Asta mutuo sofferenza locale commerciale

Io ho un locale commerciale su cui insiste un mutuo ormai in sofferenza: la banca mi ha rifiutato gia’ due proposte perche’ era mia intenzione provare con saldo a stralcio del debito.

Se l’immobile finisce all’asta e la banca vende l’immobile ad un valore che non copre il debito (debito circa 100 mila euro e vendita ipotetica 70.000). Se quindi c’e differenza tra cio’ che ricavano e il debito, cosa succede?

C’è un’ipoteca di primo grado iscritta dalla banca per il doppio del valore.

Difficile che la banca accetti una proposta transattiva del debitore proprietario di un bene immobile su cui insiste ipoteca.

Lo scenario più verosimile è il pignoramento e l’espropriazione del locale commerciale: il ricavato, dedotte le spese legali, gli interessi ed il capitale ancora non rimborsato, qualora negativo, costituirà il debito residuo che resterà obbligo in capo al debitore esecutato.

23 Febbraio 2015 · Giorgio Martini

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?