La mia casa sarà venduta all'asta

Mi hanno pignorato la casa per debiti (ipoteca a favore di ATER che non pago da due anni per problemi) e debito diverso con società privata per 36 mila Euro. La casa sarà venduta all'asta senza incanto il 25/11/2011 quindi fra tre mesi.Sono proprietario al 100%, sposato in separazione dei beni. Ho un figlio di 25 anni convivente ed ha appena iniziato a lavorare,sono disoccupato e così pure mia moglie.Possono togliermi la casa? Può, eventualmente acquistarla mio figlio facendo un mutuo o altro? Grazie in anticipo per la risposta che potete darmi.

Nella vendita senza incanto è ammesso all'acquisto chiunque, tranne il debitore.

Chi partecipa all'asta deve però allegare un assegno circolare non trasferibile di importo pari al 10% del prezzo offerto a titolo di cauzione.

L'aggiudicatario potrà poi versare il residuo anche mediante mutuo ipotecario con garanzia sull'immobile oggetto della vendita.

Dunque, in linea teorica tutto è possibile. Ma è necessario disporre almeno della liquidità necessaria per presentare l'offerta oltre a raggiungere l'accordo con la banca per l'erogazione del mutuo in caso di aggiudicazione.

Infatti, una volta individuato l'istituto bancario che sia disposto a concedere a suo figlio un mutuo ipotecario per l'immobile, in mancanza della possibilità ovvia di iscrivere ipoteca sul bene oggetto d'asta prima della sua aggiudicazione, resta lo scoglio di reperire la somma (10% dell'offerta) che la banca di certo non anticiperà in mancanza di garanzie.

29 agosto 2011 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Separazione » Revoca della casa familiare se ex moglie si trasferisce al mare con il figlio
Separazione: sì alla revoca della casa familiare in città se l'ex moglie si trasferisce al mare con il figlio. È legittima la revoca della casa familiare, in città, se la moglie si trasferisce volontariamente al mare con il figlio convivente. Infatti, la conservazione dell'appartamento principale, quale habitat domestico, deve avere ...
Assegno di mantenimento » Non va corrisposto se non si può lavorare a causa della salute precaria
L'assegno di mantenimento non va corrisposto se è impossibile lavorare a causa di condizioni di salute precarie. Salute precaria, difficile lavorare: l'uomo può ancora evitare il mantenimento per i figli. Le condizioni fisiche precarie e la conseguente difficoltà a lavorare possono portare all'azzeramento dell'assegno di mantenimento previsto, dai giudici di ...
DSU ISEE per minorenne - Nucleo familiare con padre non convivente non coniugato e senza figli riconosciuti con altre donne
Ho letto che per una coppia di fatto come la mia il nucleo famigliare è quello dello stato di famiglia: mamma e bambino, perchè il papà è residente altrove e non siamo sposati. Vorrei sapere se a Torino esiste una delibera specifica per cui va considerato anche il padre per ...
Mantenimento figlio maggiorenne » Genitore disoccupato comunque obbligato
Dopo la separazione, il genitore, anche se disoccupato, è comunque obbligato a versare l'assegno di mantenimento al figlio maggiorenne. Questo essenziale concetto è stato concepito dalla Suprema Corte la quale, con la pronuncia 24424/2013, ha stabilito che: In materia di obblighi di contribuzione dei genitori nei confronti dei figli maggiorenni ...
Separazione personale » Stop all'assegno di mantenimento se coniuge obbligato è disoccupato e coniuge beneficiario ha nuovo partner
In tema di separazione personale tra due coniugi, non deve essere corrisposto l'assegno di mantenimento, da parte del coniuge obbligato, se lo stesso è disoccupato e il coniuge beneficiario ha intrapreso una nuova convivenza. Alla moglie non può essere riconosciuto il mantenimento qualora il marito si trovi disoccupato e la ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca