I termini per presentare istanza in autotutela

Cosa e l'autotutela? E fino a quando si puo fare? anche dopo 60 giorni della notifica della cartella esattoriale?

La presentazione di una domanda di sgravio finalizzata a rimediare ad un errore rilevato nella pretesa di una cartella esattoriale (ad esempio la richiesta da parte del fisco di un importo che è stato già integralmente versato all'erario) viene indicata come autotutela, nel senso che si tratta di un'azione finalizzata a tutelare se stessi (ed anche l'amministrazione, che andrebbe incontro a spese giudiziali inutili, nel caso in cui il contribuente avviasse un contenzioso tributario con motivazioni giuridicamente fondate).

Il termine 60 giorni è spesso citato per sottolineare che se si procede in autotutela dopo 60 giorni, in caso di diniego allo sgravio, non è più possibile impugnare la cartella. Come si suol dire “cornuti e mazziati”.

L'istanza di sgravio in autotutela, in ogni caso, non sospende i termini per la presentazione di un eventuale ricorso.

Si procede a richiedere lo sgravio in tutti i casi in cui sulla cartella vi è un errore palese, come l'errore di persona, l'evidente errore logico o di calcolo, doppia imposizione, tributo già pagato, mancata considerazione di diritti a riduzioni, etc.,

Solo in queste circostanze è consigliabile tentare di farsi annullare o correggere la cartella (a seconda dei casi) rivolgendosi in modo “amichevole” direttamente all'ente creditore, senza procedere - almeno in prima fase - con la procedura di contestazione formale (ricorso).

Per i vizi di notifica della cartella esattoriale, invece, è necessario presentare un ricorso nei termini.

7 settembre 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale
notifica cartella esattoriale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Autotutela » L'amministrazione finanziaria può essere condannata per responsabilità processuale aggravata se non annulla atto entro i termini
Autotutela: in caso di atto illegittimo notificato al contribuente da parte dell'Agenzia delle Entrate, qualora l'annullamento dell'amministrazione finanziaria non arrivi entro i termini per proporre ricorso, scatta il risarcimento per responsabilità processuale aggravata. Qualora, l'ente impositore. in presenza di una tempestiva richiesta di annullamento in autotutela, faccia inutilmente decorrere il ...
Istanza di autotutela per l'annullamento di una cartella esattoriale a causa di somme non dovute » Guida per il contribuente/debitore
Tutto ciò che bisogna conoscere sull'istanza di autotutela per l'annullamento di una cartella esattoriale. Quando una cartella esattoriale è palesemente illegittima o viziata, come ad esempio può esserlo una cartella esattoriale per un tributo non dovuto o già pagato, è interesse anche della pubblica amministrazione evitare una causa che la ...
Rigetto dell'autotutela per avviso di accertamento divenuto definitivo » Come effettuare il ricorso contro il provvedimento
Come effettuare il ricorso contro il provvedimento di rigetto dell'autotutela. Il contribuente che richiede all'Amministrazione finanziaria di ritirare, in via di autotutela, un avviso di accertamento divenuto definitivo, non può limitarsi a dedurre eventuali vizi dell'atto medesimo, la cui deduzione deve ritenersi definitivamente preclusa, ma deve prospettare l'esistenza di un ...
Contenzioso tributario - Il diniego di autotutela può essere impugnato solo per vizi propri
L'istanza di sgravio in autotutela, in ogni caso, non sospende i termini per la presentazione di un eventuale ricorso giudiziale. Pertanto, se il rigetto dell'istanza in autotutela dell'amministrazione viene notificato una volta decorsi i termini per l'impugnazione giudiziale dell'atto, non è più possibile contestare il merito della pretesa tributaria. Infatti, ...
Cartella esattoriale di Equitalia: marito e moglie non si parlano? » Basta che l'atto sia consegnato al coniuge del legittimo destinatario per rendere valida la notifica
E' valida la notifica della cartella esattoriale di equitalia consegnata al coniuge dell'effettivo destinatario, anche se questi, per dimenticanza o di proposito, non avverte il legittimo ricevente. La cartella esattoriale è valida anche quando il coniuge non la consegna al contribuente. È sufficiente che la notifica sia avvenuta nell'indirizzo di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca