Attività con debiti e subentro di soci nella compagine sociale

Se un’attività sociale contrae debiti con INPS, IRPEF, IVA e Tassa Smaltimento rifiuti e il socio vende le proprie quote ad un’altra persona prima che Equitalia inizi la procedura del pignoramento dei beni, il nuovo socio sarà esposto alle conseguenze di tali debiti o non lo riguarderanno?

Il codice civile (articolo 2269) dispone che chi entra a far parte di una societa’ gia’ costituita risponde con gli altri soci per le obbligazioni sociali anteriori all’acquisto della qualita’ di socio.

In caso di uscita dalla societa’ da parte di un socio (articolo 2290 codice civile) lo stesso resta responsabile verso i terzi per le obbligazioni assunte fino al giorno in cui si verifica la sua uscita dalla compagine sociale.

Insomma il socio entrante e quello uscente sono solidalmente responsabili (pro quota o illimitatamente, dipende dal tipo di società) per i debiti accumulati dalla società fino al giorno in cui avviene l’avvicendamento nella compagine sociale.

Il problema non si pone per quanto riguarda le ditte individuali, il cui titolare risponde personalmente dei debiti accumulati durante l’attività. Il trasferimento di proprietà può riguardare una licenza o un bene funzionale all’esercizio, ma non la ditta.

3 Novembre 2015 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Divisione debiti tributari tra ex-soci snc
Ho un quesito a cui finora nessun legale o commercialista ha saputo dare risposta certa: fino a novembre 2014 partecipavo al 50% in una società a nome collettivo con un solo altro socio. L'attività è stata chiusa di comune accordo, senza liquidazione poiché la società non aveva né debiti né crediti verso terzi. Persistono invece debiti con il fisco, a oggi regolarmente pagati tramite rateazione delle originali cartelle Equitalia. Per il pagamento di dette rate, tuttavia, usiamo un conto co-intestato tra gli ex-soci. Agli occhi di Equitalia persiste la responsabilità in solido: esiste qualche possibilità di separare definitivamente la responsabilità ...

Garanzie bancarie soci sas e rinuncia all'eredità del socio accomandatario
Una sas aveva un debito verso una banca per euro 150 mila. A socio 25% accomandatario amministratore. B socio 25% accomandante C socio 25% accomandante D socio 25% accomandante Tutti i soci sono garanti del prestito, anche se sul contratto la prima firma naturalmente è di A. Il socio A amministratore non possiede immobili né altri beni. Il socio B si accolla il debito verso la banca e paga, a stralcio, euro 100 mila. Il socio B può rifarsi su A, per euro 100 mila (o 150 mila) quando questo erediterà dal proprio padre? Abbiamo saputo che A intende rinunciare ...

Srls: perseguibilità soci e legale rappresentante per debiti sociali
Vi scrivo in qualità di socio e legale rappresentante di una SRL semplificata costituita appositamente per avviare un'attività di commercio al dettaglio nell'ambito della salute e il benessere. Per fare ciò mi sono impegnato contrattualmente tramite franchising. Purtroppo per vari problemi che non sto qui ad elencare, ho deciso di rinunciare all'apertura dell'attività. Naturalmente ho fatto il recesso anticipato e chiaramente così come da contratto il franchisor mi reclama la penale. Premesso che avrei elementi validi per oppormi alla penale e che questo lo valuterò eventualmente con un legale specializzato in franchising, volevo chiedere questo: avendo comunque intenzione di chiudere ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Attività con debiti e subentro di soci nella compagine sociale