Arrivano gli autovelox che scovano le auto che fanno troppo rumore – L’incubo per guidatori di auto truccate o veicoli privi di marmitte

Ho sentito dire che sta per utilizzato, sulle strade, un autovelox acustico, che scova le macchine che fanno troppo rumore: parlo, ad esempio, di auto con motori truccati o veicoli a due ruote privi di marmitta, per aumentare le prestazioni.

Secondo me sarebbe una bella idea: è vero?

Anche se per ora il discorso è serio solo oltralpe, dato che è in Francia che se ne sta parlando, potrebbe arrivare la fine, anche nel nostro paese, della pacchia per i veicoli particolarmente rumorosi, che si tratti di auto o moto truccate o prive di marmitta.

Infatti, è partita la sperimentazione di quello che è già stato battezzato “autovelox del rumore”.

Il nome ufficiale però, o quantomeno quello utilizzato dal sindaco di Villeneuve-le-Roi (vicino a Parigi), è radar del rumore.

Il sistema, che è già stato installato su alcuni pali della luce del Comune francese ma non è ancora attivo, rileva il passaggio di un mezzo particolarmente rumoroso, lo identifica, e fa partire la multa, proprio come fanno i tradizionali autovelox per quanto riguarda i limiti di velocità.

Ci sono, per ogni dispositivo, quattro microfoni che misurano i decibel dell’ambiente e le loro variazioni al decimo di secondo, e che sono in grado attraverso una triangolazione di stabilire il punto di origine dei rumori molesti.

Il sistema scatta una foto e le sovrappone quindi il grafico della scia acustica, che risulterà così “in uscita” dal suo veicolo di origine.

A quel punto, grazie alla targa può partire la multa.

Didier Gonzales, sindaco di Villeneuve-le-Roi, dichiara che i nuovi dispositivi verranno attivati quando sarà approvato da parte del Governo (e quindi a livello nazionale) un disegno di legge che autorizzi il collegamento delle registrazioni audio del sistema alle telecamere a circuito chiuso della polizia.

Ovviamente è già in vigore una legge che limita il rumore consentito ai veicoli che circolano per le strade, in Francia come da noi.

Ma è sempre stato complesso applicarla, perché le vetture avrebbero dovuto essere fisicamente fermate una a una per comminare la sanzione.

Questo sistema, invece, automatizzerebbe la procedura rendendo estremamente più facile identificare i trasgressori e facendo crescere esponenzialmente il numero di multe (con conseguenti benefici per le casse comunali).

Sarà davvero l’inizio della fine per i caratteristici “rombi di tuono” che spesso fanno girare la testa in giro per la città, e che tanto sono amati da alcuni piloti?

Staremo a vedere. Anzi, a sentire.

6 Settembre 2019 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assegni privi della clausola di non trasferibilità - Arrivano (finalmente) le sanzioni ridotte
Per sbaglio qualche mese fa ho incassato (nemmeno emesso) un assegno di milleduecento euro, purtroppo datato e privo della clausola non trasferibile, per la vendita della mia auto: sia io che l'acquirente della vettura siamo andati incontro ad un inferno. Ci è stata, infatti, comminata una sanzione di tremila euro a testa. Se, invece, volessimo procedere all'oblazione dovremmo pagare addirittura il doppio, ovvero seimila euro. Si era parlato di una sanatoria, ma non se ne è fatto più nulla. Quando cambierà qualcosa? Questo è un sopruso. ...

Eccesso di velocità ed auto in doppia fila - A Roma è guerra con i nuovi autovelox?
L'altro giorno, mentre ero in metropolitana, ho letto sui classici giornali gratuiti che il Comune di Roma sta per posizionare una miriade di autovelox sulle strade della Capitale. Inoltre, ci sarebbero delle fantomatiche apparecchiature di nuova generazione che potrebbero colpire anche chi sosta in doppia fila. Quanto c'è di vero? E' l'ennesimo tentativo di fare cassa? ...

Fermo amministrativo su due veicoli per mancato pagamento multa da autovelox e omessa comunicazione dati conducente
Sono stati disposti dal concessionario per la riscossione del comune di La Spezia due fermi amministrativi, su altrettanti veicoli a me intestati, per una cifra a debito di mille e 218 euro, originata dal mancato pagamento di una multa per autovelox e dalla sanzione accessoria relativa alla omessa comunicazione dati conducente. Eravamo partiti da 171 euro nel 2009! E' regolare tutto ciò? Sono ancora in tempo per ricorrere al GdP? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Arrivano gli autovelox che scovano le auto che fanno troppo rumore – L’incubo per guidatori di auto truccate o veicoli privi di marmitte