Autostrade e aumento pedaggi - Quanto spenderò di più quest'anno?

Ho aperto due anni fa una ditta Srl per la produzione ed il trasporto di prodotti locali abruzzesi: posseggo tre furgoni con cui rifornisco ristoranti e alcuni negozi nella mia regione ed in quelle circostanti.

Ho sentito dire che da quest'anno aumenteranno, di nuovo, i pedaggi autostradali: dato che ciò grava molto sul mio profitto, vorrei sapere se è vero e e a quanto ammonta all'incirca la spesa annua.

Purtroppo anche la questione economica relativa ai pedaggi subirà un'impennata: dopo i rincari annunciati sulle bollette dell'energia e dopo il polverone sollevato dalla vicenda dei sacchetti biodegradabili obbligatori per frutta e vedura, il 2018 si apre con un'altra stangata per i consumatori.

Dunque, percorrere le autostrade nazionali comporterà una spesa maggiore rispetto all'anno precedente.

L'incremento medio del pedaggio per i veicoli sull'intera rete autostradale, calcolato sulla base delle percorrenze 2017, è pari al 2,74%.

I casi più emblematici sono le tratte che congiungono Milano a Torino e Roma a Tivoli.

In entrambi i casi, infatti, percorrerle nel 2018 significa spendere il 19% in più rispetto a tre anni fa, ovvero quasi 20 volte rispetto all'inflazione.

Nonostante siano due tratte che hanno già registrato aumenti considerevoli negli anni precedenti, il raffronto dei prezzi parla chiaro: il pedaggio della Milano-Torino passa dai 14,10 euro del 2015 ai 16,80 euro del 2018, mentre quello della Roma-Tivoli passa dai 2,10 euro del 2015 ai 2,50 euro di quest'anno.

Per quanto riguarda il centro Italia, le tariffe della Strada dei Parchi crescono del 12,89% (riguardano la A24 e la A25 tra il Lazio e l'Abruzzo).

Al sud invece gli aumenti sono del +5,98% per le Autostrade meridionali (la Napoli-Salerno) e del +4,31% per la tangenziale di Napoli. Le restanti tratte autostradali del paese invece rimangono invariate.

Sono tutti aumenti che, dati alla mano, sono sprovvisti di qualsiasi fondamento o giustificazione.

L'intenzione del ministero è quello di premiare le compagnie autostradali che si sono comportate meglio, tenendo conto della qualità del servizio, del recupero della produttività e degli investimenti.

Secondo i consumatori, però, si tratta però di aumenti inaccettabili, che mandano in tilt i bilanci dei pendolari.

5 gennaio 2018 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

autostrade - pedaggio
tutela consumatore
tutela consumatore - viaggi e vacanze

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Crisi e famiglia » Quanto costa oggi crescere un figlio?
Quanto costa crescere un figlio in tempo di crisi? Quanti figli è possibile mantenere, in base alle possibilità economiche presenti e future? A queste, ed altre, domande, rispondiamo nel prosieguo dell'articolo. Partiamo da uno studio europeo: ad esempio, il costo medio che i genitori britannici devono sostenere per crescere i ...
Carta di credito prepagata – una soluzione percorribile per chi ha subito un protesto
La carta prepagata è uno strumento rilasciato a fronte di un versamento anticipato di fondi effettuato all'emittente. Essa incorpora il potere d'acquisto pagato in via anticipata dal titolare della carta e viene emessa da banche, nel caso in cui la carta sia spendibile presso una molteplicità di esercenti (carta a ...
Bollo auto – termini di prescrizione per accertamenti e radiazione d'ufficio
Il termine entro cui va in prescrizione il diritto dell'amministrazione al recupero delle tasse automobilistiche non corrisposte é il terzo anno successivo a quello in cui doveva avvenire il versamento. La tassa automobilistica dal 01/01/1999 é stata attribuita alle Regioni, le quali però possono modificarla molto limitatamente e non possono ...
Irpef - detrarre le spese per asilo nido
Sono detraibili al 19% le spese sostenute dai genitori per il pagamento delle rette relative alla frequenza di asili nido da parte dei figli di età compresa tra i tre mesi e i tre anni. Il limite di spesa sul quale calcolare la detrazione è di 632 euro; pertanto, lo ...
Il redditometro » Ecco come difendersi
Il redditometro: ecco come difendersi dalla nuova arma dell'Agenzia delle Entrate. L'abbiamo già detto in nostri precedenti interventi, da qualche tempo è partito il redditometro, nuovo intervento per il controllo dell'evasione fiscale. Quel tipo di evasione in cui si verifica una capacità di spesa altissima e redditi dichiarati che invece ...

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca