Cartelle esattoriali forse prescritte e affette da vizi di notifica - Come procedere?

Io ho debiti tra multe e tasse comunali di circa 5000 euro: credo siano prescritte prescritte perché sono trascorsi più di 5 anni e l'indirizzo è sbagliato.

L'ho visto dall'estratto richiesto alla agenzia riscossione. Vorrei fare l'autotutela: ho letto su internet che ora hanno 220 giorni di tempo per rispondere.

È davvero davvero così?

Lei riferisce che le cartelle esattoriali sono state notificate (per compiuta giacenza, probabilmente) ad un indirizzo errato: presentando istanza in autotutela per eccepire l'eventuale prescrizione (che andrebbe, comunque, accertata) lei sanerebbe le notifiche viziate.

Il modo migliore per affrontare la questione è attendere un atto formale di riscossione coattiva ed opporsi al giudice dell'esecuzione per contestare l'omessa notifica e, se del caso, e solo in seconda battuta, l'intervenuta prescrizione del titolo (la cartella esattoriale) su cui si fonda l'azione esecutiva.

Tenga presente che, ormai, il Concessionario della riscossione è dotato di tutti gli strumenti (automatici e non) per verificare se un debito iscritto a ruolo è ancora esigibile (sia per quanto attiene la correttezza della notifica che il decorso della prescrizione). Quindi non è escluso che cartelle esattoriali in oggetto non abbiano alcun seguito.

Quindi bisogna portare pazienza, anche se è comprensibile che a tutti farebbe piacere consacrare ufficialmente la cancellazione di un debito.

Invece, presentando l'istanza in autotutela (e, dunque, ammettendo di essere venuto a conoscenza della pretesa esattoriale dall'estratto di ruolo) si espone al rischio che il creditore non riconosca la prescrizione e che le risponda dopo che sono trascorsi i termini per presentare ricorso giudiziale , termini (60 giorni) che decorrono, tassativamente, dalla data in cui lei dichiara di essere venuto a conoscenza della pretesa.

31 luglio 2018 · Paolo Rastelli

Se io utilizzo l'autotutela apponendo lo storico della residenza, perché devo fare ricorso entro i 60 giorni ad un loro rifiuto? Il debito poi sale e il problema è che non voglio lasciare debiti a mia figlia. Come posso procedere, facendo ricorso con l'avvocato sarebbe molto costoso?

Come le è stato già spiegato, presentando ricorso in autotutela, dimostra che comunque è venuto a conoscenza del debito ed una cartella esattoriale non si annulla se la notifica è formalmente errata ma della comunicazione è comunque venuto a conoscenza il debitore. Asserendo di aver saputo della cartella prendendo visione di un estratto di ruolo, comporta solo la possibilità di presentare ricorso nei termini previsti dalla legge a partire dal momento in cui ha ottenuto l'estratto di ruolo: il fatto che poi lei crede che le cartelle siano prescritte, non significa che lo siano giuridicamente.

2 agosto 2018 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale prescrizione e decadenza

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accesso agli atti - Anche se sono trascorsi più di cinque anni dalla data di notifica, il debitore deve poter prendere visione delle cartelle esattoriali non ancora prescritte
Come previsto dalla normative vigente, il concessionario della riscossione deve conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell'avvenuta notifica o l'avviso di ricevimento ed ha l'obbligo di farne esibizione su richiesta del contribuente o dell'amministrazione. Infatti, il debitore vanta un interesse concreto ed ...
Cartelle esattoriali pazze » Come difendersi? Tutto su sospensione sgravio ed autotutela
Cartelle esattoriali pazze di Equitalia: ecco come difendersi. Piccolo refresh su sospensione sgravio ed autotutela. Nell'articolo che segue, vogliamo ribadire ai contribuenti italiani quali sono i diritti previsti dalla legge nel caso della ricezione delle classiche cartelle esattoriali pazze. Per cartelle esattoriali pazze, intendiamo tutte quelle richieste di pagamento per ...
Cartelle esattoriali pazze – ecco cosa fare in caso di errori palesi o prescrizione del debito sotteso
In tutti i casi in cui sulla cartelle esattoriali vi sono errori palesi, come l'errore di persona, l'evidente errore logico o di calcolo, doppia imposizione, mancata considerazione di diritti a riduzioni, etc., è consigliabile tentare di farsi annullare o correggere la cartella (a seconda dei casi) rivolgendosi in modo “amichevole” ...
Contenzioso tributario - Il diniego di autotutela può essere impugnato solo per vizi propri
L'istanza di sgravio in autotutela, in ogni caso, non sospende i termini per la presentazione di un eventuale ricorso giudiziale. Pertanto, se il rigetto dell'istanza in autotutela dell'amministrazione viene notificato una volta decorsi i termini per l'impugnazione giudiziale dell'atto, non è più possibile contestare il merito della pretesa tributaria. Infatti, ...
Autotutela » L'amministrazione finanziaria può essere condannata per responsabilità processuale aggravata se non annulla atto entro i termini
Autotutela: in caso di atto illegittimo notificato al contribuente da parte dell'Agenzia delle Entrate, qualora l'annullamento dell'amministrazione finanziaria non arrivi entro i termini per proporre ricorso, scatta il risarcimento per responsabilità processuale aggravata. Qualora, l'ente impositore. in presenza di una tempestiva richiesta di annullamento in autotutela, faccia inutilmente decorrere il ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca