho ...
Risarcimento immediato assicurazione - Fine della chiusa inchiesta?
Un mese fa, purtroppo, sono stata vittima di un furto: mi hanno rubato la macchina, mentre ero in fila alle poste e, avendo, fortunatamente, la polizza per il furto e incendio, ho subito inviato richiesta di risarcimento alla mia assicurazione. La compagnia, però, oltre ai documenti di routine, mi ha ...
Risarcimento danni - Che fare quando la riparazione del veicolo costa più dell'autovettura stessa?
Ci occupiamo della spinosa questione della riparazione antieconomica di una vettura danneggiata, che si pone ogni qual volta un veicolo di scarso valore commerciale subisce danni tali da sconsigliarne la riparazione. Come chiarito in diversi articoli, secondo consolidata giurisprudenza, esiste la possibilità che l'assicurazione neghi il risarcimento dei danni dell'automobile ...
Può essere compresa nella domanda di risarcimento danni da preteso mobbing anche quella di risarcimento per lo stato di scarsa utilizzazione del lavoratore
Può essere compresa nella domanda di risarcimento dei danni da preteso mobbing anche quella, di portata e contenuto meno ampio, di risarcimento dei danni da dequalificazione professionale, conseguente allo stato di inattività o di scarsa utilizzazione del lavoratore. il mobbing è una figura complessa che designa un complesso fenomeno consistente ...
La fattura quietanzata del carrozziere non è una prova sufficiente per il risarcimento danni, tanto più se proviene dalla stessa parte che intende utilizzarla in qualità di cessionaria del credito
Si tratta del principio di diritto enunciato dai giudici della Corte di cassazione con l'ordinanza 3293/2018, i quali hanno stabilito che la fattura non costituisce, di per sè, prova del danno e l'eventuale indicazione quietanza, apposta sulla stessa, non è sufficiente a dimostrare l'avvenuto pagamento, in difetto di ulteriori elementi ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca